BASKET. Magica Italia, anche Turchia si inchina

CAPODISTRIA – L’Italia fa un altro passo importante a Eurobasket 2013, battendo la Turchia 90-75 a Capodistria nella seconda partita del girone D, ma soprattutto ripetendo e anzi migliorando la brillante prova di gruppo mostrata ieri contro la Russia.

Gli azzurri hanno condotto il match con autorità dall’inizio alla fine e il Ct, Simone Pianigiani, ha commentato in modo eloquente: “Una partita eccellente, vinta con grande merito dai ragazzi che hanno dominato la gara contro un avversario molto fisico e con grande esperienza”. “Non era facile ripetersi dopo la grande fatica contro i russi e questa può ben definirsi una vittoria mentale – ha sottolineato il tecnico – Abbiamo 8 giocatori all’esordio ad un Europeo e manchiamo di esperienza. Non siamo ancora neanche vicini alla qualificazione ma con due vittorie di fila siamo lì”.

Tra i migliori in campo Nicolò Melli, che con Cusin carico di falli ha offerto una gran prova sotto i tabelloni con 14 punti e 10 rimbalzi. Ancora tanto apporto dalla panchina e dagli ormai soliti punti di riferimento Belinelli e Aradori.
Nella giornata in cui Datome, dopo i 25 punti di ieri, rimane a zero pur dando tantissimo ai compagni, Melli (14 punti) e
Gentile (20) hanno spaccato la gara. Pianigiani tiene comunque dritta la barra: “La partita di sabato contro la Finlandia (che oggi ha battuto la Svezia ed é a pari punti con l’Italia, ndr) sarà dura e da non sottovalutare. Lo spirito è senza dubbio quello giusto così come le facce che ho visto in campo”. 

La partita, simile nell’approccio della squadra e nel risultato, é stata diversa nel suo svolgimento rispetto a quella di mercoledì. L’Italia non scappa avanti, ma si procede punto a punto e lentamente con gran lavoro delle difese (6-6 a metà frazione).

Il primo allungo è turco, con bombe di Guler e Arsla ma con il passare dei minuti l’apporto di Melli cresce anche in attacco (per lui 10 punti e 4 rimbalzi nel solo primo quarto), ravvivando l’Italia che con una tripla di Belinelli chiude la prima frazione in vantaggio 22-19.

Melli e Gentile firmano in avvio della seconda il parziale di 12-0 contro i giganti turchi di Tanjevic mentre la difesa continua a fare il suo dovere: non poche volte Gonlum, Erden e soci sbattono contro il muro eretto dalla squadra di Pianigiani. Poeta entra in campo e con Belinelli semina il panico nella retroguardia avversaria, cosi’ a fine primo tempo l’Italia è in vantaggio 44-34.

Al rientro dagli spogliatoi, tutti continuano a spendersi al massimo: Cusin commette il terzo fallo, poi il quarto, ma intanto salgono di tono Aradori e Cinciarini. Il punteggio continua a premiare lo sforzo degli azzurri, che tra triple e affondi salgono prima sul 56-42 e poi volando grazie soprattutto ad Aradori, che in 10 minuti mette a segno 17 punti personali per il 74-57 all’ultima minisirena. La Turchia cerca il tutto per tutto nell’ultimo quarto, come ieri era stata costretta a fare la Russia, ma l’Italia resiste con tenacia, approdando ad un confortevole 81-65 a metà frazione, quando l’avversario si arrende.

Condividi: