Mons. Parolin, Chiesa aperta non assediata

Pubblicato il 31 agosto 2013 da redazione

CITTA’ DEL VATICANO. – Gratitudine a papa Francesco “per l’immeritata fiducia”, “disponibilità” a collaborare con lui per “il bene della Chiesa, il progresso e la pace dell’umanità”, “responsabilità” per una “missione impegnativa ed esigente” che arriva come “una sorpresa di Dio”. C’è la consapevolezza dell’impegnativo ruolo cui è stato chiamato nelle prime parole con cui l’arcivescovo Pietro Parolin, il 58enne veneto nuovo “braccio destro” del Pontefice, ha commentato la sua stessa nomina ad opera di papa Francesco mentre, in una recente intervista, ha indicato le priorità e le sfide che attendono una Chiesa percepita, dopo l’elezione di Jorge Mario Bergoglio, “non più come assediata, ma aperta”. Al centro vanno messe “l’attenzione ai poveri”, il continente africano e “la lotta alla corruzione”. Pur giovane (per trovare un segretario di stato di stato meno anziano bisogna risalire a Eugenio Pacelli che ricevette l’incarico nel 1930 a quasi 54 anni), Parolin ha dalla sua una vasta e riconosciuta esperienza che lo ha già portato ad essere scelto per missioni e compiti difficili. Nato a Schiavon, in Veneto, il 17 gennaio del 1955, da un commerciante (scomparso quando lui aveva solo dieci anni) e una maestra elementare, dopo la laurea in diritto canonico alla pontificia università Gregoriana, Parolin è entrato nella scuola diplomatica. Con lui, a guidare la segreteria di stato tornano, dopo l’esperienza del salesiano Bertone, i diplomatici dell’antica tradizione vaticana. Tra l’89 e il ’92 ha operato nelle nunziature di Messico e Nigeria, successivamente in segreteria di stato, ma è soprattutto come ‘viceministro’ degli Esteri del Vaticano, ruolo che ha ricoperto per sette anni dal 2002 al 2009, che il ‘primo collaboratore’ del Papa ha cominciato a farsi apprezzare in un giudizio positivo, largamente condiviso in curia, che ne sottolinea non solo le capacità diplomatiche ma anche le qualità umane e pastorali. Dalle sue mani, in quegli anni, sono passati dossier fortemente impegnativi come quello sulla Cina, sul Vietnam e sul negoziato economico-fiscale tra Santa sede e Israele. Con Pechino, con cui il Vaticano non ha relazioni diplomatiche ed è impegnato da anni in un processo di normalizzazione dei rapporti al fine anche di tutelare la comunità cattolica locale ‘sospesa’ tra Chiesa ufficiale e chiesa clandestina, Parolin ha attivato canali di dialogo. Col Vietnam, poi, ha contribuito ai recenti passi avanti fatti tra i due stati sulla via di un auspicato allacciamento delle relazioni diplomatiche. Tanto impegno, svolto sempre nella riservatezza e rimanendo slegato da cordate ecclesiastiche e giochi di potere interni alla curia, gli è valso nel 2009 la promozione ad arcivescovo e la destinazione nell’ardua ma prestigiosa nunziatura del Venezuela di Hugo Chavez. All’epoca, il suo nome era circolato anche per la carica di sostituto della segreteria di stato (il numero tre del Vaticano) ma Benedetto XVI aveva preferito destinarlo a Caracas dove la sua azione diplomatica ha favorito la riconciliazione tra stato e chiesa dopo un lungo periodo di tensioni. “Sento viva – ha detto Parolin in una dichiarazione diffusa dalla sala stampa vaticana – la grazia di questa chiamata, che, ancora una volta, costituisce una sorpresa di Dio nella mia vita e, soprattutto, ne sento l’intera responsabilità, perché essa mi affida una missione impegnativa ed esigente, di fronte alla quale le mie forze sono deboli e povere le mie capacità”. “Quello che mi ha colpito – ha invece detto in una intervista del 4 agosto scorso rilanciata oggi a proposito dell’elezione di Bergoglio – è che è cambiata completamente la percezione che c’era della Chiesa. Da una chiesa assediata, con mille problemi, una Chiesa che sembrava diciamo così un po’ ammalata, siamo passati ad una Chiesa che si è aperta”. Parolin ha quindi evidenziato come sfide principali della Chiesa di Francesco “la giustizia sociale”, “l’attenzione speciale ai poveri” con una “sottolineatura importante anche per l’Africa” e “la lotta alla corruzione”. Parolin, a questo punto in predicato per la porpora cardinalizia, prenderà possesso del suo ufficio il 15 ottobre prossimo condividendo strettamente con papa Francesco, con cui è legato da una vecchia conoscenza approfondita quando Bergoglio era arcivescovo a Buenos Aires, le sfide che attendono il pontificato. Uomo del dialogo, dall’arcivescovo veneto, descritto come “affabile, sensibile e capace”, dopo la burrascosa stagione di Vatileaks e delle lotte di potere che hanno segnato l’era Bertone culminando nella rinuncia di Benedetto XVI, ci si aspetta un’azione da mediatore nella curia romana, un ruolo quasi da ‘paciere’ in grado di riportare serenità tra i vertici del potere vaticano e di ridare slancio, a tutto tondo, anche all’azione diplomatica della Santa sede.

(Nina Fabrizio/ANSA)

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora