Il rais detta le condizioni, stop alle minacce e alle armi ai ribelli

Pubblicato il 12 settembre 2013 da redazione

NEW YORK. – Bashar al Assad si dice pronto ad aderire alla Convenzione internazionale che mette al bando le armi chimiche. E ha già compiuto un primo passo formale: una lettera alle Nazioni Unite in cui il rais annuncia di aver firmato il decreto di adesione al Trattato. Ma in un’intervista alla tv russa detta le sue condizioni: Damasco accetterà di cedere il controllo sul suo arsenale chimico solo se cesserà la minaccia di un attacco da parte degli Stati Uniti e se sarà fermato il flusso di armi inviate ai ribelli. Quelle armi che – dopo mesi di ritardo – la Cia ha cominciato a consegnare ai membri dell’opposizione, affiancando le spedizioni di veicoli e attrezzature varie da parte del Dipartimento di Stato. Le parole del presidente siriano rimbalzano sulle agenzie di stampa mondiali mentre a Ginevra il segretario di Stato americano, John Kerry, e il ministro degli Esteri russi, Serghiei Lavrov, sono impegnati alla ricerca di un accordo sul piano di disarmo chimico presentato da Mosca. Un compito arduo, visto che le posizioni restano ancora distanti su molti punti. Ma la volontà di ottenere dei risultati c’è. Prima di entrare nel vivo delle trattative, peró, Kerry ha voluto ribadire la linea di Washington: “La diplomazia può evitare un attacco, e un’intesa può salvare vite umane. Ma – é il monito rivolto soprattutto ad Assad – le parole non bastano. Russia e Siria devono mantenere le promesse”. E se l’intesa dovesse fallire, ha assicurato il capo della diplomazia Usa, “l’uso della forza sarà necessario”. Mentre Kerry parla da Ginevra, dalla Casa Bianca si sottolinea come in questa fase ad essere in gioco sia soprattutto la credibilità di Vladimir Putin. Il presidente russo nelle ultime ore ha decisamente conquistato il centro della scena. E dalle colonne del New York Times si é rivolto direttamente agli americani, elogiando Barack Obama per aver accettato l’apertura di una nuova finestra diplomatica, ma invitandolo alla prudenza e tornando ad ammonire gli Usa sull’eventuale attacco contro il regime siriano: attacco – ha ribadito Putin – che sarebbe considerato da Mosca come un’aggressione. Del resto la versione del Cremlino sull’uso di armi chimiche in Siria resta in netta contrapposizione con quella della Casa Bianca: non é stato Assad ad usare i gas, ma i ribelli. Le prime indiscrezioni che arrivano sul rapporto degli ispettori Onu in Siria peró parlano di ”abbondanza di prove” che inchioderebbero Damasco alle sue responsabilità per la strage del 21 agosto scorso, quando in un attacco coi gas nei sobborghi della capitale siriana sono rimaste uccise oltre 1.400 persone, tra cui moltissimi bambini. Il report sarà reso noto lunedì. Intanto Assad cerca di dettare anche i tempi: il passaggio di informazioni che consentirà alla comunità internazionale di individuare i depositi dove sono tenute le armi chimiche – ha detto nell’intervista a Rossia24 – potrà avvenire un mese dopo l’adesione di Damasco alla Convenzione. Poi un monito: il vero pericolo é quello di una nuova grave provocazione dei ribelli, che potrebbero utilizzare armi letali contro Israele. Questo allo scopo di scatenare una reazione contro il regime siriano. Obama si è detto comunque ‘fiducioso’ e per la prima volta dopo tanto tempo ha tentato di puntare nuovamente i riflettori sulle questioni interne: ”Agli americani quello che interessa è l’economia e il lavoro”, ha detto aprendo una riunione del suo governo. Ma il pensiero era certamente rivolto a Ginevra e alla girandola diplomatica di questi giorni, che domenica si arricchirà di un viaggio in Cina del ministro degli Esteri francese Laurent Fabius, atteso poi martedì a Mosca dal collega russo Lavrov.

Cosa prevede la Convenzione delle armi chimiche
La Convenzione sulla proibizione delle armi chimiche é uno dei pilastri fondamentali sul disarmo e la non proliferazione che proibisce qualsiasi attivitá di sviluppo, produzione, conservazione, trasferimento e uso delle armi chimiche. E prevede rigidi obblighi per gli Stati che ne fanno parte. Il documento é stato aperto alla firma a Parigi nel 1993, ed entrato in vigore nel 1997: ne é depositario il segretario generale delle Nazioni Unite. Gli Stati aderenti si sono impegnati a distruggere tutte le armi chimiche esistenti sul proprio territorio e a non farvi ricorso per nessun motivo, anche in caso subiscano un attacco con tali armi. Se la Siria vi aderirá, dovrá sottostare a ispezioni dell’Organizzazione Internazionale dell’Aja sull’effettiva distruzione del proprio arsenale. In determinati casi, o su richiesta di uno Stato membro, possono inoltre essere svolti accertamenti attraverso ispezioni in loco per verificare eventuali violazioni, oltre a periodici controlli nelle industrie chimiche per accertarsi che alcuni prodotti, largamente impiegati per usi civili consentiti, non siano utilizzati in modo improprio anche per la produzione di armi di distruzione di massa. Secondo quanto previsto dal trattato, chi viola i suoi dettami é sottoposto a sanzioni stabilite dagli altri membri. Attualmente sono 189 gli Stati che hanno aderito alla Convenzione, e la Siria é una delle sole sette nazioni al mondo che non hanno siglato il trattato. Gli altri Paesi riottosi sono Angola, Corea del Nord, Egitto, Sud Sudan, Israele e Birmania. 

Ultima ora

09:51Usa: California, brucia ancora zona a ovest di Los Angeles

(ANSA) - SANTA BARBARA, 16 DIC - Brucia ancora la zona a ovest di Los Angeles, in California, dove le fiamme - alimentate da forti venti - minacciano ora migliaia di case, mentre migliora la situazione a nordovest della città. L'incendio, soprannominato Thomas Fire, e' il quarto più grande che ha mai colpito la California: i vigili del fuoco sono riusciti finora a domarlo per circa il 35% rispetto al totale dell'area colpita dal 4 dicembre scorso di circa 1.036 chilometri quadrati tra le contee di Ventura e Santa Barbara. Finora l'incendio ha distrutti oltre 1.000 edifici e oltre 700 case e secondo le autorità potrebbe colpire altre 18.000 strutture. Giovedì, come e' noto, l'incendio e' costato la vita a un vigile del fuoco.

09:48India: Rahul Gandhi è presidente del partito del Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 16 DIC - Rahul Gandhi ha assunto oggi formalmente a New Delhi l'incarico di presidente dello storico partito del Congresso indiano, succedendo alla madre, l'italo-indiana Sonia Gandhi, che lo ha conservato per 19 anni. La transizione alla guida del più antico partito indiano è divenuta ufficiale quando il presidente dell'Authority elettorale centrale, Mullapally Ramachandran, ha consegnato a Gandhi, 47 anni, il 'Certificato di promozione', risultato delle indicazioni unanimi pervenute da tutte le sedi regionali del partito. All'annuncio dell'insediamento, riferisce l'agenzia di stampa Ians, all'esterno del quartier generale del partito al 24 della Akbar Road, centinaia di militanti del Congresso hanno danzato, lanciato fuochi artificiali e distribuito dolci ai presenti.

09:05Molestie: a Hollywood una commissione per combatterle

(ANSA) - LOS ANGELES, 16 DIC - Le più autorevoli rappresentanti dell'industria cinematografica di Hollywood e dei principali media statunitensi hanno deciso di istituire una commissione antimolestie e per la parità nei luoghi di lavoro. La presiederà Anita Hill, che nel '99 denunciò un giudice. L'iniziativa è nata dalla produttrice di Star Wars Kathleen Kennedy e da altre donne dirigenti del settore al termine di un incontro in cui erano rappresentati quasi tutti i principali studi di Hollywood, le emittenti tv e le etichette discografiche.

09:02Terremoti: Indonesia, due i morti, decine di feriti

(ANSA) - GIACARTA, 16 DIC - E' di due morti e decine di feriti l'ultimo bilancio del terremoto di magnitudo 6.5 avvenuto venerdì a Giacarta. Decine di case vicino all'epicentro sono state danneggiate, come pure alcuni ospedali i cui ricoverati sono stati evacuati. La scossa si è verificata alle 23.47 ora locale (le 17.47 in Italia) ed ha interessato tutta l'isola, dove la gente è fuggita dalle abitazioni riversandosi in strada. Nella capitale Giacarta, a 200 chilometri circa dall'epicentro, gli edifici più alti hanno ondeggiato durante la scossa più forte, che ha insistito per circa 30 secondi. Il timore di uno tsunami ha spinto gli abitanti della costa a riversarsi lungo le strade verso l'interno con ogni mezzo. Oltre mille persone sono state evacuate dalla zona di Subakumi e vi hanno fatto ritorno alle prime ore di oggi, quando le autorità hanno escluso la possibilità di uno tsunami. Due persone hanno perso la vita sotto le macerie degli edifici crollati: si tratta di un uomo di 62 anni e una donna di 80.

07:14Lanciata molotov davanti a commissariato a Roma

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Una bottiglia molotov è stata lanciata nella serata di ieri davanti al commissariato Prati, nel centro di Roma. A tirarla una persona, con il volto coperto da casco, a bordo di uno scooter che arrivando in via Ruffini ha rallentato e, dopo aver tirato la bottiglia incendiaria, è scappato. Centrato un vecchio furgone della polizia parcheggiato nell'area di sosta davanti al commissariato che è rimasto danneggiato nella parte anteriore. Sulla vicenda sono in corso indagini dei poliziotti del commissariato Prati e della Digos per risalire al responsabile. Al vaglio le registrazioni delle telecamere. Al momento non si esclude nessuna ipotesi: dal gesto anarchico a un episodio legato ad ambienti della tifoseria. Il commissariato Prati, infatti, ha un ruolo centrale nell'organizzazione della sicurezza dello stadio Olimpico. L'episodio avviene a pochi giorni di distanza dall'esplosione di un ordigno rudimentale davanti alla stazione dei carabinieri San Giovanni.

01:11Calcio: Foggia-Venezia 2-2

(ANSA) - FOGGIA, 15 DIC - Il Foggia riesce ad acciuffare negli ultimi secondi del recupero il pareggio (2-2) insperato contro un Venezia ben organizzato che aveva mostrato per quasi tutta la partita di poter sovrastare e controllare facilmente gli avversari rossoneri. Una partita che poteva finire tranquillamente con tre o quattro gol di vantaggio per gli uomini di Pippo Inzaghi, ma che e' stata recuperata con la forza della disperazione da un Foggia molto confusionario ma comunque volitivo.

00:34India: Sonia Gandhi lascia presidenza partito Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 15 DIC - Con una cerimonia solenne nella sede del comitato centrale a New Delhi, l'italo-indiana Sonia Gandhi lascerà la presidenza del partito del Congresso trasmettendola al figlio Rahul, designato all'unanimità quale successore. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Da tempo la Gandhi aveva avvertito che al compimento del 70/o compleanno avrebbe lasciato le sue responsabilità ai vertici del Congresso ed oggi il portavoce della storica formazione politica, Randeep Surjewala, ha sottolineato che "questo non significa affatto che lei abbandonerà la vita politica attiva". In un tweet Surjewala ha spiegato che "Sonia Gandhi ha abbandonato (dopo 19 anni) la presidenza del partito ma non la politica. La sua benedizione, saggezza e innato impegno nei confronti dell'ideologia del Congresso formeranno sempre la luce che ci orienterà".

Archivio Ultima ora