Raikkonen torna alla Ferrari: accordo con la Rossa

ROMA – Un ritorno che non sa di minestra riscaldata. Anzi. Kimi Raikkonen guiderà di nuovo la Ferrari, lui ultimo pilota ad aver regalato un mondiale alla Rossa, ma anche quello rimasto in stand by per fare spazio a Fernando Alonso. E proprio con lo spagnolo il finlandese farà coppia dalla prossima stagione: l’ufficialità dell’ingaggio da parte del team di Maranello è dovuta arrivare dopo il saluto in controsterzata di Felipe Massa, che anticipando tutti aveva annunciato che la sua storia con il Cavallino rampante era ai titoli di coda.

Ancora c’è un pezzo di stagione da correre, con Alonso che gioca le ultime carte contro un Sebastian Vettel lanciato verso il quarto titolo consecutivo: ma la Ferrari ha già composto il puzzle della prossima, bloccando con un contratto biennale il finlandese. Che si ‘scioglie’ parlando della Ferrari come di un amore mai finito.

“Sono davvero contento di ritornare a Maranello dopo averci trascorso tre anni fantastici e ricchi di vittorie – le prime parole di Raikkonen da ferrarista – Ho moltissimi ricordi che mi legano alla Ferrari e li ho sempre portati con me in questi anni, primo fra tutti l’indimenticabile vittoria del Mondiale nel 2007. Non vedo l’ora di tornare alla guida di una Rossa, di ritrovare tante persone con le quali ho stretto forti legami e di lavorare insieme a Fernando, che ritengo un grande pilota straordinario, per regalare alla squadra i successi che si merita”.

Il ritorno del finlandese era scritto, e propone uno scenario abbastanza innovativo. Dal 2014 la guida delle Rosse non avrà infatti più primo e secondo pilota, ma due iridati pronti a darsi in battaglia in pista, facendo così crescere l’agonismo interno. E Alonso, che nelle ultime corse aveva mostrato di comandare un po’ troppo all’interno del team, adesso sa che il futuro sarà da ‘primus inter pares’, con un rivale in casa che però accoglie subito bene.

“Do il benvenuto al mio nuovo compagno di viaggio: insieme dovremo affrontare una sfida tecnica e sportiva molto impegnativa a partire dal prossimo anno” dice lo spagnolo, che ci tiene anche a salutare il brasiliano. “Voglio ringraziare Massa per tutti questi anni, per la strada percorsa insieme, per il sostegno dato a me e alla squadra. Non sarà facile dover salutare un compagno unico per professionalità e lealtà e che, fino alla fine saprà dare il massimo per una Scuderia che ama moltissimo”. “Un vero uomo di squadra” lo ha definito Stefano Domenicali.

Ma Massa è già il passato. Il futuro insomma fa di nuovo incrociare in pista la Ferrari e Raikkonen che proprio quando sbarcò a Maranello nel 2007 lasciò il segno vincendo nella gara d’esordio in Australia e poi chiudendo la stagione d’oro conquistando il mondiale. Il finlandese lascia la Lotus, che pure lo aveva accolto dopo quello che sembrava un addio di Iceman al Circus ed era invece solo un arrivederci. Un break con una parentesi nel rally poi il richiamo delle monoposto. E ora la Lotus sul cambio di volante twitta ironica: “E allora Kimi va alla Ferrari, fa un po’ male…’ scrive la scuderia postando una foto con due conigli che si accoppiano. Ma la notizia del divorzio non li ha presi alle spalle: tra Kimi e la Ferrari l’amore era già risbocciato da tempo.

Condividi: