8 settembre: Napolitano, saluto fuori programma ai giovani

Pubblicato il 08 settembre 2013 da redazione

ROMA. – Ricordare quanti sono caduti opponendosi al nazi-fascismo, permettendo così che i principi fondamentali della Repubblica – dalla libertà d’espressione all’uguaglianza – fossero sanciti nella Costituzione. Ma anche celebrare il senso profondo dell’ ”l’armistizio”, quell’abbassare le armi che dovrebbe significare relegare nel passato le ”trincee” e cogliere la ”sfida del futuro”. Questo è stato l’otto settembre nella lettura di due ragazzi che oggi a Roma hanno raccolto l’apprezzamento di Giorgio Napolitano. Fuori programma il presidente ha voluto salutarli personalmente e si è congratulato con loro. Cifra tonda, oggi per il ricordo dell’armistizio firmato da Badoglio nel 1943. Un passaggio determinate nella storia d’Italia, che se da un lato illuse gli italiani che la guerra fosse finita, dall’altro diede propulsione alla Resistenza. Sono passati 70 anni: un tempo lunghissimo attraverso il quale si sono formate piu’ generazioni che di quei drammi ed atti d’eroismo leggono sui libri di storia. Per questo oltre ad ascoltare gli interventi del sindaco di Roma Ignazio Marino e del ministro della Difesa Mario Mauro e salutare ex partigiani ed ex militari, nella cerimonia a Porta San Paolo il presidente della Repubblica ha riservato particolare attenzione alle parole pronunciate dal palco da Holger Lazzaro (studente della Scuola Germanica di Roma) e di Giulia Gazerro (liceo Mamiani). Due discorsi diversi ma complementari che bene fanno capire come commemorazioni di questo tipo non possano fermarsi ad un semplice e ripetitivo rito laico della Repubblica. Il giovane Holger, italo-tedesco e di origini ebraiche, ha raccontato di essere andato con ‘il Viaggio della Memoria’ ad Auschwitz-Birkenau con ”una grande curiosità per la la cultura ebraica. Essendo però anche tedesco e frequentando una scuola tedesca, avevo paura – ha sottolineato – di non essere accolto a causa del ruolo che la Germania ha avuto nella Shoah”. Di grande effetto anche un passaggio dell’intervento di Giulia che ha riferito il racconto di una partigiana che ben racconta l’atmosfera di allora: le donne chiedevano alle famiglie dell’Ostiense zucchero da dare poi ai morenti feriti nella battaglia di quei giorni. ”Armistizio significa abbassare le armi, uscire dalle trincee; guardare negli occhi la persona invece di spiare un nemico attraverso il mirino di un moschetto”, ha detto invece Holger Lazzaro. ”Ma abbassare le armi del pregiudizio, abbandonare il muro di trincea, quei sacchi di sabbia che finora ci hanno difeso, per affidarci alle mani di un altro, esige un atto di coraggio”, ha aggiunto. Ed oggi di ”coraggio” c’è bisogno per cambiare passo, per ridare slancio ad un’Italia bloccata da perduranti fossati ideologici, pesante eredita’ delle passioni del secolo scorso. Per questo il giovane studente della scuola germanica chiede alla politica ed alle istituzioni di ‘lasciare le trincee della paura e del rancore, che possono forse dare sicurezza, ma che sono allo stesso tempo una prigione, per liberarci definitivamente dalle catene del pregiudizio e affrontare insieme la sfide del futuro”. Di taglio piu’ storico l’intervento di Giulia – alla quale il presidente Napolitano successivamente ha domandato di fornirgli il testo – che ha con forza chiesto di ritrovare quella purezza morale che contraddistinse i faticosi anni della liberazione. ”Abbiamo il dovere di riconoscere nella Resistenza uno dei momenti più gloriosi della storia, nel quale 62.000 partigiani, tra cui anche giovani della nostra età, hanno dato la vita per regalarci un futuro migliore. Oggi essi rappresentano un modello di vita, di dignità, di coraggio, di chi dice “no” all’ingiustizia”. ”Tocca a noi – ha concluso la studentessa del Mamiani – fare lo sforzo di salvare una delle pagine della nostra storia: fare memoria è assai più che ricordare. Significa non solo richiamare alla mente alcuni fatti, ma trasfondere nel nostro spirito i valori che li ispirarono”.

Ultima ora

13:36Nuoto: Europei, Dotto show, in semifinale con miglior tempo

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Un grandissimo Luca Dotto ha vinto la sua batteria e fatto il miglior tempo (46"81) nei 100 sl ai campionati europei in vasca corta in corso a Copenhagen. Il campione azzurro si è qualificato per la semifinale della gara regina, e con lui è passato anche Lorenzo Zazzeri (47"). Fuori dalle semifinali invece Marco Orsi, campione in carica, che pure ha vinto la sua batteria e ha fatto il sesto tempo in 47"13. Orsi è stato eliminato per le quote nazionali, e così pure Alessandro Miressi, che aveva segnato il decimo tempo in 47"35. Orsi si è rifatto comunque nei 100 misti, vincendo la sua batteria in 52"13 a un solo centesimo dal record italiano. Dietro di lui Simone Geni, in 52"74. Entrambi vanno in semifinale. In questa gara ha dato forfait all'ultimo momento il primatista del mondo Morozov.

12:58Calcio: Palermo, istanza fallimento, giudice si riserva

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - Il giudice del tribunale di Palermo, Giuseppe Sidoti, si è riservato di decidere sull'istanza di fallimento del Palermo calcio presentata dalla Procura, secondo la quale la società sarebbe insolvente. I pm avevano presentato anche una memoria nei giorni scorsi per rispondere ai rilievi della difesa del Palermo.

12:50Mafia: arrestato boss della ‘società’ foggiana

(ANSA) - FOGGI, 16 DIC - La polizia ha arrestato a Foggia il boss della 'società' foggiana, Federico Trisciuoglio di 64 anni e il figlio Giuseppe, di 40, per provvedimenti di carcerazione emessi dalla Procura Generale di Bari. Sconteranno condanne per estorsione aggravata dal metodo mafioso: il padre è a sette anni di reclusione, il figlio a quasi cinque anni. Federico Trisciuoglio ha già subito condanne per associazione mafiosa nell'ambito dei processi storici alla criminalità organizzata foggiana. La condanna per cui è stato ora riportato in carcere si riferisce alla operazione 'piazza pulita' del 2010 su estorsioni a funzionari dell'azienda municipalizzata Amica (raccolta e smaltimento dei rifiuti), che all'epoca era di proprietà del Comune. Gli Trisciuoglio imponevano le assunzioni anche grazie all'intermediazione di politici locali. Gli assunti venivano pagati anche se non lavoravano e quando funzionari dell'Amica tentarono di contestare queste mancanze, furono minacciati di morte da parte di Federico Trisciuoglio.

12:26Austria: pronto il nuovo governo nero-blu

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il nuovo governo austriaco nero-blu è pronto: il cancelliere designato Sebastian Kurz, popolare dell'Oevp, il più giovane premier del mondo (31 anni), ed il suo vice Heinz-Christian Strache, leader del partito populista di estrema destra Fpoe, lo hanno presentato questa mattina al presidente Alexander van der Bellen nella Hofburg di Vienna. Secondo Die Presse online Kurz ha definito la nuova compagine di governo, che verrà presentata nel pomeriggio, "un'ottima e forte squadra", mentre Van der Bellen ha tenuto a rassicurare l'opinione pubblica internazionale spiegando che "nei colloqui ci siamo trovati d'accordo che è nell'interesse nazionale dell'Austria essere al centro di una Unione europea forte, e di contribuire a una forte Comunità europea".

12:22Natale: sindaco Sala a taglio panettone più grande del mondo

(ANSA) - MILANO, 16 DIC - Sarà domani l'appuntamento clou del weekend dedicato al panettone a Milano: in Galleria con il 'Panettone più grande del mondo'. All'appuntamento previsto alle 16.30 saranno presenti tra gli altri il sindaco Giuseppe Sala, il presidente di Confcommercio Milano Carlo Sangalli e l'amministratore delegato di Fiera Milano spa Fabrizio Curci. Il 'Panettone più grande del mondo', preparato dalla pasticceria San Gregorio, 140 kg di peso, sarà tagliato in 1.200 fette che verranno distribuite ai milanesi e ai turisti di passaggio. Per realizzare il tradizionale dolce milanese in formato da record ci sono voluti quattro giorni di lavorazione, 10 kg di pasta 69 kg di farina, 27,6 litri d'acqua, 15 kg di tuorli, 27 kg di burro, 18 kg di zucchero, 18 kg di uvetta e 11 kg di canditi d'arancia, tre impasti, una lievitazione di otto ore e poi la cottura in forno di due metri di altezza per 1,5 metri di larghezza. L'iniziativa è patrocinata dal Comune di Milano e organizzata da Confcommercio Milano, in collaborazione con Fiera Milano Spa, Camera di Commercio Metropolitana, APA Confartigianato Imprese Milano, Monza e Brianza e Unione Artigiani di Milano e Provincia. Contemporaneamente verranno distribuite altre fette di panettoni artigianali in tutta la Galleria. Ma il fine settimana dedicato dolce milanese più famoso del mondo comincia già oggi con le degustazioni gratuite di panettoni artigianali nelle pasticcerie e panetterie che hanno aderito all'iniziativa.

12:19Savoia: presto in Piemonte anche salma Vittorio Emanuele III

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 16 DIC - Le spoglie di re Vittorio Emanuele III di Savoia saranno traslate nel Santuario di Vicoforte, nel Cuneese, e troveranno posto in loculo accanto a quello in cui è stata accolta la salma della moglie, la regina Elena. E' quanto si apprende da una nota del rettore della basilica, don Meo Bessone. Vittorio Emanuele III è oggi sepolto ad Alessandria d' Egitto. Per ora non si conosce la data di arrivo delle spoglie di Vittorio Emanuele III, re d'Italia dal 1900 al 1946, quando abdicò in favore del figlio Umberto II. In attesa che le sue spoglie vengano traslate, resta chiusa la cappella di San Bernardo, dove ieri il rettore, don Meo Bessone, ha celebrato la preghiera prevista dal rito delle esequie per l'arrivo delle spoglie della regina Elena. La cappella è nota anche come mausoleo del duca Carlo Emanuele I, che vi è sepolto, e che sostenne l'inizio della costruzione del santuario tra il 1596 e i primi anni del '600.

12:14Scherma: sciabola,Grand Prix Fie bene avvio azzurre a Cancun

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Ottimo esordio azzurro nella sciabola femminile sulle pedane di Cancun, dove nella notte italiana ha preso il via il Grand Prix FIE. Tutte le atlete italiane si sono qualificate al tabellone principale. Nel primo turno del main draw dunque tutte lin pedana le dodici le azzurre giunte a Cancun. Alle già ammesse di diritto come teste di serie, Rossella Gregorio, Irene Vecchi, Loreta Gulotta e Martina Criscio, nella giornata preliminare si sono aggiunte, immediatamente dopo la fase a gironi, Arianna Errigo, Sofia Ciaraglia, Chiara Mormile e Martina Petraglia. Per Caterina Navarria, Camilla Fondi, Rebecca Gargano e Michela Battiston si sono invece aperte le porte del tabellone di qualificazione. Navarria ha vinto per 15-12 il match contro la giapponese Aoki, mentre con lo stesso punteggio Fondi ha avuto ragione della spagnola Navarro. Gargano ha superato invece 15-13 l'altra spagnola Portugues, infine Battiston ha avuto la meglio col punteggio di 15-6 della sudcoreana Jiyoung. (ANSA).

Archivio Ultima ora