Juventus, un altro poker a una pessima Lazio

Pubblicato il 31 agosto 2013 da redazione

JUVENTUS-LAZIO 4-1

JUVENTUS (3-5-2): Buffon 6; Barzagli 6 (36′ st Ogbonna sv), Bonucci 7, Chiellini 6,5; Lichtsteiner 6,5 (33′ st Isla sv), Vidal 7,5, Pirlo 6,5, Pogba 7, Asamoah 6; Vucinic 6,5 (36′ st Quagliarella sv), Tevez 7,5. (30 Storari, 4 Caceres, 7 Pepe, 11 De Ceglie, 12 Giovinco, 13 Peluso, 14 Llorente, 16 Motta, 20 Padoin). All. Conte 7.

LAZIO (4-4-1-1): Marchetti 6,5; Cavanda 5 (27′ st Floccari sv), Novaretti 4,5, Cana 5, Radu 5; Gonzalez 5,5, Biglia 6 (20′ st Ledesma sv), Hernanes 5, Lulic 5,5; Candreva 6,5; Klose 6 (36′ st Ederson sv). (1 Bizzarri, 95 Strakosha, 3 Dias, 9 Rozzi, 14 Keita, 17 Pereirinha, 20 Biava, 23 Onazi, 28 Vinicius). All. Petkovic 5.

Arbitro: Tagliavento di Terni 6,5.

Reti: nel pt 15′ e 26′ Vidal, 28′ Klose; nel st 4′ Vucinic, 35′ Tevez.

Angoli: 4-4. Recupero: 1′ e 2′. Ammoniti: Bonucci per gioco falloso. Espulso: Hernanes al 18′ st per doppia ammonizione. Spettatori: 38.041 per un incasso di 1.396.109 euro.

I GOL  – 15′ pt: taglio in verticale di Pogba che smarca Vidal: il cileno controlla e di esterno destro batte Marchetti. – 26′ pt: lancio profondo di Bonucci che pesca Vidal in area: controllo e sinistro per il raddoppio. – 28′ pt: destro dal limite di Hernanes, respinta corta di Buffon, Klose anticipa Chiellini e segna. – 4’st: l ancora lancio di Bonucci, Vucinic supera Novaretti in velocita’ e batte Marchetti in uscita. – 35′ st: velo di Vucinic che lascia a Tevez: l’argentino controlla e dal limite piazza il quarto gol alla destra di Marchetti.

TORINO. – Adesso, col senno di poi, lo si può dire: alla vigilia il pianto di Antonio Conte era greco, il proclama di Vladimir Petkovic era vuoto. Per quanto si è visto allo Juventus stadium in quello che molti avevano definito il ‘ritorno’ della partita di Supercoppa, c’è effettivamente una categoria di differenza tra Juventus e Lazio. Al di là del 4-1 finale, la squadra di Conte ha tenuto il campo con una padronanza degna della nuova ‘Legends Lounge’ inaugurata per l’occasione al J-Stadium (una cena-con-partita per due va dai 360 ai 1.000 euro, ma con cameriere e posto auto). La Lazio si è difesa come ha potuto, affidandosi a qualche tiro da fuori di Hernanes, Candreva o Gonzalez le sue (scarse) fortune. E ad eventuali incertezze di Buffon, non al meglio questa sera. Il 4-4-1-1 allestito da Petkovic per la trasferta di Torino è stato ben lontano dalla spavalderia tattica annunciata alla vigilia. La squadra biancoceleste, in realtà, ha atteso, non si sa se per scelta o perché costretta. La Juve, invece, col suo ormai consolidatissimo 3-5-2 ha ‘fatto’ la partita dal primo all’ultimo minuto: macinando, corricchiando, affondando, distraendosi, tornando a mordere. Tutto a suo piacimento, sotto lo sguardo ora tranquillo ora furioso di Antonio Conte. Davanti a 38.041 spettatori (tra cui anche famiglie e bambini) i bianconeri sono andati in gol con irrisoria facilità, senza mai forzare, esattamente come già successo a Genova. Vidal due volte (tocco delizioso al 15′ su altrettanto delizioso lancio di Pogba, e al 26′ su lancio di Bonucci), quindi Vucinic al 4′ della ripresa ancora su un lancio di Bonucci, tra i migliori dei suoi con Tevez e Pogba. La Lazio, che aveva impostato una gara di copertura per affidarsi a ripartenze con tiri dalla distanza, dopo meno di mezz’ora era già sotto di due gol. Troppo il divario tra le due squadre in campo. E il gol di Klose al 28′ è stato più frutto di una malandata respinta di Buffon che non di una pressione di squadra che cerca il pareggio. Tanto più che al 18′ della ripresa la Lazio è rimasta in dieci: Hernanes, già ammonito, si è visto presentare il cartellino rosso da Tagliavento per aver intenzionalmente cercato la deviazione in area con una mano. In realtà il brasiliano ha appena sfiorato la palla, ma l’arbitro (severissimo) non ha voluto sentire ragioni. Tuttavia a giudicare da quello che si è visto in campo, la Juventus (che nel finale ha fatto debuttare Ogbonna) avrebbe continuato a dominare anche una Lazio in undici uomini. Lo dimostra la prestazione di Tevez che, con tutto il rispetto, è giocatore di caratura ben diversa da Novaretti. L’argentino sul 3-1 ha continuato ad impegnarsi come un ossesso e prima ha colpito una traversa al 27′, poi al 36′ ha firmato il 4-1 con un dribbling strettissimo dal limite e conseguente diagonale da fuori. Il n.10, entusiasta come un giocatore alle prime armi, ha quindi esultato al grido (scritto sulla maglietta) di ‘Fuerte Apache’, dal nome del suo barrio di Buenos Aires. Mentre sugli spalti i tifosi festeggiavano così: ”Claudio Lotito salta con noi”. E per il presidente biancoceleste c’è un imperativo: tornare sul mercato.

(Luciano Clerico/ANSA)

Ultima ora

16:34Grenfell Tower: consiglieri Tory non graditi alla messa

(ANSA) - LONDRA, 12 DIC - Aria di polemica in vista della messa di suffragio in programma giovedì 14 nella cattedrale londinese di St Paul, a sei mesi esatti dalla tragedia, in memoria delle vittime del rogo della Grenfell Tower, edificio popolare in cui persero la vita ben 71 persone. Lo scrive il giornale filo-conservatore Daily Telegraph, sostenendo che il rito - a cui è annunciata fra gli altri la partecipazione dei principi Carlo e William con consorti, nonché del principe Harry - è stato dichiarato off limits, per volere di familiari dei morti e superstiti, per tutti i consiglieri Tory del Municipio di Kensington and Chelsea. La decisione è stata formalizzata dal vescovo anglicano di Kensington - che co-celebrerà la liturgia - il quale invece ha confermato l'invito ai consiglieri laburisti, graditi agli ex inquilini e ai loro familiari. "A tutti i consiglieri conservatori è stato chiesto di stare alla larga", ha confermato un portavoce del Municipio, sul cui territorio si consumò la strage.

16:32Calcio: Coppa Italia, in 4.000 partiti da Pordenone

(ANSA) - PORDENONE, 12 DIC - È iniziato l'esodo dei quattromila tifosi del Pordenone verso San Siro, dov'è questa sera la formazione neroverde affronterà l'Inter negli ottavi di finale di Coppa Italia. Alla volta di Milano è partita, attorno alle 14.00, una quarantina di pullman che hanno dato vita ad un festoso serpentone. A bordo dei bus anche tanti tifosi nerazzurri, che hanno colto l'occasione per ammirare dal vivo la capolista della serie A nel confronto con la squadra della loro città, unica di serie C rimasta in lizza nel torneo. Da Tricesimo (Udine), località di cui è originario, è partito un pullman di supporter personali di Michele De Agostini, figlio di Gigi, gloria della Juventus e della Nazionale, oltre che della stessa Inter anche se solo per una stagione, nel 1992-93.

16:31Brexit: Weber, primo accordo è vincolante, Londra chiarisca

(ANSA) - STRASBURGO, 12 DIC - La premier britannica "Theresa May deve intervenire e chiarire che quanto sarà scritto giovedì al Vertice europeo sarà vincolante dal punto di vista giuridico". Lo ha detto il capogruppo del Ppe al Parlamento europeo, Manfred Weber, chiedendo "chiarezza" a Londra in merito all'accordo preliminare siglato nei giorni scorsi sulla prima fase della Brexit da Regno Unito e Ue. "Se ora David Davis mette in dubbio la prima fase - attacca Weber -, ad esempio proponendo un congelamento dei pagamenti finché il processo non sarà concluso, tutto viene di nuovo messo in dubbio. Quanto sentito da Londra contrasta con l'idea di un rapporto di fiducia".

16:28Russia: 007, sventato piano attentati kamikaze durante feste

(ANSA) - MOSCA, 12 DIC - I servizi di sicurezza russi (FSB) hanno sgominato un gruppo terroristico composto da persone originarie dell'Asia centrale che pianificava attacchi suicida, nel corso del periodo festivo e nelle settimane precedenti alle elezioni presidenziali. Lo ha detto il direttore dell'FSB Alexander Bortnikov citato dalle agenzie russe.

16:26Calcio: Gattuso, quarti di coppa Italia un obbligo

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - "Le vittorie fanno lavorare meglio, ma la salita è ancora lunga". Rino Gattuso non si monta la testa dopo la prima vittoria alla guida del Milan, e cerca subito conferme negli ottavi di coppa Italia contro il Verona. "Abbiamo il dovere di passare questo turno", ha spiegato a Milan Tv l'allenatore rossonero, confermando che "il modulo con la difesa a quattro dà più garanzie" e indicando alcuni aspetti da migliorare Nei pensieri di Gattuso ancora non c'è spazio per l'avversario di Europa League, i bulgari del Ludogorets. "Febbraio è lontano: non ha grandissimo nome ma è una squadra forte, con dieci brasiliani", ha notato, parlando delle sensazioni che sta vivendo a Milanello da allenatore: "Sembra di non essere mai andato via, ma a volte mi fa specie pensare di stare nella stessa stanza di Carlo (Ancelotti, ndr) - ha sorriso l'ex mediano -. Non vado nell'ufficio del mister, mi piace stare giù con la squadra, mi piace lo spogliatoio".

16:25Alfano, la diplomazia economica vale l’1,4% del Pil

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "La diplomazia economica ha aiutato le nostre imprese nell'ottenimento di contratti e commesse contribuendo lo scorso anno in modo diretto o indiretto all'1,4% del Pil e ha sostenuto 307mila posti di lavoro". Lo ha detto il ministro degli esteri Angelino Alfano alla Farnesina dove è stato presentato il rapporto Prometeia sull'impatto economico di gare e contratti ottenuti all’estero da imprese italiane, che hanno beneficiato del sostegno della rete diplomatico consolare. Il ministro ha sottolineato che questa azione è fondamentale per la diplomazia nel suo insieme a differenza di anni fa, quando la diplomazia economica "era considerata quasi una diplomazia di serie B".

16:24Usa: aperti seggi in Alabama, è un test per il 2018

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - Aperte le urne in Alabama dove si vota oggi per il seggio in Senato lasciato vacante dalla nomina di Jeff Sessions a ministro della Giustizia nell' amministrazione Trump. Voto considerato strategico e un test per le elezioni di metà mandato del 2018. In corsa il repubblicano Roy Moore, sostenuto dal nazionalista ex stratega di Donald Trump, Steve Bannon, e dallo stesso presidente degli Stati Uniti, nonostante le polemiche per accuse verso di aver molestato minorenni nei decenni passati. Sul fronte democratico il candidato e' Doug Jones.

Archivio Ultima ora