Viso lavora per portare una gara della Indycar in Venezuela

CARACAS – La Indycar potrebbe esplorare nuovi lidi motoristici nelle prossime stagioni, una di queste mete potrebbe essere il Venezuela. La notizia è stata resa nota dal pilota italo-venezuelano Ernesto José Viso che questo weekend sarà impegnato sul circuito di Sonoma Raceway, in California.

Nel mondo del web circolano voci provenienti dagli Usa e dall’Europa che gli organizzatori della Indycar vogliono varcare nuovi confini e nuove piste che si affianchino a quelle in Brasile, Canadà e Stati Uniti.

Addirittura ci sono voci di una voglia di anticipare ancora la conclusione della stagione, arrivando alla prova conclusiva a fine agosto, e quindi la cosiddetta off season diventerebbe ancora più lunga.

E per questo il nuovo Presidente di Operazioni e Competizioni Derrick Walker sta valutando l’idea di alcune gare fuori campionato, di far cominciare la stagione a gennaio e febbraio all’estero o di una Winter Series, come in Europagià avviene da diverse stagioni in tante formule minori per permettere alle squadre di lavorare anche nei mesi in cui non c’è campionato.
“Abbiamo squadre che dalla fine di settembre o da ottobre fino all’inizio della nuova stagione in marzo non hanno molto da fare; si possono fare solo tanti test” ha spiegato l’ex proprietario di un team CART ed IndyCar ai diversi media. “Le nostre squadre hanno bisogno di incassare ed una componente internazionale aggiunta alla loro stagione permetterebbe  di rafforzarne la posizione finanziaria”.

Per questo motivo, il pilota criollo ha pensato di proporre di portare una corsa in Venezuela. La pista prescelta potrebbe essere l’aeroporto La Carlota della città di Caracas, dove si potrebbe disputare la gara in una sorta di tracciato cittadino simile a quello dello di Edmonton, in Canadà o prendere spunto da quello di Cleveland, negli Usa.

“Il progetto e quello di portare una gara di Indycar in Venezuela, stiamo lavorando da diversi anni ed adesso che l’Indycar sta espandendo il suo territorio è l’occasione giusta. – spiega il Ernesto Viso – L’idea sarebbe quella di far disputare la gara su un tracciato cittadino, come accade in tante piste della categoria. Sono certo che qui in Venezuela si potrebbe organizzare un’ottimo spettacolo”.

Il pilota di origini campane spera di ricevere l’appoggio dai diversi sponsor per realizzare questo sogno e che il Venezuela entri nel calendario motoristico mondiale.

Nel frattempo Viso sarà impegnato sulla pista californiana alla ricerca di buoni risultati con la monoposto della ‘Andretti Autosport Team Venezuela’,quella di questo fine settimana sarà l’ultima prova su una pista tradizionale, mentre  le prossime tre prove saranno disputate a Baltimora, Houston  e Fontana. Le prime due sono piste cittadine, mentre l’ultima è un’ovalo.
La possibilità di disputare una gara di Indycar in Venezuela inizia a far sognare i tifosi, udire il rombo dei motori dal vivo non è da tutti i giorni, speriamo bene…

Fioravante De Simone

Condividi: