Egitto: scontri fra piazza ma Fratellanza vuole trattare

Pubblicato il 13 agosto 2013 da redazione

ROMA – L’Egitto è appeso fra guerra e pace. Per l’intera giornata il Cairo è stato teatro dello scontro violento fra manifestanti pro-Morsi e cittadini contrari ai Fratelli Musulmani, ma per ora l’intervento dei militari per sgomberare i sit-in degli islamici e il conseguente temuto bagno di sangue non c’è stato. C’è stata invece la dichiarata volontà della Fratellanza, sei settimane dopo la deposizione del suo presidente Mohamed Morsi, di trattare con le altre parti in causa per far uscire il Paese dalla crisi politica che l’ha portato sul filo della guerra civile con un bilancio di oltre 300 morti. Una trattativa offerta e mediata dall’università Al-Azhar, la più prestigiosa istituzione religiosa dell’Islam sunnita, che ha riscosso l’adesione anche del partito fondamentalista El-Nour.

Ieri mattina il fronte che chiede la liberazione e il ripristino del presidente Morsi ha lanciato un appello a manifestare e a portare in piazza un milione di persone: da quando è scaduto l’ultimatum dei militari a sgomberare i due sit-in permanenti pro-Morsi al Cairo, attorno alla moschea Rabaa al-Adawiya e in piazza Al-Nahda, non solo i presidi e le barricate non sono stati tolti, ma hanno registrato l’afflusso quotidiano di migliaia di manifestanti solidali.

Il milione di manifestanti non c’è stato, ma diverse migliaia hanno provato a marciare dai due presidi sul ministero dell’ interno, incontrando però la contrarietà di contro-manifestanti laici, negozianti e comuni cittadini del centro del Cairo, che hanno apostrofato gli islamici gridando loro “terroristi” e “non siete i benvenuti”. In breve sono nate scaramucce violente, con lancio di sassi e bottiglie dalle strade, dai balconi e dalle finestre delle case, al quale i dimostranti hanno risposto per le rime, fino a provocare l’intervento della polizia con lacrimogeni contro i cortei. Il caos del centro è stato amplificato dal blocco del traffico e dei trasporti e dallo scompiglio delle normali attività. Ma la resa dei conti finale nel braccio di ferro fra militari e islamici è sospesa per dare spazio all’iniziativa di pace proposta da Al-Azhar, la prima dall’inizio della crisi.

Il portavoce dei Fratelli Musulmani, Gehad El-Haddad, ha dichiarato che il suo movimento è disponibile a trattare, purché i negoziati si svolgano “nei giusti termini”, secondo regole condivise, e si basino sul “ripristino della legittimità costituzionale”, violata, secondo la Confraternita, dalla deposizione e la detenzione (in luogo segreto) di Morsi, regolarmente eletto oltre un anno fa. Il portavoce ha anche aggiunto che i Fratelli Musulmani non sono disposti ad accettare la mediazione del grande imam di Al-Azhar, Ahmed el-Tayeb, a causa del suo appoggio all’esercito, ma che vi sono stati contatti con altre autorità dell’istituzione religiosa.

Anche i salafiti di El-Nour hanno fatto sapere di essere stati invitati dalla “nobile Al-Azhar” a sedersi al tavolo di pace e di volersi adoperare per convincere anche altre formazioni riottose. Nell’attesa, ieri è stato smantellato un altro “pezzo” del potere della Fratellanza: il presidente ad interim insediato dai militari, Adly Mansour, ha rimosso, come annunciato, i 20 governatori di provincia nominati da Morsi, sostituendoli per una buona metà con generali in pensione. Ma intanto un focolaio di forte tensione, che agita anche il fronte pro-Morsi, viene dalla penisola del Sinai, percorsa da settimane dalle scorribande di gruppi estremisti, che ieri, in risposta al raid di un drone, probabilmente israeliano, che ha ucciso quattro jihadisti, hanno lanciato un razzo contro la vicina città balneare israeliana di Eilat, intercettato in volo dal sistema anti-missile Iron Dome, opportunamente allestito dallo Stato ebraico a ridosso del nuovo confine “caldo”. Il lancio è stato rivendicato dal gruppo jihadista Consiglio della Shura dei mujaheddin, che ha promesso che “Eilat e altre città israeliane non avranno sicurezza, né turismo né crescita economica”.

Ultima ora

18:25Calcio: Giampaolo, pronti a battaglia in Coppa

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - "Non ci sono partite semplici e gli avversari forti ti stimolano. Ce la giocheremo alla pari". Marco Giampaolo si affida a SampTv per presentare l'ottavo di Coppa Italia contro la Fiorentina di domani. "Alla Coppa ci teniamo anche se - ha spiegato - la formula così concepita è difficile, perché devi vincere fuori casa a Firenze per passare il turno. In ogni caso la rispettiamo come sempre e farò giocare la miglior formazione possibile. Abbiamo recuperato bene rispetto alla partita di sabato alcuni elementi non sono al meglio della condizione. Dovremo farei i conti con alcune assenze. In ogni caso chi scenderà in campo darà battaglia". A Genova sono rimasti Viviano, Quagliarella e Linetty, tutti per motivi fisici "Domattina - aggiunge Giampaolo - farò la valutazione di chi è disponibile. A oggi non ho la minima idea di chi far giocare. La Fiorentina? E' una squadra forte che è cresciuta e arriva a questa sfida dopo i risultati positivi con Lazio e Napoli".

18:23Tetraplegico per tre mesi in autobus a scuola nel milanese

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - Tre mesi di tempo perché uno studente tetraplegico di 16 anni, milanese, ottenesse un trasporto adeguato alla scuola che frequenta fuori città, a Corsico. Nel frattempo è stato costretto ad andare sull'autobus accompagnato dalla madre o in auto col padre, perché "il Comune di Milano non ha fornito il mezzo adeguato poiché l'istituto era fuori dal capoluogo lombardo". La denuncia è di Angelo Ciocca, europarlamentare della Lega: "è un episodio davvero spiacevole, sono imbarazzato nel dire che sono dovuto intervenire su un'assenza del Comune chiedendo un intervento della Regione e non mi sembra giusto che un disabile non abbia il trattamento di cui ha diritto". "La Regione nel cuore dell'estate ha trasferito le competenze per i trasporti degli studenti superiori disabili ai Comuni, - ha replicato il Comune -. Purtroppo per la decina di studenti che vanno fuori città il contributo di Regione Lombardia è molto al di sotto del costo del servizio. Quindi il Comune ha avuto bisogno di reperire le risorse".

18:19Serena Grandi a giudizio per fallimento ristorante

(ANSA) - RIMINI, 12 DIC - Serena Grandi è stata rinviata a giudizio per il fallimento, dichiarato nel 2015, della società 'Donna serena srl' che ha gestito il ristorante la 'Locanda di Miranda', nel borgo San Giuliano di Rimini. L'attrice bolognese, 59 anni, all'anagrafe Serena Faggioli, difesa dall'avvocato Christian Guidi, sarà giudicata a partire dal prossimo 12 giugno davanti al Tribunale collegiale. Stando alle accuse, Serena Grandi, in qualità di legale rappresentante della società 'Donna serena' avrebbe distratto parte dei beni strumentali, impiegati presso il ristorante, e sottratto i libri contabili e altra documentazione obbligatoria per legge relativi alla gestione della 'Locanda di Miranda'. La procedura fallimentare della società è ancora in corso davanti al Tribunale fallimentare di Rimini.(ANSA).

18:13Il Rally del Salento ‘corre’ con la Pizzica

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il Rally del Salento e la Pizzica, perfetto connubio in un territorio davvero unico per le sue eccellenze. Parte da queste basi l'accordo tra Aci Lecce e la Fondazione la Notte Della Taranta presentato durante la serata dal titolo "La danza del volante" svoltasi presso la Sala Angioina del Castello di Copertino. Un'importante sinergia, quella tra il Rally del Salento gara di rilievo internazionale, e la Pizzica, danza popolare salentina famosa in tutto il mondo, che si presenta come un nuovo ed inedito canale di promozione del Salento. "Unire due manifestazioni che pur nella diversità delle loro esperienza sono la massima espressione del territorio nei loro rispettivi campi è stato un risultato particolarmente importante" ha affermato il Presidente dell'Aci Lecce Aurelio Filippi Filippi. Per il n.1 dell'Aci Sticchi Damiani "Il Rally del Salento ha contribuito a far si che il territorio salentino fosse conosciuto non solo per il mare ma per tutta una serie di attrattive''

18:12Calcio: Napoli, De Laurentiis allontana crisi

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Alla presentazione del film 'Super vacanze di Natale' di Paolo Ruffini, in sala dal 14 dicembre, Aurelio De Laurentiis non raccoglie la provocazione di chi gli chiede della presunta crisi del Napoli di cui è presidente. "Una cosa va detta - ha replicato - siamo l'unica società che ha i conti a posto. Certo, essere primi è importante, ma i primi, come si sa, si vedono solo alla fine".

18:10Calcio: Coppa Italia, Giampaolo “pronti a dare battaglia”

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - "Non ci sono partite semplici e gli avversari forti ti stimolano. Ce la giocheremo alla pari". Marco Giampaolo si affida a SampTv per presentare l'ottavo di Coppa Italia contro la Fiorentina domani al Franchi e sottolinea. "Alla Coppa ci teniamo anche se - ha spiegato - la formula così concepita è difficile, perché devi vincere fuori casa a Firenze per passare il turno. In ogni caso la rispettiamo come sempre e farò giocare la miglior formazione possibile". Probabilmente scenderà in campo una Sampdoria diversa rispetto a quella che ha giocato a Cagliari ma, più che di turn-over tecnico, si deve parlare di turn-over fisico. "Abbiamo recuperato bene rispetto alla partita di sabato, ma alcuni elementi non sono al meglio della condizione. Dovremo farei i conti con alcune assenze. In ogni caso chi scenderà in campo darà battaglia". A Genova sono rimasti Viviano, Quagliarella e Linetty, tutti per motivi fisici, mentre le ultime scelte Giampaolo le farà domattina.

18:04Valanghe: pericolo marcato in Alto Adige

(ANSA) - BOLZANO, 12 DIC - Sulle montagne dell'Alto Adige il pericolo valanghe è marcato (grado 3 di 5). Le zone più critiche continuano ad essere quelle con maggior neve fresca come la val d'Ultimo e la Val Passiria. Il principale pericolo è determinato dai nuovi accumuli eolici che poggiano su un vecchio manto a debole coesione e perciò sono particolarmente fragili. Già un singolo escursionista può distaccare una valanga. Specie sui pendii sottovento sono da aspettarsi ancora valanghe spontanee anche di grandi dimensioni. Per l'attività al di fuori delle piste controllate viene consigliata prudenza. (ANSA).

Archivio Ultima ora