Amm: a settembre la festa dell’emigrante mantovano e lombardo

MANTOVA  – “La tradizionale Festa dell’Emigrante Mantovano e lombardo di Magnacavallo, grazie al patrocinio della Fondazione di Filitalia International di Filadelfia (USA), quest’anno diventerà un evento internazionale che unirà tutto il mondo dell’emigrazione italiano”. È quanto scrive Daniele Marconcini, presidente dell’Associazione dei mantovani nel Mondo e Governatore del Distretto Italia di Filitalia, nell’annunciare la data dell’edizione 2013 della Festa: l’8 settembre.

“Saranno presenti – continua Marconcini – i vari chapters del Distretto Italia di Filitalia. Oltre a quelli lombardi di Milano, Lodi, Cremona e Mantova e di Venezia del vicino Veneto, vi saranno delegazioni da Roma, dalla Campania e dalla Calabria. Saranno presenti come al solito come graditi ospiti gli amici delle Associazioni siciliane di Milano, oltre alle Associazioni dell’Unaie (Unione nazionale Immigrati ed Emigrati) a cui sono associate sia AMM Onlus che Filitalia International”.

“Questa iniziativa – annuncia – prevede anche l’apertura del primo Museo dell’Emigrazione lombarda a Magnacavallo di Mantova, gestito in collaborazione con l’Associazione dei Mantovani nel Mondo con il sostegno di Filitalia International”.

Marconcini, quindi, indirizza “un grazie particolare al lavoro del Sindaco Arnaldo Marchetti, del rappresentante locale Rino Barbi, dei rappresentanti dell’AMM Ernesto Milani, Luigi Guidorzi e Benedetta Lorenzi e per il sostegno dei Comuni mantovani come quello di Carbonara Po (che a breve metterà a disposizione la Casa Museo Villa Bisighini, edificata da un emigrante mantovano in Argentina) e altri Comuni come quello di San Benedetto Po. Ringraziamo Rosetta Miriello Presidente di Filitalia International negli Stati Uniti e Pasquale Nestico fondatore del sodalizio per l’appoggio all’iniziativa”.

“Particolarmente significativa – ricorda, quindi, Marconcini – sarà l’intitolazione di una piazza a Santa Madre Francesca Saverio Cabrini, protettrice universale dei Migranti, che sancirà un rafforzamento del movimento da sempre attivo a Sant’Angelo Lodigiano per una rivalutazione dell’opera missionaria e sociale della Santa presente con 160 istituzioni in ben 18 paesi. Una manifestazione che sarà di sensibilizzazione delle autorità regionali e nazionali dal Nord al Sud sulla importante presenza delle nostre Comunità all’estero e sulla nuova emigrazione intellettuale e professionale che sta riprendendo in tutta Italia verso l’estero”.

 

Condividi: