Patto Confindustria-sindacati. Letta: “Così fuori da caos”

Pubblicato il 02 settembre 2013 da redazione

ROMA  – Una legge di Stabilità per la crescita e l’occupazione: Confindustria, Cgil, Cisl e Uil incalzano il governo perché ora dia risposte ai “problemi reali” del Paese, delle imprese e del lavoro, a partire dalla riduzione del carico fiscale. E lo fanno mettendo nero su bianco le priorità su cui chiedono “un impegno preciso” al governo, su cui agire in vista della vecchia Finanziaria e far convergere l’azione dell’esecutivo stesso e delle parti sociali: un documento comune che i rispettivi leader, Giorgio Squinzi, Susanna Camusso, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti, sottoscrivono a Genova prima di partecipare tutti insieme ad un dibattito nell’ambito della festa nazionale del Pd, dove rendono pubblica l’intesa. Intesa che viene subito apprezzata come una buona notizia dal premier Enrico Letta, che venerdì scorso aveva parlato da quello stesso palco.

– E’ un passo avanti importante che dimostra che se in questo Paese si vuole discutere di cose concrete si può uscire dal caos permanente nel quale ci si trova – afferma il presidente del Consiglio dalla Slovenia, assicurando che il governo sarà “un interlocutore molto attento”.

– Del resto – è la premessa del presidente di Confindustria -, siamo in una situazione tale che non possiamo che remare tutti nella stessa direzione. E – prosegue Squinzi -, le cose da fare sono tante, per cui facciamo un appello forte al Governo, l’unico possibile, affinché senta tutta la pressione.

Ma la necessità improcrastinabile, dice il numero uno della Cgil, è quella di “cambiare passo”.

– Non essere più prigionieri del dibattito ma avere una strategia per il Paese – sostiene Camusso.

E Bonanni aggiunge:

– Bisogna guardare in faccia la realtà senza perdersi in chiacchiere sull’Imu e sull’Iva che significa solo perdere tempo.

– Insomma – afferma Angeletti -, la politica economica del governo non deve servire a stabilizzare il governo ma ad aumentare l’occupazione e quindi a ritrovare la crescita.

Tre sono le direttrici su cui si articola il documento di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil: politiche fiscali, politiche industriali, revisione degli assetti istituzionali ed efficienza della spesa pubblica. Innanzitutto, quindi, un intervento “sull’intero sistema fiscale”, come dice Bonanni, che sia a vantaggio dei lavoratori e dei pensionati e anche delle imprese. Per aumentare, così, il reddito disponibile delle persone e riequilibrare la tassazione sui fattori produttivi. Per questo, dicono, va ridotto il prelievo sui redditi da lavoro: una “esigenza non più rinviabile”; va eliminata la componente lavoro dalla base imponibile Irap e ripensata la tassazione dei beni immobili dell’impresa che siano strumentali all’attività; vanno rese strutturali le misure sperimentali di detassazione e decontribuzione per aumentare la produttività. E, sostengono ancora, bisogna continuare la lotta all’evasione fiscale e approvare un provvedimento legislativo che destini alla riduzione delle tasse quanto recuperato ogni anno.

Sul fronte industriale, oltre all’istituzione di una Cabina di regia nazionale sulle crisi d’impresa, Confindustria e sindacati chiedono, tra l’altro, di rafforzare gli investimenti nell’innovazione “a 360 gradi” e ridurre il costo dell’energia. Mentre sulla spesa pubblica dicono basta agli sprechi, sostenendo con la revisione del titolo V della Costituzione l’abolizione delle Province, la riduzione “drastica” dei componenti degli organi elettivi a tutti i livelli di Governo, fino ad una spending review “seria” non più basata su tagli lineari

Leader lavoro-impresa uniti per crescere
Che c’era qualcosa sotto, si era visto subito appena Camusso-Bonanni-Angeletti sono arrivati alla Sala Sandro Pertini, Festa democratica nazionale, per il dibattito delle 17. Non tanto perché marciavano assieme – ormai l’unità sindacale è cosa fatta – ma perché al loro fianco era Giorgio Squinzi, capo di Confindustria. E anche se era già girata la voce di un accordo tra i quattro, vedere il capo degli Industriali che camminava con lo stesso passo dei leader confederali qualche sopracciglio l’ha fatto alzare.

Nemmeno a dirlo, la strana delegazione era guidata da Susanna Camusso che ha assunto il compito di fare l’avanguardia attirando su di sé un grappolo impressionante di media mentre gli altri (Squinzi, Angeletti e Bonanni) guadagnavano tranquillamente il palco. Ma il più doveva ancora venire. Eccoli lì, seduti in fila: Squinzi a sinistra, per un caso, Camusso al centro, Bonanni e Angeletti a destra ciascuno con i foglietti in mano. Intanto i portavoce dei leader di sindacato e Confindustria provvedevano a ‘stendere’ i giornalisti mostrando un documento unitario – sindacato-Confindustria – dal titolo ‘una legge di stabilità per l’occupazione e la crescita’ dove si parla di politiche fiscali e industriali, della revisione degli assetti istituzionali e efficienza della spesa publica. Firmato Squinzi, Camusso, Bonanni, Angeletti.

A fare da testimone a questo trust sui generis il responsabile economico del pd Marco Colaninno che riesce a mantenere il sangue freddo perché, dice, ”unire lavoro e impresa è nel dna del Pd”. Quando Susanna Camusso dice ”bisogna cambiare passo e pensare a una strategia per il Paese” praticamente illustra da sola tutto il documento, assai complesso e in verità particolarmente efficace, così efficace che Colanninno dice di non aver dubbi sulla ”ricezione dell’atto da parte del premier Letta”.

E quando a parlare tocca al capo degli industriali, non fa più effetto a nessuno sentire che parla con il tono che avrebbe proprio la Camusso quando si rivolge ai lavoratori: pacato, determinato, efficace. Solo la frase ”perdersi in chiacchiere significa perdere tempo” innesca il deja vu nei simpatizzanti.

– Le cose da fare sono tante – aggiunge – per cui facciamo un appello forte al Governo, l’unico possibile, affinché senta tutta la pressione.

Altro che pressione: l’asse Condfindustria-sindacati è come mettere in campo Garrincha, Messi, Maradona, Pelè. Non ce ne sarà per nessuno.

Ultima ora

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

00:23Basket: Serie A, Torino-Milano 71-59

(ANSA) - TORINO, 10 DIC - La Fiat Torino batte 71-59 l'EA7 Milano e aggancia in classifica i milanesi. Una vittoria di carattere quella conquistata dalla squadra dell'ex milanese Banchi, passata a condurre nella prima frazione per poi non lasciare più il comando della partita. Se all'inizio le percentuali di Milano hanno favorito la fuga torinese (32-27 al 20'), nella ripresa la difesa di Torino ha fatto la differenza. Washington ha chiuso le falle in difesa, Mbakwe ha fatto impazzire sotto canestro i lunghi milanesi, caricando di falli Tarczewski e Gudaitis. Un parziale di 17-6 a metà terzo quarto (51-33), propiziato da Mbakwe e Vujacic ha indirizzato la partita: Milano ha provato nel finale a riavvicinarsi, ma la Fiat ha controllato senza patemi il risultato. Ottima prova di Patterson (16), Mbakwe (15) e Vujacic (10) per Torino, mentre sulla sponda milanese il solo Jerrels è riuscito ad andare in doppia cifra chiudendo con 10 punti.

00:21Calcio: Bonaventura, vittoria sia punto di partenza Milan

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Era importante vincere e ce l'abbiamo fatta. Siamo felici, venivamo da un periodo in cui seminavamo tanto e raccoglievamo poco''. A Premium Sport, il centrocampista del Milan Giacomo Bonaventura racconta il suo match da protagonista contro il Bologna: ''Dovevamo tenere un po' più la palla una volta andati in vantaggio, ci servirà da lezione per le prossime. Sperando che questa vittoria possa essere un punto di partenza. Io sto meglio, piano piano sto arrivando al cento per cento e cerco sempre di dare tutto me stesso per la squadra''.

00:08Serie A: il Milan batte il Bologna 2-1 nel posticipo

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Una doppietta di Jack Bonaventura fa respirare il Milan di Rino Gattuso alla sua prima vittoria da quando ha preso il posto in panchina di Vincenzo Montella. In un Meazza congelato con fiocchi di neve a sprazzi, i rossoneri battono il Bologna 2-1 (1-1) nel posticipo della 16/a giornata della Serie A. Apre le marcature Bonaventura al 10' pt, bel pari di Verdi al 23' pt, decide di nuovo Bonaventura al 31' st. Con i tre punti conquistati questa sera il Milan si porta al settimo posto a quota 24 punti.

Archivio Ultima ora