Venezia: Friedkin critica Usa, serve un nuovo Gandhi

Pubblicato il 29 agosto 2013 da redazione

VENEZIA. – La politica Usa (”L’America non può essere il poliziotto del mondo”), Hollywood ”diventata come un casinò”, le scuole di cinema (”lasciatele, il cinema si impara facendolo e vedendolo”) sono solo alcuni dei bersagli colpiti stamani al Lido con passione e ironia in conferenza stampa da William Friedkin, che oggi riceve alla Mostra del Cinema di Venezia il Leone d’oro alla carriera. Per il cineasta, 78 anni compiuti proprio oggi, autore di capolavori come L’esorcista e Il braccio violento della legge, ”il mondo è al limite dell’estinzione. L’America minaccia la Siria, l’Iran minaccia Israele, e così via. Non eravamo a questi livelli dalla fine della II guerra mondiale, solo che ora esiste la bomba atomica, si può solo sperare che non ci sia un pazzo che voglia usarla”. Poi alludendo ai modelli di Hollywood ha sottolineato: ”non c’è nessuno che voli in tuta di spandex e salvi il mondo, non ci sono Superman o Batman, ci sono solo esseri umani normali. L’unica soluzione è che il mondo ritrovi una nuova persona come Gandhi, Sadat o Martin Luther King, qualcuno pronto a mettere la propria vita in gioco per la pace”. Friedkin ha aggiunto: ”Quando vedo il nostro governo che minaccia un altro Paese mi vergogno. Credo che l’America non possa essere il poliziotto del mondo, nessuno può esserlo”. Per lui il compito del cinema ”è aiutare le persone a comprendere le rispettive differenze e a rispettarsi l’un l’altro. Come diceva Brecht l’arte non è uno specchio attraverso cui mostrare la società, ma un martello con cui trasformarla”. Proprio in questa prospettiva ha realizzato Il salario della paura (1977), tratto dall’omonimo romanzo di Georges Arnaud (già fonte per Vite vendute di Henri-Georges Clouzot, ndr), flop al botteghino all’uscita, poi diventato cult, che verrà presentato nella versione restaurata prima della consegna del Leone alla carriera in sala Grande. Il regista sa che molti fans sono più legati all’Esorcista ”perché parla del mistero della fede e della potenza di Cristo. E’ l’unica volta in cui abbia trattato temi cosi importanti in modo così diretto”. I suoi ultimi due film, Bug e Killer Joe (presentato alla Mostra di Venezia nel 2011), tratti da drammi del premio Pulitzer Tracy Letts (”Spero di fare un nuovo da un suo testo, magari un western contemporaneo”), erano produzioni indipendenti: ”Girare così mi ha lasciato più libero. Hollywood è diventata un casinò, muovono fiches, potrebbero fare milioni di film con quello che spendono per uno solo. Producono solo storie di gente che vola o di vampiri e a me non interessa fare quei film”. Il regista (che negli ultimi anni ha anche diretto opere, ora sta pensando a un nuovo Rigoletto con Placido Domingo, ndr) oggi guarda soprattutto capolavori del passato, come Otto e mezzo, Il tesoro della Sierra madre e tutti i film di Antonioni, ”però anche film nuovi dal resto del mondo. Fra gli italiani ho amato Il divo di Sorrentino e Gomorra di Garrone. Non mi ritrovo nella loro visione politica, ma sono film fatti molto bene”. Per lui invece ”in America oggi la tv via cavo è migliore del cinema, è più potente e importante. Penso a serie come I Soprano, Homeland e 24. Non so se da voi è lo stesso. Però a parte Sorrentino e Garrone, non arrivano molti italiani, mentre il vostro cinema nel passato è stato necessario”. Gli studios, quindi, come dice Spielberg, rischiano di implodere? ”Se succedesse non ci vedrei niente di male, tutto è destinato a implodere, è successo anche all’Antica Roma”. Infine per gli aspiranti registi ha tre consigli: ”saper comunicare con il cast e la troupe, essere aperti alle idee degli altri, essere onesti con se stessi. E se state frequentando scuole di cinema, lasciatele subito, comprate una videocamera fate i vostri film e metteteli online. Nessuno vi può insegnare a fare cinema, lo si impara facendolo e vedendo i grandi film di autori come Hitchcock”.

(Francesca Pierleoni/ANSA)

Ultima ora

01:35Calcio: Francia, Psg a valanga e il Monaco resta a -9

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Il Paris Saint Germain risponde alla vittoria di ieri del Monaco infliggendo una dura lezione al Rennes, battuto 4-1 in trasferta con una doppietta di Neymar e gol di Cavani e Mbappè. I parigini, dopo 18 giornate, mantengono il +9 di vantaggio sui monegaschi. Fari puntati domani sulla sfida Lione-Marsiglia, match clou che mette di fronte due squadre in corsa per la Champions ed è una grande occasione per gli ospiti, guidati da Rudi Garcia sono in corsa per il secondo posto. Nonostante i gol di Balotelli, il Nizza annaspa al settimo posto e domenica ospita il Bordeaux. Tra le altre partite di oggi, il Digione ha battuto 3-0 il Lille e sale al settimo posto a quota 24, dove si trovano anche lo Strasburgo, che ha battuto 2-1 il Tolosa, e il Caen, che invece non è andato oltre lo 0-0 in casa col Guingamp. Seconda vittoria stagionale per il fanalino di coda Metz, che è riuscito a imporsi 3-1 a Montpellier.

01:05Calcio: Roma, Di Francesco “vittoria sofferta ma importante”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Questa gara era importante, avevo dato un segnale, e l'abbiamo vinta soffrendo. Si parla sempre degli episodi, che sono importantissimi, ma noi avremmo potuto fare gol prima. Abbiamo subito il primo tiro contro dopo 83', abbiamo sempre fatto la gara contro un Cagliari molto organizzato ma noi abbiamo voluto fortemente la vittoria. Ci teniamo stretti questi 3 punti". Lo ha detto l'allenatore della Roma, Eusebio Di Francesco, dopo la vittoria al 94' sui sardi. "Abbiamo concesso pochissimo in difesa, il Cagliari non ci ha permesso di essere aggressivi ma abbiamo avuto una grande supremazia territoriale - ha proseguito -. Dovevamo essere più cinici e cattivi, dobbiamo lavorare ancora di più. Ma io non sono d'accordo sulla prestazione negativa, abbiamo fatto la partita. Abbiamo tirato in porta 20 volte, dovevamo essere più precisi".

01:03Cile: frana per piogge torrenziali, 3 morti e 15 dispersi

(ANSA) - SANTIAGO, 16 DIC - Piogge torrenziali nel sud del Cile hanno causato una frana che ha sommerso un villaggio: almeno tre persone sono morte e altre 15 risultano disperse. Lo riferisce il viceministro dell'Interno Madmud Aleuy, aggiungendo che le vittime sono due donne e un turista non ancora identificato. Le piogge hanno causato l'esondazione di un fiume vicino a una collina franata su 20 delle 200 case del villaggio di Villa Santa Lucia, nella regione meridionale di Los Lagos. La presidente Michelle Bachelet ha riferito su Twitter che i servizi di emergenza stanno lavorando dell'area "per soccorrere le persone colpite". Alcuni feriti sono stati evacuati in elicottero. (ANSA)

01:01Omicidio cestista Nba Lorenzen Wright, arrestata moglie

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Per l'uccisione nel 2010 dell'ex giocatore di basket Nba Lorenzen Wright, la polizia di Memphis ha arrestato l'ex moglie Sherra, 46 anni, e un suo coetaneo, Bill Turner, accusati ora di concorso nell'omicidio. Le forze dell'ordine non hanno reso noto cosa le abbia portate ai due e il movente del delitto, ma la svolta sarebbe stata impressa dal ritrovamento dell'arma usata nell'aggressione, in un lago vicino a Walnut, Mississippi, 75 miglia a est di Memphis. Il corpo di Wright, che allora aveva 34 anni, fu trovato alla periferia della città in stato di decomposizione dieci giorni dopo la sua scomparsa. Aveva diverse ferite d'arma da fuoco. Il cestista aveva giocato nell'Nba per 13 anni in 5 squadre, tra cui quella di Memphis.

00:50Basket: serie A, Sassari-Pistoia 88-81

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - La Dinamo Sassari infila la settima vittoria consecutiva fra Lega A e Champions sconfiggendo 88-81 sul parquet del PalaSerradimigni la The Flexx Pistoia in un anticipo dell'11/a giornata di serie A di basket. Mattatore della serata è la guardia biancoblu' Scott Bamforth che chiude la partita con 26 punti e 6 assist guidando i padroni di casa verso una vittoria per nulla scontata. Sassari sale a 14 punti, Pistoia resta ad 8.

00:49Incendi California, ancora evacuazioni contea S.Barbara

(ANSA) - SANTA BARBARA, 16 DIC - Brucia senza sosta la California, nella contea di Santa Barbara, dove sono state ordinate nuove evacuazioni nella zona di Montecito. Il forte vento spinge le fiamme verso le case dove risiedono alcuni vip, fra i quali la star della tv Oprah Winfrey. Finora Thomas Fire (questo il nome dato all'incendio) ha distrutto oltre 1.000 edifici e oltre 700 case e, secondo le autorità, potrebbe colpire altre 18.000 strutture. Ieri è costato la vita a un vigile del fuoco, morto soffocato dal fumo.

00:26Calcio: serie A, Roma-Cagliari 1-0

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - La Roma soffre ma batte il Cagliari nell'ultimo anticipo del sabato della 17/a giornata di serie A. Dopo la sconfitta dell'Inter e la vittoria del Napoli, la squadra di Di Francesco affianca la Juve a 38 punti, ma ha ancora una partita da recuperare. Poche emozioni nel primo tempo. La Roma, che schierava per la prima volta titolare la coppia Dzeko-Schick, ha gestito il possesso senza riuscire però a creare eccessivi pericoli per Cragno, mentre il Cagliari, impegnato in un ragionato contenimento, ha cercato qualche timida reazione in contropiede. Nella ripresa, la Var concede un rigore ai giallorossi, ma Cragno para il lento tiro di Perotti. Nel recupero, Fazio in mischia insacca. Altra Var, e l'arbitro convalida la rete. I tre punti ormai insperati consentono alla Roma di affiancare la Juve al terzo posto, a quota 38, ma entrambe devono ancora giocare una partita. Il Napoli è primo con 42.

Archivio Ultima ora