Amando Baudelaire e la scrittura

Pubblicato il 11 settembre 2013 da redazione

“…La navigazione lungo le coste spagnole e le vie dell’atlantico si svolge ora tranquilla. Due giorni ancora e toccheremo il Venezuela. A bordo, gli “emigrantes non parlano d’altro…A sera, sotto coperta, la piccola orchestra ora freme…ora mormora canti di casa nostra…le note entrano dentro come un fuggevole sussurro di voci: io ascolto Jolanda, ognuno ascolta la mamma o la campana del Santuario o il belato del gregge. Allora le danze si fanno più vorticose ed inebrinti , e si pesta tutt’insieme sulla malinconia… “
(da “Passaporto Verde” di Gaetano Bafile –
a cura di Marisa Bafile)
Caracas (Venezuela- 1994)

 

CARACAS.- È disinvolta… sorpresa un po’ dall’anticipo della nostra visita. Scende le scale della sua casa, tra il verde di Sebucan, invitandoci ad entrare …

No, non ha l’aria “dotta” e un po’ sofisticata della scrittrice tanto conosciuta ed apprezzata negli ambienti intellettuali venezuelani europei e latinoamericani. Vittoria De Stefano, ci ricorda l’impeto di una evoluzione femminile accaduta in Europa nel 1968.

Lei è così…Tanto simile…

Si scusa se, precipitosamente, viene ad aprirci a “piedi nudi”, si informa se ci infastidisce il fumo della sua sigaretta… no… ci compenetriamo profondamente…
Anche lei appartiene all’eletta schiera dei “Figli del Sogno”… una testimonianza che ci inorgoglisce, che accarezza il ricordo di
una Caracas più vivibile… più elegante… più comprensiva.

Ci racconta dell’anno 1946, quando i suoi genitori, accompagnati dai propri figli, giungevano in Venezuela per restare. “Era il mese di settembre… mamma, papà e cinque fratellini… poi, quì ne sono nati altri quattro”.

“Mio nonno paterno aveva raggiunto il Venezuela già nell’anno 1934… La mia famiglia paterna proviene da Padula e mio nonno era emigrato in Messico all’inizio del ventesimo secolo.

Noi abbiamo iniziato il nostro viagio partendo da Napoli su una nave da guerra.

Il nostro arrivo a Caracas avvenne nel 1946…

Ricordo che, sulla nave, eravamo “separati”( gli uomini da un lato e le donne dall’altro). Siamo arrivati prima a New York… poi abbiamo abbordato un aereo per Miami ed un altro ancora verso Maiquetia…(Venezuela).

Mio nonno aveva una attività a Napoli, ma volle seguire il consiglio dell’allora Console Italiano in Venezuela…. (un Paese con tante possibilità di espansione)” .

“Casa Domus” fu il negozio che il nonno aprì a Caracas… nelle sue vetrine c’erano oggetti atti ad abbellire la casa… piatti… vasi… cristalli…ecc..

“In realtá, papà raggiunse il Venezuela a causa della guerra scoppiata allora in Italia… lui era laureato in “Economia”….

“…No…il nostro non fu un arrivo disagiato…ben altro!

Nonno aveva una bella “quinta” (villa) nel rione “Las Delicias” di Caracas.

Certo, noi venivamo da Roma ed eravamo abituati a vivere in un appartamento comodo e bello. Io avevo cinque anni…

Ricordo soltanto che, appena giunti in Venezuela, prima d’andare a dormire, la mamma mi dette una banana dolcissima… non dimenticherò mai quel sapore… forse era il Venezuela che mi dava il “benvenuto”.

Ripeto, avevo cinque anni e non ricordo bene il momento in cui appresi a parlare lo spagnolo. Mi insegnò mia sorella Luciana.
Poi, ho studiato a Caracas, nel Politecnico e a diciotto anni sono entrata all’Università Centrale. Nell’anno 1962, mi sono laureata in Filosofia.

– Ami molto Baudeleire, vero?
– Si, la mia è una formazione filosofico letteraria… leggevo molto, a differenza di altri che studiavano filosofia, io avevo un grande amore per la letteratura e conoscevo il francese.

– Ricordi qualcosa della Guerra?
– Si…qualcosa..

– Aver avuto nove fratelli è stato fondamentale?
– Si, indubbiamente…

– Come ti senti oggi?
– Una persona “bicultural”: la mia mamma parlava un italiano perfetto: aveva studiato lingue e mio papà era un uomo colto….Si sono sposati a Venezia.-

Di Vittoria De Stefano ci colpisce la semplicità nell’esprimere concetti a volte “difficilici”… ci affascina profondamente la sua passione per Charles Baudelaire…l’autore di “I Fiori del Male”, quello dei “paradisi perduti del cuore”, che pretende di guarire il “male” attraverso la coscienza dello stesso,e che non è`poi “tanto amato” nella modernissima epoca attuale…Sosteniamo, come già ripetuto altre volte, a questo proposito, che chi ama Baudelaire s’è immerso a fondo nella gioia e l’agonia della vita… ha toccato la “ragione” e decantato le ferite dell’anima.

Di Vittoria De Stefano conosciamo le ricerche perpetue sugli inestinguibili conflitti di ciascun essere umano.. i suoi importanti momenti vissuti in Alegria, Zurigo, Parigi, Barcellona….. Ha dettato corsi di filosofia contemporanea, estetica, teorie e struttura drammatiche presso la Scuola di Filosofia e d’Arte dell’Università Centrale del Venezuela.

Ha pubblicato : “La noche llama a la noche”, (Monteavila); “Cabo de vida” (Planeta 1994); ”Historia de la marcha a piè” ( Premio Municipale di Novella e Finalista, Premio R. Gallegos), “Pedir Demasiado” (Bigottega 2004).

Ha scritto testi per libri di fotografia:” Retromundo”,” Mi corazon al desnudo” “Megalopolis” di Paolo Gasparini, “Espacios en el olvido” di Luis Salmeron e “Penthouse B” di Gerard Leufert.

La sua penna graffiante, pungente, profonda é lo specchio di un animo, una personalitá che portano i segni di una guerra, dell’emigrazione, di radici spezzate e riannodate, come disse una volta in un’intervista a “La Voce”, Paolo Gasparini.

Annamaria Tiziano

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora