Gli Italiani e New Orleans: una storia da raccontare di Umberto Mucci

Pubblicato il 22 agosto 2013 da redazione

Umberto Mucci (We The Italians) intervista Frank Maselli, presidente dell’American Italian Museum di New Orleans. Racconta la storia degli italiani che emigrarono quando ancora l’Italia non esisteva come nazione.

NEW ORLEANS.- New Orleans fu la prima grande città americana ad accogliere un grande numero di emigrati italiani, ancora prima che questi partissero da un territorio che si potesse ufficialmente chiamare Italia, ovvero prima dell’unificazione del 1861. Le storie di quegli emigrati non contemplano il passaggio per Ellis Island, non si sviluppano nella Little Italy di Manhattan: alcune di esse sono se possibile ancora più tragiche, in alcune parti. Spesso gli italiani prendevano il lavoro degli schiavi afroamericani che venivano liberati, e molti venivano pesantemente discriminati. Due esempi aiutano a capire il clima.

Nel 1891, 250 italiani furono arrestati con l’accusa di aver ucciso il capo della polizia di New Orleans. Undici di loro furono processati e assolti, ma una folla di circa 20.000 nativi del luogo che non accettavano la sentenza assaltò il carcere nel quale essi erano ancora detenuti, e dopo averli presi in consegna li uccise brutalmente, alcuni per impiccagione: è stato per molto tempo il più grave linciaggio della storia degli Stati Uniti. I rapporti diplomatici tra Italia e USA furono in bilico per qualche tempo, fino a quando il Governo americano non si scusò ufficialmente e ordinò un risarcimento per le famiglie delle vittime.

Ultima ora

22:33Trump: slitta voto contro Obamacare

(ANSA) - NEW YORK, 23 MAR - Ancora niente accordo sulla legge che dovrebbe sostituire l'Obamacare. Così la Camera dei Rappresentanti del Congresso Usa ha deciso di rimandare il voto che era previsto entro la giornata di oggi. Il rinvio dopo che nelle ultime ore sarebbe fallito l'ennesimo pressing del presidente Donald Trump e dello speaker Paul Ryan sui membri del Congresso repubblicani riluttanti.

22:31Migranti: ong, si temono 240 morti naufragio in Libia

(ANSA) - MADRID, 23 MAR - "Si temono almeno 240 migranti morti" in un "doppio naufragio avvenuto davanti alle coste libiche". Lo ha reso noto la portavoce della ong spagnola Proactiva Open Arms, Laura Lanuza, dopo il recupero questa mattina di cinque corpi. Ogni gommone può contenere 120 persone, ma i trafficanti di uomini di solito li riempiono a dismisura e non si esclude che le due imbarcazioni possano avere avuto a bordo almeno 240 persone. L'ong ha confermato questa mattina il doppio naufragio avvenuto a 21 km a nord di Sabrata.

22:13Polonia guastafeste, ‘pronta a non firmare a Roma’

Esce il Regno Unito ma mentre sabato prossimo a Roma gli altri 27 celebreranno il 60/o anniversario della firma del primo Trattato europeo, è l'euroscettica Polonia a indossare i panni del guastafeste, minacciando di non firmare la dichiarazione finale comune. "Un atteggiamento" definito da Angelino Alfano come "problematico verso la Ue". Che si inserisce in una 'festa' già gravata di tensioni. La 'Marcia per l'Europa' organizzata dai federalisti, che chiedono più integrazione europea, sabato rischia di scontrarsi con le contestazioni degli euroscettici su cui gravano i timori di infiltrazioni di 'black bloc'. L'attentato terroristico di Londra, le provocazioni di Erdogan sulla sicurezza dei cittadini europei e anche il controverso episodio odierno ad Anversa tengono alto l'allarme e la preoccupazione.

22:08Calcio:ironia Buffon ‘magari chiudo con testata alla Zidane’

(ANSA) - PALERMO, 23 MAR - Un epilogo degno di una carriera difficilmente ripetibile. Lo immagina Gigi Buffon che, al termine della conferenza stampa alla vigilia di Italia-Albania, a Palermo, se la ride ed esclama: "Magari chiudo come Zidane, con una bella capocciata a chi mi capita a tiro e non se ne parla più". Battute e ironia alla vigilia del match. "Prima, però, pensiamo a giocare un altro Mondiale", le parole del portiere azzurro. Battuta per battuta, gli fa eco Gianni De Biasi, che si dice in grado di "cantare entrambi gli inni nazionali". "Quasi sicuramente - le parole del ct degli albanesi - lo farò".

22:05Trump, democratici dichiarano guerra a conferma Gorsuch

(ANSA) - WASHINGTON, 23 MAR - I democratici al Congresso americano sfidano il presidente Donald Trump dichiarando guerra alla conferma della nomina del giudice Neil Gorsuch alla Corte Suprema che deve essere ratificata dal Senato. Il leader della minoranza democratica al Senato Charles Schumer ha annunciato che si opporrà alla nomina, contro cui i democratici intendono fare ostruzionismo in aula. Per la conferma di Gorsuch sono necessari almeno 60 voti al Senato: i repubblicani detengono la maggioranza in aula ma con soltanto 52 seggi.

21:53Soldi in cambio della candidatura, assolto sindaco Valenzano

(ANSA) - BARI, 23 MAR - Il gup del Tribunale di Bari Giovanni Anglana ha assolto 'per non aver commesso il fatto' il sindaco di Valenzano, Antonio Lomoro, accusato in concorso con un consigliere comunale di aver indotto l'ex vicesindaco Francesca Ferri a pagare mille euro al mese in cambio della candidatura alle elezioni regionali in Puglia del maggio 2015. La sentenza è stata emessa al termine del processo con rito abbreviato in cui Ferri, che aveva fatto partire l'indagine con una denuncia, si era costituita parte civile. Il pm Claudio Pinto aveva chiesto per Lomoro, difeso dall'avv. Salvatore Campanelli, la condanna ad un anno e 4 mesi. Per la stessa vicenda sarà processato con rito ordinario dal prossimo 4 maggio il consigliere comunale Agostino Partipilo. Stando alla denuncia della presunta vittima, i due indagati l'avrebbero indotta "a consegnare loro indebitamente 1.020 euro mensili, corrispondente all'indennità percepita per la carica rivestita, non riuscendo nell'intento per rifiuto della stessa".

21:51Kiev, ucciso ex deputato nemico di Putin

(ANSA) - MOSCA, 23 MAR - L'ex deputato russo Denis Voronenkov, fuggito a Kiev lo scorso ottobre e oggi noto per essere un critico accanito di Vladimir Putin è rimasto ucciso nella capitale ucraina nel corso di una sparatoria. Kiev, per bocca del portavoce del ministero dell'Interno, lega l'esplosione del deposito di armi nella base di Balakliya all'uccisione di Voronenkov: una mossa coordinata di Mosca, "che sta apertamente conducendo contro di noi una guerra ibrida e strisciante". "Il suo omicidio", ha tuonato il presidente Petro Poroshenko, "è terrorismo di Stato da parte della Russia". Il Cremlino, dal canto suo, ha immediatamente definito "assurde" le accuse e il ministero degli Esteri si è anzi detto "sotto shock" per la morte. "Kiev deve trovare i colpevoli", ha detto la portavoce Maria Zakharova, che ha poi sottolineato di non ritenere comunque "affidabili" le indagini ucraine.

Archivio Ultima ora