Australia, a rischio l’elezione di Assange

Pubblicato il 22 agosto 2013 da redazione

SYDNEY. – Le speranze di Julian Assange, in esilio forzato da oltre un anno nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra, di tornare libero con la carica di senatore in Australia sembrano definitivamente compromesse da un ‘pasticcio’ nell’assegnazione delle preferenze del suo Wikileaks Party ai movimenti di estrema destra, in vista delle elezioni federali del 7 settembre. La campagna del partito è finita nel caos, con dimissioni a catena e accuse di scarsa trasparenza e responsabilità verso i potenziali elettori. In quello che gli amministratori del partito hanno definito ”un errore amministrativo” è stato deciso di dirigere le preferenze al partito dei cacciatori e pescatori e al partito di estrema destra Australia First prima dei Verdi, che sono stati finora i più forti sostenitori di Assange e della sua linea politica. Il candidato di maggiore rilievo, l’esperta di etica Leslie Cannold, numero due di lista, che sarebbe stata eletta se Assange non avesse potuto lasciare Londra, si è dimessa insieme al presidente del partito Daniel Mathews, ex collega di università di Assange, che ha aiutato a creare il sito web di Wikileaks, e ad altri cinque esponenti del partito, per protesta contro gli accordi sulle preferenze, il cui andamento è cruciale per i partiti minori al Senato, dove si vota con il proporzionale. Dall’ambasciata dell’Ecuador a Londra dove è confinato per evitare l’estradizione in Svezia per le accuse di aggressione sessuale – e quindi una possibile successiva estradizione in Usa – Assange ha descritto la controversia come ”un problema di dentizione” per un partito appena nato. Intervistato dalla radio nazionale australiana Abc, Assange ha sottolineato che vi è già un candidato pronto a sostituire la Cannold, aggiungendo che avrebbe dovuto parlare con lui prima che con i media. ”Avevamo sette candidati in queste elezioni e ne abbiamo perduto uno. Anche altri partiti, compresi i laburisti e i conservatori, hanno già dovuto espellere dei candidati o farli dimettere”. Assange ha attribuito il problema alla difficoltà di guidare un partito agli antipodi con fusi orari opposti, ed ha aggiunto di aver delegato troppo. ”Ho preso la decisione due mesi fa di occuparmi a tempo pieno della situazione di asilo di Edward Snowden e di cercare di salvare la vita a Bradley Manning”, ha detto. ”Quindi mi assumo la piena responsabilità di aver delegato troppe funzioni al partito australiano, mentre cercavo di prendermi cura di quelle situazioni”, ha aggiunto. La piattaforma del partito, di cui è fondatore e segretario il padre di Assange, John Shipton, includono leggi-scudo per proteggere i giornalisti dall’obbligo di rivelare fonti e leggi che assicurino che le raccolte di dati da parte dei servizi segreti e della polizia possano essere condotte solo con un mandato.

Ultima ora

20:47Calcio: Corte Figc, legittima proroga commissariamento Lega

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - E' "legittimo e valido" il provvedimento di proroga al commissariamento della Lega Serie preso dal Consiglio Federale della Figc. E' questo - fa sapere la Figc - il parere espresso dalla Corte d'Appello Federale a seguito della richiesta in merito formulata dal presidente federale, Carlo Tavecchio. La Corte ha inoltre ritenuto che "la disposta proroga dei poteri, fino al 29 gennaio 2018, del Commissario straordinario della Lega di Serie A - si legge nel dispositivo - non configuri, neppure astrattamente, una ipotesi di 'impossibilità di funzionamento' istituzionale, come richiesta dallo Statuto Coni, a condizione affinché possa procedersi alla nomina di un Commissario straordinario della Figc".

20:44Calcio: Jovanotti “Sono ‘tottiano’, giorno addio ho pianto”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "L'addio al calcio di Totti? Ho pianto anche io davanti alla tv. Ero insieme alla mia famiglia e tutti avevamo gli occhi lucidi: è stato un momento pazzesco". Così Jovanotti, ospite del talk show sportivo 'Tiki Taka', in onda stasera su Italia 1 e di cui è stato anticipato uno stralcio. "Quando mi chiedono per quale squadro tifo dico che, essendo nato e cresciuto a Roma, sono un pochino romanista ma fondamentalmente sono 'tottiano', perché Totti mi piace molto. Anche perché c'è un po' questo orgoglio di essere nato il suo stesso giorno: abbiamo 10 anni di differenza. Il mio rapporto con lo sport? A me piace molto praticare sport, mi piace la fatica perché mi insegna delle cose. Mi piacciono le salite perché sono un modo per guadagnarsi le discese. Mi piacciono gli sport faticosi e quelli di resistenza, in particolare la bicicletta che mi fa impazzire".

20:10Calcio: Corvino, stagione per costruire nuova Fiorentina

(ANSA) - FIRENZE, 11 DIC - "La nuova stagione è cominciata con qualche difficoltà ma deve servire a capire quanto sono forti le fondamenta che abbiamo gettato e come irrobustirle, che è poi l'obiettivo della nostra proprietà". Così il dg della area tecnica della Fiorentina, Pantaleo Corvino, durante il brindisi d'auguri con i media che si è tenuto allo stadio Franchi, presente anche l'allenatore, Stefano Pioli. "Il 2017 è stato un anno complicato, l'Europa League ci è sfuggita per pochi punti ma soprattutto le divisioni che ci sono state non ci hanno aiutato - ha proseguito Corvino -. Invece società, tifoseria e stampa devono camminare assieme". Intanto Pioli, comunque sempre in contatto coi proprietari, sta preparando la partita di Coppa Italia contro la Sampdoria mercoledì al Franchi. Il tecnico non esclude un po' di turnover inserendo qualche elemento finora poco utilizzato.

19:45Migranti: scontri a Roma, condannati 9 di Casapound

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Nove militanti di Casapound sono stati condannati dal tribunale di Roma in relazione agli scontri con le forze dell'ordine del luglio 2015 a Casale San Nicola, periferia nord di Roma. I giudici della V sezione penale hanno inflitto otto condanne a 3 anni 7 mesi e una a 2 anni e 7 mesi. Gli imputati, che manifestarono per impedire il trasferimento di immigrati in una struttura di accoglienza, erano accusati di resistenza aggravata a pubblico ufficiale e lesioni.

19:35‘Ndrangheta:fondi Ue, chiesto processo ex assessore Calabria

(ANSA) - CATANZARO, 11 DIC - La Dda di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio di Nazzareno Salerno, ex assessore al Lavoro della Regione Calabria ed attuale consigliere regionale, coinvolto nell'inchiesta "Robin Hood" che ha svelato un presunto sistema illecito nella gestione dei fondi europei attraverso l'ente in house "Calabria etica". La richiesta di rinvio a giudizio è stata avanzata al gup, Claudio Paris, oltre che per Salerno, per altri 16 indagati e due società. I reati contestati, a vario titolo, sono truffa, estorsione aggravata dal metodo mafioso, corruzione, peculato, turbativa d'asta ed abuso d'ufficio. Dalle indagini della Guardia di Finanza di Vibo Valentia e del Ros di Catanzaro è emersa l'esistenza di un presunto "comitato d'affari" che avrebbe distratto i finanziamenti comunitari vincolati al progetto regionale "Credito sociale", indirizzandoli su conti correnti di società private anche all'estero. (ANSA).

19:33Ap, mandato a fondatori, trovare soluzione consensuale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La Direzione di Ap, a quanto si apprende, ha votato di dare mandato ai tre fondatori Beatrice Lorenzin, Fabrizio Cicchitto, Maurizio Lupi, e al vice coordinatore Antonio Gentile, di istruire una pratica per trovare una soluzione perché le due coerenze interne al partito - una che guarda alla coalizione di governo, l'altra ad una corsa solitaria e al dialogo con FI - possano "sopravvivere". La Direzione di Ap è quindi aggiornata a domani alle ore 18.

19:24Staccò lobo di un orecchio a morsi, offre 5mila euro

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Voleva risarcire con cinquemila euro il tassista a cui staccò il lobo di un orecchio il bodybuilder Antonio Bini, a processo con l'accusa di lesioni aggravate dai futili motivi, ma la cifra è stata considerata troppo bassa dai legali di Pier Federico Bossi, ancora in convalescenza dopo l'aggressione avvenuta per una banale lite di viabilità lo scorso 28 novembre nei pressi della Stazione centrale. Il giudice Carlo Cotta della undicesima sezione penale ha quindi aggiornato al prossimo 5 febbraio il dibattimento a carico del 29enne, per consentire alle parti di trovare un accordo sul risarcimento del 48enne autista del taxi, che si è costituito parte civile. I legali di Bossi, gli avvocati Sostene Invernizzi e Mauro Mocchi, e la difesa di Bini, gli avvocati Beatrice Saldarini e Patrizia Pancanti, torneranno tra due mesi di fronte al giudice, che potrà quindi valutare eventuali richieste di riti alternativi (patteggiamento, rito abbreviato o sospensione del processo con messa alla prova).

Archivio Ultima ora