Apple: Wall Street boccia l’iPhone

NEW YORK  – Wall Street boccia il nuovo iPhone: il 5C è troppo costoso e mostra come Apple da pioniere sia divenuta una società che emula, segue i trend dettati da altri. E le conseguenze sono immediate sui titoli di Cupertino, che incassa tre downgrade e arriva a perdere il 6% a 464,81 dollari, ben lontano dai massimi di settembre scorso quando volarono a 700 dollari.

A deludere il mercato è il prezzo del 5C, ritenuto troppo alto: 99 dollari con il contratto, ma la cifra balza a 733 dollari senza contratto in Cina e 549 dollari negli Stati Uniti.

– E’ troppo alto. Siamo delusi dalla decisione di Apple di restare ‘premium’ per i prezzi degli smartphone, che la espone a livello competitivo – afferma Credit Suisse, che taglia il rating di Apple a ‘neutral’ da ‘outperform’. La banca critica anche l’iPhone 5S, che manca di vera innovazione: è piu ”evoluzione che rivoluzione” afferma.

Anche Ubs punta il dito contro la strategia dei prezzi di Apple, definendola difficile da capire. Ubs ha ridotto la la propria valutazione su Cupertino a ‘neutral’ da ‘buy’ e il prezzo di riferimento a 520 dollari da 560 dollari.

Condividi: