Siria: cronaca di un dramma

Pubblicato il 02 settembre 2013 da redazione

Centomila morti. Tra questi, migliaia di civili e bambini. Stando a quanto pubblicato nei rapporti delle Nazioni Unite, bilancio e statistiche della guerra civile siriana divengono ogni giorno più drammatici. E la luce in fondo al tunnel appare ancora lontanissima.

Numeri e considerazioni che non hanno affatto l’intento di “abbagliare” il lettore, ma, più semplicemente, di restituire al dossier Siria le attenzioni che merita. Un argomento divenuto parte della quotidianità dell’universo dell’informazione al punto da non destare più riflessioni e preoccupazioni, evidentemente più che fondate. Ci si abitua, purtroppo, anche a tragedie di proporzioni del genere, tanto da non ricordare nemmeno la causa scatenante di un conflitto iniziato ormai più di due anni fa.

Nel marzo 2011, il vento della Primavera Araba soffiava su Damasco e le proteste, che hanno assunto connotati violenti sfociando in sanguinosi scontri tra polizia e manifestanti, avevano l’obiettivo di spingere il presidente siriano Bashar al-Assad ad attuare le riforme necessarie per dare un’impronta democratica alle istituzioni. La versione fornita dal governo, invece, era diametralmente opposta: i ribelli miravano alla proclamazione di uno stato islamico radicale, come dimostrato dalla presenza nel Consiglio Nazionale siriano dei Fratelli Musulmani e di altri gruppi legati all’Arabia Saudita e ad al-Qaida. In virtù di una vecchia legge del 1963 che impediva le manifestazioni di piazza, revocata poi formalmente soltanto dopo diverse settimane di incidenti, il regime ha soffocato, anche e soprattutto ricorrendo alla violenza, le contestazioni messe in atto dalla popolazione.

La primavera, quella con la “p” minuscola, si è tinta dunque di sangue: le forze armate hanno schiacciato le rivolte ed in molte città è stato ordinato ai militari di aprire il fuoco sui civili. Innocenti e disertori dell’esercito hanno iniziato così a formare vere e proprie unità di combattimento e si sono riuniti nell’Esercito Siriano Libero, organizzandosi giorno dopo giorno per fare fronte comune contro il regime di Assad, per il quale restano nient’altro che un «gruppo terroristico armato».

Desiderio di cambiamento da una parte ed assoluta fermezza nel non voler lasciare il potere dall’altra hanno contribuito a stilare un infinito elenco di violazioni dei diritti umani: torture, sequestri, detenzioni illecite ed esecuzioni. Le rimostranze si sono rapidamente intensificate ed il Paese è scivolato nel baratro di una sanguinosa guerra civile.

Uno scenario così delicato ha messo, o meglio avrebbe dovuto mettere, la Comunità Internazionale spalle al muro di fronte a delle precise responsabilità. Eppure, nonostante quanto stava e stia ancora accadendo, nessuno è apparso in grado di fornire un apporto concreto alla soluzione della crisi. La diplomazia ha avuto tutto il suo tempo ed ha fallito. Il motivo è molto semplice: qualsiasi risoluzione delle Nazioni Unite orientata contro Assad, ed in molti casi legata ad eventuali sanzioni, si è puntualmente infranta contro il muro del veto posto da Russia e Cina. Una realtà che non deve sorprendere. Esiste, infatti, un’ottica assai diversa da quella cui siamo abituati nelle vesti europee di menti filo-occidentali. I due colossi d’oriente, dunque, non hanno mai nascosto di temere ed al tempo stesso rifuggire l’idea di un intervento straniero sul territorio del loro alleato. Ed a nulla, in sostanza, sono valsi gli sforzi degli Amici della Siria, un gruppo di oltre ottanta nazioni, tra cui anche l’Italia, che si riuniscono periodicamente nel tentativo di individuare una via d’uscita.

Via d’uscita che in qualche modo era stata indicata da Barack Obama circa un anno fa. Il numero uno della Casa Bianca aveva infatti tracciato una “linea rossa”, legata all’eventuale utilizzo di armi chimiche da parte del governo siriano. Oltre quella soglia, gli Stati Uniti si sarebbero impegnati in un intervento, anche in assenza del coordinamento del Palazzo di Vetro.

Ebbene, il presunto attacco “sporco” alle porte di Damasco dello scorso 21 agosto, in relazione al quale si è parlato di 1.400 vittime civili fra cui 426 bambini, sta quasi obbligando gli Stati Uniti a prendere una decisione molto delicata. Delicata non soltanto per le sorti dello scenario mediorientale, ma altresì per lo stesso leader democratico. Sono in molti a chiedersi dove siano finiti tutti i discorsi del premio Nobel per la pace a stelle e strisce. La sensazione è che la comunicazione studiata in maniera scientifica per far colpo sugli elettori stia lasciando il posto alla politica estera, quella vera.

Obama, dunque, stretto nella morsa di uno dei momenti più difficili della sua presidenza: la credibilità politico-militare degli Usa da un lato ed un danno di immagine incalcolabile, soprattutto in seno all’opinione pubblica progressista, dall’altro. Un vicolo cieco nel quale sembra essersi incastrato con le sue stesse (più o meno recenti) dichiarazioni che lo hanno spinto giorni fa ad un plateale annuncio di un attacco «imminente». Subito dopo, via al valzer dei tentennamenti: dal mezzo passo indietro dell’Inghilterra, con il premier Cameron che invita alla prudenza, al rinvio deciso dallo stesso presidente americano per condividere con il Congresso la scelta e, soprattutto, le conseguenti responsabilità.

Ciononostante, l’auspicio è che gli interessi politici di un leader o di un qualsiasi altro Paese non prevalgano su quelli di una comunità di persone che merita di vivere la più sacra delle ambizioni: il desiderio di libertà. L’Afghanistan e l’Iraq hanno palesato appieno le difficoltà legate alla cosiddetta “esportazione della democrazia”. Il popolo siriano, però, merita una speranza.

Romeo Lucci

Ultima ora

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

21:59Argentina: milioni di pesos falsi contro la corruzione

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - In occasione della Giornata nazionale contro la corruzione, i cittadini di San Salvador de Jujuy, città dell'Argentina nordoccidentale, hanno trovato per strada una montagna di denaro falso pari a 716 milioni di pesos argentini (circa 35 milioni di euro). L'iniziativa è stata realizzata dall'ufficio provinciale anticorruzione per informare i cittadini sugli effetti negativi della corruzione. L'ufficio ha voluto realizzare, in occasione del 9 novembre in Argentina, una riproduzione in scala di tutto il denaro che non si è potuto utilizzare per la costruzione di oltre 2.200 alloggi popolari. I fondi sarebbero coinvolti nel caso che vede sotto accusa la dirigente sociale Milagro Sala, attualmente detenuta per presunta frode, associazione a delinquere ed estorsione. L'iniziativa, costituita da quattro strutture cubiche, rappresentavano gli oltre 716 milioni di pesos la cui destinazione finale non è stata ancora chiarita.

21:55Pentagono ‘ignora’ Trump, transgender possono arruolarsi

(ANSA) - WASHINGTON, 11 DIC - Il Pentagono ha annunciato che consentirà ai transgender di partecipare all'arruolamento che comincia il primo gennaio, nonostante l'opposizione del presidente Donald Trump. Una mossa che, secondo gli osservatori, riflette le crescenti pressioni legali sulla questione e le difficoltà da parte del governo federale di attuare la richiesta del tycoon di bandire i transgender dall'esercito. Le sue direttive finora sono state bocciate da due corti federali. Le aspiranti reclute dovranno tuttavia superare una serie di esami fisici, psicologici e medici che potrebbero rendere più difficile ottenere la divisa.

21:53Putin sbarcato ad Ankara, faccia a faccia con Erdogan

(ANSA) - ISTANBUL, 11 DIC - Il presidente russo Vladimir Putin è sbarcato ad Ankara, ultima tappa del suo tour de force mediorientale che oggi lo ha portato nella base russa di Hmeimim in Siria, dove ha incontrato il suo omologo Bashar al Assad, e poi al Cairo per colloqui con il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi. In Turchia, il capo del Cremlino avrà un faccia a faccia con il presidente Recep Tayyip Erdogan sulle crisi regionali - dalla Siria a Gerusalemme - e i rapporti bilaterali, con un focus sulla cooperazione energetica e il progetto russo della prima centrale nucleare turca ad Akkuyu. Negli ultimi mesi, i due leader hanno avuto numerosi contatti. Il faccia a faccia di oggi, seguito da una conferenza stampa congiunta, è il terzo nell'ultimo mese.

Archivio Ultima ora