Festival Venezia: Segre,racconto integrazione come normalità

Pubblicato il 06 settembre 2013 da redazione

VENEZIA. – Per continuare il suo racconto ”della dignità delle persone nella crisi”, dopo Io Sono Li (nel 2011 alle Giornate degli Autori e poi pluripremiato) e il documentario Mare chiuso, Andrea Segre firma il suo secondo lungometraggio, La prima neve, in gara nella sezione Orizzonti alla Mostra del Cinema di Venezia (lunghi applausi alla proiezione con il pubblico) e in sala dal 17 ottobre, distribuito da Parthenos. La storia di integrazione e legami familiari ambientata fra le montagne del Trentino, ha fra gli interpreti Jean-Christophe Folly, Giuseppe Battiston, Anita Caprioli, e l’11enne, al debutto sul grande schermo, Matteo Marchel. ”Parto dal tema dell’integrazione, lo stesso di Io sono Li ma dalla prospettiva dei tantissimi immigrati che diventano parte delle nostre famiglie e comunità perché svolgono lavori che ci sono necessari e la loro presenza ci sembra normale – spiega Segre, che proprio ieri ha compiuto 37 anni -. Una normalità però che raramente viene raccontata, si preferisce parlare sempre dei problemi”. Da quell’argomento ”volevo arrivare ad un altro, la perdita del padre, con la storia di un padre che non riesce ad esserlo e di un figlio che non può più essere figlio”. Ad ispirare il film è stato anche ”l’incontro con i ragazzi ospitati da un centro di accoglienza in Trentino per profughi scappati da guerra libica. Alcuni di loro recitano anche nel film”. Ne La Prima neve protagonista è Dani (Jean-Christophe Folly) nato in Togo ed arrivato in Italia con la moglie incinta per sfuggire alla guerra in Libia. Un viaggio massacrante che ha seriamente indebolito la moglie morta poi di parto. Dopo un anno Dani, ospite di un centro d’accoglienza a Pergine, nella Valle dei Mocheni in Trentino, ancora non riesce a legarsi emotivamente alla figlia (la ignora, non la consola quando piange) per il dolore. Un blocco che affronta quando va a lavorare da Pietro (Peter Mitterrutzner), falegname e apicoltore, che vive in un maso con la nuora Elisa (Anita Caprioli) e il nipote di dieci anni Michele (Matteo Marchel), ancora fortemente scosso dalla recente morte del padre. ”Quando ho pensato al personaggio di Matteo, volevo che il racconto di quel dolore così ingiustificabile fosse affidato a un bambino che avesse un’altra fonte di energia. I bambini nelle nostre città che crediamo liberi, in realtà sono frustrati, ingabbiati. I bambini della Valle dei Mocheni, da cui viene anche Matteo, vivono una vita del tutto diversa, a stretto contatto con la natura, si arrampicano sugli alberi…”. Per Anita Caprioli ”il ruolo della madre in questa storia, è quello di ”catalizzatore della rabbia del bambino, troppo piccolo per saper elaborare il lutto”. Mentre secondo Giuseppe Battiston, già nel cast di Io sono Li, e interprete in La prima neve dello zio di Michele girare con Segre ”è sempre un’esperienza straordinaria, ti metti al servizio di una creatività nuova che sa raccontare la bellezza dei luoghi e la particolarità delle persone”. Il piccolo Matteo Marchel, vive l’esperienza veneziana con calma e stupore: ”quando dico di aver fatto un film ne parlo quasi superficialmente, ma quando mi fermo a pensarci mi riempio di emozioni”. Il film durante la distribuzione in sala raccoglierà fondi per ‘La prima scuola’ iniziativa per la creazione di progetti artistici e pedagogici nelle scuole elementari di periferia.

(Francesca Pierleoni/ANSA)

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora