Notti Magiche a Seattle: storia di una piccola grande Nazionale

Pubblicato il 13 settembre 2013 da redazione

SEATTLE – Come dubitarlo? Gli italiani sono persone un po’ speciali. Non c’è angolo al mondo in cui non ve ne sia uno. Non a caso si dice, con ironia, che è come il prezzemolo.

L’Italiano è avventuriero, ambizioso e coraggioso. Non ha paura di partire e di trasformarsi in emigrante; gli piace insegnare agli altri il modo giusto di fare le cose. Ad esempio, come cucinare e bere un buon caffè. Ed ecco che poi mentre si trova lontano da casa, diventa nostalgico; sentimento, questo, alimentato dalla passione. Gli manca l’aria di casa, la “santa domenica di calcio” e il pranzo dalla nonna; gli manca anche l’esperienza, unica a dir la verità, di entrare in un bar con le monetine: cornetto, cappuccino e Gazzetta per un momento unico; momento che Starbucks non potrà mai eguagliare. E così, per l’atmosfera dei suoi ricordi; per sentirsi come in casa, predilige gli incontri con i propri compaesani, fonda centri, organizzazioni, ristoranti, squadre, e perfino scuole, puntualmnete riconosciute dal Ministero dell’Istruzione della Madrepatria.

E’ cosi che sono nate le grandi comunità Italiane all’estero. Alcune tanto famose da essere ormai di casa nelle superproduzioni hollywoodiane; altre un po’meno. Nella lontana Seattle, ce n’è una in particolare: la squadra di calcio Deportivo Italia (da non confondere con l’omonima ex squadra professionista del Venezuela, fondata dai nostri pionieri a Caracas). Questa squadra è stata fondata da un piccolo gruppo di emigranti Italiani riuniti per caso in questa città; italo-americani  che tengono in alto il nome del Bel Paese e del suo glorioso calcio. Anche se dilettantistica, la squadra è diventata un importante punto di riferimento nella comunità calcistica locale. In pochi anni di esistenza, ha già vinto numerosi campionati di più alto livello non professionistico.

Oltre che per i campionati vinti, il Deportivo Italia è famoso soprattutto per l’immensa passione con la quale dirigenti, allenatori e giocatori vivono con non solo le partite ma anche gli allenamenti; allenamenti – sia detto per inciso -che nulla hanno da invidiare a quelli di una  squadra professionista: con tanto di preparazione fisica pre-campionato, sedute tattiche e liste di convocati diramate il giorno prima della partita.

Durante le gare, invece, mentre i giocatori delle altre squadre nemmeno per inerzia esultano ad un gol fatto, quelli del Deportivo Italia provano ad imitare l’urlo di Tardelli dopo ogni gol.

È cosi che cresce il Deportivo Italia. Una vera e propria Nazionale che ogni Domenica vive le sue Notti Magiche: maglia Azzurra, riti scaramantici alla Trapattoni e analisi moviolistiche ai livelli di Domenica Sportiva – “è tutta colpa dell’arbitro”.

Nella sua propria dimensione, questa piccola Nazionale raccoglie tutto il meglio dell’Italia. Al suo interno tiene vita il vero infinito confronto Italiano: il Nord contro il Sud. Il Ragazzo Della Via Gluck contro O Surdato ‘Nnamurato. Sì, perche il preparatore atletico, nonchè capitano, Stefano Rampazzo, lombardo doc ed ex-tennista professionista si mette a confronto con l’allentatore, ex-attaccante di alto livello, Filippo, Milano di cognome ma campano di natura.

Per carità, tra di loro c’è soltanto un grande rapporto di amicizia e rispetto, che però è anche caraterizzato da questo confronto culturale. Da un lato la compostezza nordica, dall’altro il rumoroso modo meridionale di vivere le partite. Da entrambi, un’immensa onestà intelettuale e grande lealtà sportiva.

L’equilibrio culturale lo si trova nel direttore generale, l’ingenere Francesco Deleo, che, per coincidenza della sorte, proviene dal Centro, più precisamente dalle Marche. Deleo è colui che ha rifondato la squadra con il nome di Deportivo Italia nel 2010, visto che dal 2007 esisteva con il nome di Ferrari of Seattle.

Sotto la cura amministrativa di Deleo, questa squadra è cresciuta talmente tanto che la rosa è ora composta da più di 40 giocatori. Di conseguenza, una seconda squadra, di riserva, è stata creata per dare continuità a chi magari non riesce a trovare spazio in prima squadra. Senza ombra di dubbio, il lavoro svolto da Deleo e staff tecnico negli ultimi due anni ha fatto diventare il Deportivo Italia una vera e propria comunità oltre che una singola entità sportiva competitiva, di cui membri non sono solo semplici compagni, ma anche grandi amici.

Come lo si capisce dai nomi scelti, la squadra non solo cerca di essere un punto d’incontro per gli Italiani residenti a Seattle, ma prova anche a diventare – riuscendoci – la sede dell’orgoglio Italiano a Washington. Vincere in campo fa capire che, almeno nel calcio, chi comanda è l’Italia.  

Lo rende noto il giocatore Alexander Mockos. Lui, Americano di passaporto ma toscano di adozione, per certe partite scende in campo solo dopo aver sentito le note dell’inno di Mameli e indossando gli scarpini personalizzati con la bandiera tricolore.

Il livello più alto di emozione arriva durante l’estate, quando a Seattle viene organizzato una sorta di mini campionato mondiale, ovvero The All Nations Cup. Numerose comunità straniere di Seattle presentano le proprie squadre, che devono essere composte quasi al cento per cento da giocatori di nazionalità o di origine del rispettivo paese (si permettono soltanto 4 “stranieri”).

Il sogno più grande del Deportivo Italia è vincere questo cosiddetto mondiale: diventare gli eroi di Seattle per sentirsi come gli eroi di Berlino 2006. Un sogno azzurro che ogni anno diventa più reale visto che ogni volta la squadra arriva più in alto, soprattutto grazie al lavoro svolto da Rampazzo, Milano e Deleo.

Un lavoro di tale importanza che in molti gia vorrebbero portare il Deportivo Italia a livelli semi-professionisti con tanto di investimenti importanti. Forse qualche giorno questo percorso potrà essere intrapreso. Intanto, le notti magiche di Seattle continueranno ad essere vissute e cantante con le voci degli storici Bennato e Nannini.

Riccardo Di Julio  

Ultima ora

16:11Thyssen: famiglie vittime, estradare imputati tedeschi

(ANSA) - TORINO, 6 DIC - Parlano di una "giustizia a metà" e chiedono l'estradizione per i dirigenti tedeschi, perché "devono essere processati in Italia e pagare per quello che hanno fatto". Sono i familiari dei sette operai morti il 6 dicembre 2007 nel rogo alle acciaierie Thyssen di Torino che oggi hanno ricordato i loro cari al cimitero Monumentale nel nono anniversario della tragedia. Quello di Laura Rodinò, sorella di Rosario, una delle vittime, è "un appello alla giustizia: è sbagliato - dice - che non sia stata chiesta l'estradizione per i colpevoli tedeschi che sono ancora liberi di fare quello che vogliono. Devono essere giudicati in Italia, anche per una questione di equità nei confronti degli imputati italiani, e non in Germania dove potrebbero avere delle pene ridicole". "Qui - aggiunge - abbiamo avuto giustizia perché c'eravamo tutti noi a batterci, sono stati otto anni tremendi, ma almeno una condanna c'è stata e finalmente anche le loro famiglie capiranno che cosa vuol dire passare un Natale nel dolore". (ANSA).

16:09Manovra: voto fiducia Senato entro domani sera

(ANSA) - ROMA, 6 DIC - Il governo chiederà la fiducia sulla legge di bilancio e punta ad arrivare al voto in Aula entro domani sera. Le dichiarazioni di voto cominceranno alle 12 e la prima chiama è prevista per le 14.30.

15:53Aereo militare cadde su scuola,commemorato 26/o anniversario

(ANSA) - BOLOGNA, 6 DIC - Il 6 dicembre 1990 un aereo dell'Aeronautica militare precipitò, a causa di un'avaria, dentro un'aula dell'istituto tecnico Salvemini a Casalecchio di Reno, alle porte di Bologna, provocando la morte di 12 studenti quindicenni e più di ottanta feriti. Ventisei anni dopo l'anniversario è stato ricordato con una cerimonia nell'edificio che ora ospita la Casa della solidarietà intitolata ad Alexander Dubcek, poi con una Messa celebrata dall'Arcivescovo, monsignor Matteo Zuppi, nella chiesa di San Giovanni Battista. Nel 1995 il pilota dell'aereo e due superiori furono condannati in primo grado a due anni e sei mesi di reclusione. Ma la Corte d'appello di Bologna e infine la Cassazione nel '98 ribaltarono la sentenza, assolvendo i tre imputati da ogni accusa perchè "il fatto non costituisce reato". (ANSA).

15:50Si dimette l’assessore allle Riforme della Sardegna

(ANSA) - CAGLIARI, 6 DIC - L' assessore alle Riforme della Regione Sardegna, Gianmario Demuro, esponente del Pd in quota soriani, si è dimesso dall'incarico. E' l'effetto del suo impegno a favore del Sì al referendum costituzionale di domenica scorsa che ha visto la netta prevalenza del No in Sardegna, record di contrari in Italia con il 72,22% alla riforma voluta da Renzi. In più occasioni, Demuro aveva difeso le nuove norme, sostenendo con forza che non avrebbero inficiato le prerogative autonomistiche della Sardegna, quindi non avrebbero messo in pericolo lo Statuto isolano. In passato, l'esponente della Giunta aveva già messo sul tavolo del presidente Francesco Pigliaru la propria disponibilità a lasciare l'incarico: sconfessato di fatto da Renato Soru, che lo aveva appunto indicato assessore in quota Pd, il titolare delle Riforme si era detto pronto alle dimissioni, ma il governatore le aveva respinte. Oggi dopo la batosta referendaria, la sua poltrona, diventata 'scottante', è saltata.

15:47Incarichi a familiari, interdizione a manager Asl Na2

(ANSA) - NAPOLI, 6 DIC - Una misura interdittiva dall'esercizio della pubblica funzione per la durata di un anno è stata eseguita dagli ufficiali della sezione di polizia giudiziaria nei confronti di Agnese Iovino, oggi direttore sanitario del distretto 44 dell'Asl Napoli 2 Nord. Per l'accusa il manager si sarebbe attivato per far ottenere a soggetti della propria cerchia familiare incarichi professionali in violazione delle norme consentendo, in particolare, alla figlia ancora specializzanda di aggiudicarsi un assegno di ricerca.

15:27Israele: statua dorata di Netanyahu nel centro di Tel Aviv

(ANSAmed) - TEL AVIV, 6 DIC - Una statua dorata di Benyamin Netanyahu è apparsa oggi nella centralissima Piazza Rabin di Tel Aviv, proprio di fronte al Comune Alta quattro metri e basata su un piedistallo, l'opera - a pochi metri da dove fu ucciso Yitzhak Rabin - raffigura il premier in posa più da 'realismo socialista' che da primo ministro di uno stato democratico. Del resto a spiegarlo è stato lo stesso autore Itay Zaliet: "con la statua ho voluto mettere in luce diverse problematiche. Prima di tutto - ha detto ai media - sapere cosa nel 2016 sia proibito dire e cosa no". "Sono molte le cose che accadono in questo paese e la statua - ha aggiunto - può apparire come una curiosità ma forse è anche la visione del futuro che sta dietro l'angolo. Dopo tutti chi avrebbe creduto due anni fa che Donald Trump sarebbe diventato presidente degli Usa?". Gli ispettori del Comune hanno ingiunto all'artista di rimuovere la statua entro la fine della mattina che "costituisce un intralcio nello spazio pubblico".

15:17Migranti: da violenza sessuale a scippi, arrestati

(ANSA) - CAGLIARI, 6 DIC - Vanno dalla violenza sessuale al furto, dalla ricettazione allo scippo i reati contestati a dieci algerini arrestati dalla Polizia pochi giorni dopo esser sbarcati con barchini di fortuna sulle coste del sud Sardegna: oltre 150 gli arrivi in 24 ore. L'operazione è stata condotta dalla Squadra mobile di Cagliari, coordinata dal primo dirigente Alfredo Fabbrocini. Tre migranti sono finiti in carcere per la ricettazione di computer, tablet, telefonini e altro materiale informatico rubato nella notte tra domenica e lunedì all'interno del negozio A-Key di via Roma: un colpo da 50mila euro. Parte della merce è stata sequestrata nell'auto fermata dagli agenti con a bordo gli algerini: trovati anche decine di decreti di espulsione e carte di identità rubate. Per altri due stranieri è scattato invece l'arresto con l'accusa di violenza sessuale per aver molestato, palpeggiandola, la dipendente di un bar del centro impegnata a pulire. La donna ha chiamato il 113 e gli agenti sono riusciti a bloccare i due in piazza del Carmine. Gli altri provvedimenti sono legati alla violazione del decreto di espulsione, a vecchi ordini di carcerazione ancora da eseguire, al tentativo di furto di un'auto nel quartiere Marina e allo scippo di un telefonino. Il dirigente della Mobile sottolinea che in città non c'è una vera emergenza criminalità legata alla presenza dei migranti. "Ci sarebbe stata - spiega Fabbroncini - se non ci fosse stata una pronta risposta. Il Questore aveva già predisposto un rafforzamento dei controlli con pattuglie in borghese e in moto che ha dato questi risultati. Noi ci siamo, pronti a fronteggiare questo tipo di innalzamento dei reati predatori, rimane importante il contributo dei cittadini, come è avvenuto anche in questa occasione". (ANSA).

Archivio Ultima ora