Argentina: primarie, duro colpo per Cristina Kirchner

Pubblicato il 12 agosto 2013 da redazione

BUENOS AIRES  – Cristina Fernandez de Kirchner ha subito un duro colpo politico nelle primarie celebratesi in Argentina in vista delle legislative di ottobre, con il peggior risultato della coalizione progovernativa dal 2003 e una vittoria cruciale per il suo nuovo sfidante figlio dello stesso peronismo: Sergio Massa. Sebbene “la presidente” abbia festeggiato ieri -senza lanciare alcun segnale di autocritica- che il suo Fronte per la Vittoria (FpV) resta la prima forza politica a livello nazionale, è vero che con poco più del 26% dei voti ha registrato un calo notevole riguardo alle legislative del 2009, quando aveva raggiunto il 30,67%. Inoltre, su 23 province (entità dello Stato federale) il kirchnerismo è risultato vincente solo in 8, nonché sconfitto in molti distretti cruciali, come Mendoza, Cordoba, Santa Fe e perfino Santa Cruz, il feudo elettorale dei Kirchner, dal quale Nestor e Cristina lanciarono la loro carriera politica.

Ma la debacle si è registrata anche nella città di Buenos Aires, che ha statuto speciale, e nell’omonima provincia, che concentra quasi il 40% dell’elettorato nazionale. E’ qui che il kirchnerismo ha subito la disfatta più cocente, con il chiaro trionfo di Sergio Massa, che ha nettamente staccato (35,05 contro 29,65%) il candidato progovernativo Martin Insaurralde, la cui campagna era stata di fatto condotta dalla stessa “presidenta”, con l’appoggio della macchina propagandista del governo e qualche iniziativa discutibile, come la “foto rubata” di Insurralde con Papa Francesco durante la recente Giornata Mondiale della Gioventù in Brasile.

Massa -ex capo del gabinetto presidenziale passato all’opposizione e sindaco della località bonaerense di Tigre- si è già presentato come un possibile candidato presidenziale per il 2015 (“abbiamo deposto un seme per il futuro del paese”), attaccando il governo su una serie di temi sensibili: insicurezza, inflazione, tasse e clima economico. Oltre al lancio politico della leadership di Massa, i risultati delle primarie -che tecnicamente dovrebbero servire a definire le liste di candidati per le legislative, ma costituiscono di fatto un termometro della temperatura politica- comportano un’altra conseguenza di peso: l’impossibilità di una riforma costituzionale che permetta una seconda rielezione di Cristina Fernandez de Kirchner fra due anni.

Questo è il panorama con il quale l’Argentina si prepara ora a quella che inevitabilmente sarà una campagna elettorale di due mesi prima delle politiche. Fedele alla sua immagine, “la presidenta” ha affermato ieri notte che per lei “non cambia niente”, ma bisognerà vedere che effetto avranno i risultati delle primarie, sopratutto a livello della macchina politica peronista nella provincia di Buenos Aires. Nelle settimane prossime sono previsti vari avvenimenti che peseranno su questa evoluzione: il Tribunale Supremo deve annunciare la sua sentenza definitiva sulla legge sui media -assunta al rango di causa nazionale dal governo, nella sua guerra contro il gruppo Clarin- e l’Fmi potrebbe colpire Buenos Aires con una sanzione senza precedenti a causa delle sue statistiche sull’inflazione, considerate del tutto inaffidabili.

Ultima ora

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

20:45Nuoto: Europei, Quadarella bronzo negli 800 stile libero

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - L'azzurra Simona Quadarella ha vinto la medaglia di bronzo negli 800 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen, con il tempo di 8'16"53, suo primato personale. L'oro è andato alla tedesca Sarah Koehler (8'10"65), il bronzo all'ungherese Boglarka Kapas (8'11"13). "Non pensavo di riuscire a prendere la medaglia quindi sono molto contenta del podio" ha commentato l'atleta romana, che lunedì compirà 19 anni.

20:33Calcio: Donnarumma “Io sono un tifoso del Milan”

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Poche parole ma tante foto e autografi. Se Gattuso dopo la contestazione di ieri sera aveva chiesto ai tifosi di proteggere Gianluigi Donnarumma, i ragazzi del vivaio del Milan, durante la festa di Natale, hanno seguito alla lettera le richieste del mister, coccolando il portiere con tanti applausi e un vero bagno di folla. Donnarumma si è dimostrato molto disponibile, ha salutato tutti i ragazzi sempre con il sorriso e dal palco ha ribadito un concetto: ''Sono un tifoso del Milan''. Ha fatto a tutti gli auguri di ''buon Natale'', ha ammesso di ''sognare un gol come quello fatto da Brignoli'', sottolineando quanto un gol del portiere arrivi solo in situazione di svantaggio, e ha ricordato che il suo idolo sia sempre stato Abbiati.

20:31Nuoto: Europei, Rivolta-Codia, doppietta 100 farfalla

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - 14 DIC - Matteo Rivolta ha vinto la medaglia d'oro nei 100 farfalla all'Europeo di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen con il tempo di 49"93. La doppietta azzurra è stata completata dall'argento di Piero Codia (49"96). Terzo posto e medaglia di bronzo per il tedesco Marius Kusch (50"01).

20:29Consip: difetto iter, nulla sospensione di Scafarto e Sessa

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Per un difetto di procedura, il mancato interrogatorio degli indagati prima dell'emissione del provvedimento della loro sospensione dalle funzioni, il gip di Roma Gaspare Sturzo ha annullato l'interdizione disposta nei confronti del maggiore dei carabinieri Gian Paolo Scafarto e del colonnello Alessandro Sessa, entrambi coinvolti nell'inchiesta della procura sul caso Consip. La misura dell'interdizione sarà quindi ripristinata la settimana prossima subito dopo l'interrogatorio dei due ufficiali dell'Arma.

20:26Ex calciatore scomparso: trovato ucciso dopo un mese

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - E' stato trovato ucciso Andrea La Rosa, l'ex calciatore di serie C, poi direttore sportivo del Brugherio calcio, scomparso il 14 novembre scorso. I carabinieri avevano aperto un'inchiesta che ipotizzava l'omicidio dopo la denuncia di scomparsa da parte della famiglia.

Archivio Ultima ora