Gli Italiani e New Orleans: una storia da raccontare di Umberto Mucci

Pubblicato il 22 agosto 2013 da redazione

Umberto Mucci (We The Italians) intervista Frank Maselli, presidente dell’American Italian Museum di New Orleans. Racconta la storia degli italiani che emigrarono quando ancora l’Italia non esisteva come nazione.

NEW ORLEANS.- New Orleans fu la prima grande città americana ad accogliere un grande numero di emigrati italiani, ancora prima che questi partissero da un territorio che si potesse ufficialmente chiamare Italia, ovvero prima dell’unificazione del 1861. Le storie di quegli emigrati non contemplano il passaggio per Ellis Island, non si sviluppano nella Little Italy di Manhattan: alcune di esse sono se possibile ancora più tragiche, in alcune parti. Spesso gli italiani prendevano il lavoro degli schiavi afroamericani che venivano liberati, e molti venivano pesantemente discriminati. Due esempi aiutano a capire il clima.

Nel 1891, 250 italiani furono arrestati con l’accusa di aver ucciso il capo della polizia di New Orleans. Undici di loro furono processati e assolti, ma una folla di circa 20.000 nativi del luogo che non accettavano la sentenza assaltò il carcere nel quale essi erano ancora detenuti, e dopo averli presi in consegna li uccise brutalmente, alcuni per impiccagione: è stato per molto tempo il più grave linciaggio della storia degli Stati Uniti. I rapporti diplomatici tra Italia e USA furono in bilico per qualche tempo, fino a quando il Governo americano non si scusò ufficialmente e ordinò un risarcimento per le famiglie delle vittime.

Ultima ora

15:33Sisma: Mattarella regala bambola alla piccola Giorgia

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 27 AGO - Una bambola: è il regalo del capo dello Stato, Sergio Mattarella, alla piccola Giorgia, che oggi compie 4 anni, e che il presidente ha visitato con gli altri feriti del terremoto nell'ospedale Mazzoni. Lo riferisce all'ANSA il sindaco di Arquata, Petrucci, che ha accompagnato Mattarella dai pazienti e dai familiari della bimba, estratta viva dalle macerie dopo 16 ore a Pescara del Tronto mentre la sorellina Giulia è morta. Mattarella, riferisce Petrucci, si è intrattenuto da solo con la piccola per qualche minuto.

15:30Siria: curdi denunciano raid turchi con vittime civili

(ANSAmed) - BEIRUT, 27 AGO - Le milizie curde siriane dell'Ypg hanno accusato la Turchia di avere compiuto bombardamenti aerei su postazioni degli stessi curdi e aree residenziali in una località siriana a sud di Jarablus, e parla di "civili uccisi e feriti", ma senza fornire bilanci. I bombardamenti, secondo la stessa fonte, sono avvenuti sul villaggio di Amarinah, otto chilometri a sud di Jarablus, dove nei giorni scorsi carri armati e forze speciali turche sono entrate per appoggiare i ribelli dell'Esercito siriano libero (Esl), che hanno strappato la città all'Isis. L'Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus) parla di bombardamenti effettuati dai turchi contro le milizie curde anche in altre regioni del nord della Siria, in particolare ad Afrin, la località più a ovest dei territori controllati dall'Ypg, e a nord di Hasaka, vicino al confine con l'Iraq.

15:24F.1: Arrivabene, vicini alle vittime del sisma

(ANSA) - ROMA, 27 AGO - 27 AGO - Un nastro nero sulla tuta degli uomini delle Rosse: così, in occasione delle qualifiche del Gran Premio del Belgio, la scuderia di Maranello rende omaggio alle vittime del terremoto che ha colpito il Centro Italia. "Tutta la squadra - ha detto il direttore Maurizio Arrivabene ai microfoni di Sky nel paddock del circuito di Spa - ha voluto testimoniare la propria vicinanza alle vittime del terremoto. È straziante vedere tanti bambini sotto le macerie. Ma il nostro pensiero va anche ai soccorritori".

15:20Scontro auto-camion nel Foggiano, 3 morti

(ANSA) - FOGGIA, 27 AGO - Tre persone sono morte in un incidente stradale avvenuto poco fa sulla provinciale 105 che collega Foggia ad Ascoli Satriano. Lo conferma la polstrada di Foggia che è sul posto assieme a vigili del fuoco e 118. Le vetture coinvolte nello scontro sono un autocarro e un'autovettura.

15:16Migranti: Serbia, bloccati 13 clandestini a confine Bulgaria

(ANSAmed) - BELGRADO, 27 AGO - Pattuglie miste di militari e poliziotti serbi in servizio a ridosso della frontiera con la Bulgaria hanno intercettato e fermato la notte scorsa nei pressi di Nis (sudest) 13 migranti clandestini. Come riferiscono i media, i migranti - tutti iracheni nove dei quali bambini - viaggiavano a bordo di un furgone, il cui autista, un serbo di 32 anni, e' stato arrestato con l'accusa di traffico di esseri umani. I migranti sono stati condotti nel centro di accoglienza di Presevo, nel sud della Serbia al confine con la Macedonia.

15:14Montagna: ghiacciaio M.Bianco,coppia in jeans tra i crepacci

(ANSA) - AOSTA, 27 AGO - Lui che dice a lei, "Io aspetto, passiamo uno per volta", mentre con titubanza si accingono ad attraversare un pericoloso crepaccio indossando jeans e scarponcini da trekking; ma anche il fotoamatore che, non legato, si affaccia su un'altra grande fessura del nevaio: sono le scene immortalate dalla guida alpina Gianluca Ippolito nella zona del ghiacciaio del Gigante, facilmente raggiungibile dai turisti grazie alla funivia Skyway del Monte Bianco e all'ascensore per il rifugio Torino (3.375 metri). Ippolito venerdì pomeriggio stava rientrando con un cliente da una gita al Col des Flambeaux: "Erano almeno una cinquantina le persone non attrezzate, loro però sono emblematici. Le nozioni tecniche possono mancare, ma - ricorda - i recinti e i cartelli di pericolo posizionati dalla società delle funivie e dalla guardia di finanza ci sono. E' un problema culturale degli italiani. Le persone confondono 'facile' con 'non pericoloso', ma è come andare di notte a fari spenti". "Richiamarli non serve, non ci ci ascoltano", dice Ippolito. La coppia di turisti era arrivata a una distanza di "almeno 700 metri" dal rifugio Torino mentre il fotoamatore era ben oltre, lungo la traccia che dal Col des Flambeaux scende verso i 'satelliti' del Tacul.

15:12Sale a 50 numero vittime sisma nelle Marche

(ANSA) - ANCONA, 27 AGO - Con il decesso dell'uomo di 77 anni, romano, morto oggi nell'ospedale di Perugia, dove era ricoverato da mercoledì, sale a 50 il numero delle vittime del terremoto nelle Marche. L'anziano aveva riportato gravi lesioni nel crollo dell'abitazione di Arquata (Ascoli Piceno), che ha ucciso la moglie. Una figlia era rimasta ferita.

Archivio Ultima ora