Notti Magiche a Seattle: storia di una piccola grande Nazionale

Pubblicato il 13 settembre 2013 da redazione

SEATTLE – Come dubitarlo? Gli italiani sono persone un po’ speciali. Non c’è angolo al mondo in cui non ve ne sia uno. Non a caso si dice, con ironia, che è come il prezzemolo.

L’Italiano è avventuriero, ambizioso e coraggioso. Non ha paura di partire e di trasformarsi in emigrante; gli piace insegnare agli altri il modo giusto di fare le cose. Ad esempio, come cucinare e bere un buon caffè. Ed ecco che poi mentre si trova lontano da casa, diventa nostalgico; sentimento, questo, alimentato dalla passione. Gli manca l’aria di casa, la “santa domenica di calcio” e il pranzo dalla nonna; gli manca anche l’esperienza, unica a dir la verità, di entrare in un bar con le monetine: cornetto, cappuccino e Gazzetta per un momento unico; momento che Starbucks non potrà mai eguagliare. E così, per l’atmosfera dei suoi ricordi; per sentirsi come in casa, predilige gli incontri con i propri compaesani, fonda centri, organizzazioni, ristoranti, squadre, e perfino scuole, puntualmnete riconosciute dal Ministero dell’Istruzione della Madrepatria.

E’ cosi che sono nate le grandi comunità Italiane all’estero. Alcune tanto famose da essere ormai di casa nelle superproduzioni hollywoodiane; altre un po’meno. Nella lontana Seattle, ce n’è una in particolare: la squadra di calcio Deportivo Italia (da non confondere con l’omonima ex squadra professionista del Venezuela, fondata dai nostri pionieri a Caracas). Questa squadra è stata fondata da un piccolo gruppo di emigranti Italiani riuniti per caso in questa città; italo-americani  che tengono in alto il nome del Bel Paese e del suo glorioso calcio. Anche se dilettantistica, la squadra è diventata un importante punto di riferimento nella comunità calcistica locale. In pochi anni di esistenza, ha già vinto numerosi campionati di più alto livello non professionistico.

Oltre che per i campionati vinti, il Deportivo Italia è famoso soprattutto per l’immensa passione con la quale dirigenti, allenatori e giocatori vivono con non solo le partite ma anche gli allenamenti; allenamenti – sia detto per inciso -che nulla hanno da invidiare a quelli di una  squadra professionista: con tanto di preparazione fisica pre-campionato, sedute tattiche e liste di convocati diramate il giorno prima della partita.

Durante le gare, invece, mentre i giocatori delle altre squadre nemmeno per inerzia esultano ad un gol fatto, quelli del Deportivo Italia provano ad imitare l’urlo di Tardelli dopo ogni gol.

È cosi che cresce il Deportivo Italia. Una vera e propria Nazionale che ogni Domenica vive le sue Notti Magiche: maglia Azzurra, riti scaramantici alla Trapattoni e analisi moviolistiche ai livelli di Domenica Sportiva – “è tutta colpa dell’arbitro”.

Nella sua propria dimensione, questa piccola Nazionale raccoglie tutto il meglio dell’Italia. Al suo interno tiene vita il vero infinito confronto Italiano: il Nord contro il Sud. Il Ragazzo Della Via Gluck contro O Surdato ‘Nnamurato. Sì, perche il preparatore atletico, nonchè capitano, Stefano Rampazzo, lombardo doc ed ex-tennista professionista si mette a confronto con l’allentatore, ex-attaccante di alto livello, Filippo, Milano di cognome ma campano di natura.

Per carità, tra di loro c’è soltanto un grande rapporto di amicizia e rispetto, che però è anche caraterizzato da questo confronto culturale. Da un lato la compostezza nordica, dall’altro il rumoroso modo meridionale di vivere le partite. Da entrambi, un’immensa onestà intelettuale e grande lealtà sportiva.

L’equilibrio culturale lo si trova nel direttore generale, l’ingenere Francesco Deleo, che, per coincidenza della sorte, proviene dal Centro, più precisamente dalle Marche. Deleo è colui che ha rifondato la squadra con il nome di Deportivo Italia nel 2010, visto che dal 2007 esisteva con il nome di Ferrari of Seattle.

Sotto la cura amministrativa di Deleo, questa squadra è cresciuta talmente tanto che la rosa è ora composta da più di 40 giocatori. Di conseguenza, una seconda squadra, di riserva, è stata creata per dare continuità a chi magari non riesce a trovare spazio in prima squadra. Senza ombra di dubbio, il lavoro svolto da Deleo e staff tecnico negli ultimi due anni ha fatto diventare il Deportivo Italia una vera e propria comunità oltre che una singola entità sportiva competitiva, di cui membri non sono solo semplici compagni, ma anche grandi amici.

Come lo si capisce dai nomi scelti, la squadra non solo cerca di essere un punto d’incontro per gli Italiani residenti a Seattle, ma prova anche a diventare – riuscendoci – la sede dell’orgoglio Italiano a Washington. Vincere in campo fa capire che, almeno nel calcio, chi comanda è l’Italia.  

Lo rende noto il giocatore Alexander Mockos. Lui, Americano di passaporto ma toscano di adozione, per certe partite scende in campo solo dopo aver sentito le note dell’inno di Mameli e indossando gli scarpini personalizzati con la bandiera tricolore.

Il livello più alto di emozione arriva durante l’estate, quando a Seattle viene organizzato una sorta di mini campionato mondiale, ovvero The All Nations Cup. Numerose comunità straniere di Seattle presentano le proprie squadre, che devono essere composte quasi al cento per cento da giocatori di nazionalità o di origine del rispettivo paese (si permettono soltanto 4 “stranieri”).

Il sogno più grande del Deportivo Italia è vincere questo cosiddetto mondiale: diventare gli eroi di Seattle per sentirsi come gli eroi di Berlino 2006. Un sogno azzurro che ogni anno diventa più reale visto che ogni volta la squadra arriva più in alto, soprattutto grazie al lavoro svolto da Rampazzo, Milano e Deleo.

Un lavoro di tale importanza che in molti gia vorrebbero portare il Deportivo Italia a livelli semi-professionisti con tanto di investimenti importanti. Forse qualche giorno questo percorso potrà essere intrapreso. Intanto, le notti magiche di Seattle continueranno ad essere vissute e cantante con le voci degli storici Bennato e Nannini.

Riccardo Di Julio  

Ultima ora

22:06Papa: strage Dacca, moglie Rossi, oggi una “emozione forte”

(ANSA) - UDINE, 22 FEB - "E' stata un'emozione molto forte". E' con queste parole che Stefania Collavin, la moglie dell'imprenditore friulano Cristian Rossi, una delle vittime italiane dell'attentato terroristico di matrice islamica di Dacca, ha descritto l'incontro privato che questa mattina Papa Francesco ha dedicato ai familiari delle vittime. "Sono state ricordate le nostre vittime. Il Papa ha riconosciuto che da noi non si è sviluppato un sentimento di odio e rancore e ha ricordato che il percorso che stiamo intraprendendo, dall'odio all'amore, è molto importante e difficile", ha testimoniato Stefania, raccontando anche il momento di tenerezza in cui Papa Francesco si è avvicinato alle bambine e ha baciato le due gemelline Gaia e Camilla. In udienza c'era anche la figlia di Marco Tondat, l'altra vittima friulana di Cordovado. I familiari hanno fatto dono al Papa di nove piantine di ulivo in segno di pace, con una colombina in legno su cui sono stati incisi i nomi delle vittime.

22:01Atletica: a marciatrice Rigaudo bronzo Mondiali Daegu

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Consegnata ad Elisa Rigaudo (Fiamme Gialle) la medaglia di bronzo della 20 km di marcia dei Campionati Mondiali di Daegu nel 2011. La cerimonia ha avuto luogo a Torino, in occasione della cerimonia di premiazione del Comitato regionale Coni Piemonte, alla presenza del presidente del Coni, Giovanni Malagò, e della Fidal, Alfio Giomi. La medaglia arriva sei anni dopo la gara, dove la Rigaudo arrivò quarta, in seguito alla squalifica per doping della vincitrice, la russa Olga Kaniskina. L'azzurra è così l'unica atleta delle Fiamme Gialle nell'atletica leggera ad essere salita sul podio alle Olimpiadi (bronzo Pechino 2008), ai Mondiali e ai Campionati Europei (bronzo Goteborg 2006).

21:53Calcio: Yianjin tenta Bacca, 12 mln a stagione

(ANSA) - MILANO, 22 FEB - Dopo il no di Nikola Kalinic, i cinesi del Tianjin Quanjian provano a virare su Carlos Bacca. A meno di una settimana dalla chiusura del mercato in Cina, il Tianjin, allenato da Fabio Cannavaro è alla ricerca di un centravanti e nelle ultime ore ha puntato sul trentenne colombiano del Milan. A Bacca sarebbe stato proposto un contratto da 12 milioni di euro a stagione, quasi quattro volte il suo attuale ingaggio. L'offerta arriva a pochi giorni di distanza dalla vittoria di domenica scorsa contro la Fiorentina, in cui l'attaccante è stato l'unico giocatore rossonero fischiato dai tifosi per una serie di errori. Al momento, secondo quanto filtra, il centravanti non sarebbe particolarmente convinto dall'idea di trasferirsi, in Cina, dove il mercato chiude il 28 febbraio. Se Bacca dovesse accettare, il Tianjin (disposto a pagare 45 milioni di euro alla Fiorentina per Kalinic) poi farà la sua offerta al Milan e si parla di una proposta di poco superiore ai 30 milioni di euro.

21:44Calcio: termina stage azzurri, tripletta Inglese

(ANSA) - FIRENZE, 22 FEB - E' finito con una partitella in famiglia il secondo stage organizzato a Coverciano dal ct della Nazionale, Gian Piero Ventura, dedicato ai giocatori emergenti di Serie A e B: gli unici che non sono scesi in campo sono stati il giocatore del Bologna Verdi e il difensore della Spal Bonifazi, entrambi affaticati. Di qui l'impiego di qualche elemento della formazione allievi dell'Empoli. Sugli scudi Inglese, autore di una tripletta: l'attaccante dell'Empoli è stato schierato insieme a Petagna e a Berardi, l'osservato speciale di questo stage. "Ha voglia di imparare e di diventare protagonista - ha detto Ventura dell'attaccante del Sassuolo - L'ho trovato molto ben disposto. Prima dell'infortunio aveva segnato sette reti in sei gare, se non si fosse fatto male l'avrei già chiamato. Se è pronto per la gara con l'Albania? Non è ancora al 100% ma ha tutto per diventare un giocatore importante".

21:40Calcio: Europa League, Manchester United agli ottavi

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Il Manchester United si è qualificato per gli ottavi di finale di Europa League vincendo 1-0 a St.Etienne dopo il successo per 3-0 dell'andata in Inghilterra. La rete dei Red Devils è stata realizzata da Mkhitaryan al 17'. Superano il turno anche i tedeschi dello Schalke 04, che hanno pareggiato 1-1 (rete di Schopf al 23', autogol di Nastasic al 25') in casa con i greci del Paok forti del 3-0 della prima gara a Salonicco. Ottavi anche per la squadra russa del Krasnodar, che dopo aver vinto l'andata 1-0, ha imposto l'1-1 (reti di Smolov al 7' e Souza al 41') in casa dei turchi del Fenerbahce. Domani in programma le altre 13 partite dei sedicesimi, con in campo Roma (ospita il Villarreal) e la Fiorentina (ospita il Borussia Moenchengladbach). Venerdì i sorteggi degli ottavi.

21:38Italiani uccisi Libia, rischio processo manager Bonatti

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Se si fosse dato retta all'allarme lanciato dalla Farnesina sulla situazione critica in Libia e se si fosse data massima priorità alla sicurezza forse la sorte dei quattro tecnici della Bonatti, sequestrati il 19 luglio del 2015, sarebbe stata diversa. Due di loro, Salvatore Failla e Fausto Piano, morirono il 2 marzo in un conflitto a fuoco tra rapitori e milizie regolari nel corso di un trasferimento. La Procura di Roma ha chiuso uno dei filoni di indagine e ora rischiano il processo in sei per l'accusa di cooperazione colposa nel delitto doloso, una fattispecie dell'omicidio colposo. Indagato l'intero Cda della Bonatti, società parmense che costruisce impianti oil&gas: il presidente Paolo Ghirelli e altri tre componenti e il responsabile dell'azienda per la Libia Dennis Morson. Finito nel registro degli indagati del pm Sergio Colaiocco la stessa Bonatti in base alla legge sulla responsabilità degli enti. L'avviso di chiusura indagine è l'atto che anticipa la richiesta di rinvio a giudizio.

21:25Sanità: assolto primario a Trani, passò 3 mesi agli arresti

(ANSA) - TRANI, 22 FEB - Il Tribunale di Trani ha assolto "perché il fatto non sussiste" tre medici imputati per abuso d'ufficio e falso con riferimento a presunte irregolarità commesse nel 2012 nel reparto di Oculistica dell'ospedale 'Sarcone' di Terlizzi. I giudici hanno assolto da ogni accusa l'allora primario Antonio Acquaviva, attualmente primario di oculistica presso l'ospedale Di Venere di Bari, accusato di aver "gestito il reparto alla stregua di una clinica privata". In particolare l'accusa contestava al medico (difeso dai penalisti Carmelo Piccolo e Francesco Paolo Sisto) di aver procurato benefici e vantaggi patrimoniali a se stesso, mantenendo il ruolo di primario, e ad altri due medici "grazie alla pubblicità ottenuta dagli interventi eseguiti". Anche i due coimputati, i medici Vincenzo Mangione e Giuseppe Fanelli, sono stati assolti con formula piena. Nell'ambito di questa indagine, Acquaviva fu sottoposto ai 'domiciliari' per 81 giorni e poi al divieto di dimora per altri quattro mesi, fino al maggio 2013.

Archivio Ultima ora