Icardi-Vidal, botta e risposta fra Inter e Juve

Pubblicato il 14 settembre 2013 da redazione

INTER-JUVENTUS 1-1

Inter (3-5-1-1): Handanovic 6.5, Campagnaro 6.5, Ranocchia 6, Juan Jesus 6, Jonathan 5.5, Guarin 5, Cambiasso 6, Taider 6 (23′ st Icardi 6.5), Nagatomo 6, Alvarez 6.5 (36′ st Kovacic 6), Palacio 6. (30 Carrizo, 12 Castellazzi, 6 Andreolli, 35 Rolando, 31 Pereira, 25 Samuel, 18 Wallace, 17 Kuzmanovic, 7 Belfodil, 22 Milito).

All.: Mazzarri 6.5.

Juventus: (3-5-2): Buffon 6, Barzaghi 6, Bonucci 6, Chiellini 5, Lichtsteiner 5 (1′ st Isla 5), Vidal 6.5, Pirlo 6 (42′ st Padoin sv), Pogba 6, Asamoah 6, Tevez 6, Vucinc 5.5 (27′ st Quagliarella 5.5). (30 Storari, 50 Citti, 5 Ogbonna, 13 Peluso, 16 Motta, 11 De Ceglie, 12 Giovinco, 14 Llorente).

All.: Conte 6.

Arbitro: Orsato 6. Reti: nel st 28′ Icardi, 30′ Vidal Angoli: 6-1 per l’Inter. Recupero: 0′ e 2′. Ammoniti: Campagnaro, Lichtsteiner, Vidal, Ranocchia per gioco scorretto. Spettatori: 83.000 circa.

I GOL: – 28′ st: Alvarez ruba palla a Chiellini e serve in profondità Icardi che di prima intenzione supera Buffon. – 30′ st: Vidal, servito in area, di sinistro trova l’angolo basso e supera Handanovic.

 

MILANO. – Accade tutto in pochi secondi, ottantadue per la precisione: il gol di Icardi e immediatamente dopo quello di Vidal. Finisce 1-1 tra Inter e Juventus in una sfida che si accende nel secondo tempo. Tutto esaurito a San Siro per il derby d’Italia che si chiude senza un vincitore a conferma di una partita equilibrata e dal risultato giusto. L’Inter di Mazzarri è solida, combattiva, equilibrata e tiene testa alla Juventus di Conte che deve fare i conti con giocatori un po’ acciaccati come Barzagli e Vucinic. I nerazzurri migliorano continuamente e, alla terza giornata di campionato, dimostrano di poter dare filo da torcere a qualsiasi squadra. Il tocco di Mazzarri è magico: l’allenatore ha rivitalizzato una squadra depressa, ha ‘risvegliato’ giocatori come Alvarez e Jonathan, ha ridato dignità ad una squadra finita tristemente nona nello scorso campionato, non tanto tempo fa. Il tecnico è davvero il valore aggiunto dell’Inter che può legittimamente aspirare allo scudetto. Mazzarri sceglie Taider al posto di Kovacic non in perfette condizioni, convoca Milito che torna disponibile dopo sette mesi, punta su Alvarez a supporto di Palacio. Conte recupera Barzagli, c’è anche Vucinic in attacco insieme a Tevez. La partita inizia nel segno dei bianconeri: subito la Juventus spaventa l’Inter con una bella azione in contropiede, ma Tevez sbaglia l’ultimo passaggio, provvidenziale l’intervento di Campagnaro. Il difensore è fra i migliori in campo, dà sicurezza al reparto, costante e attento. Al 13′ Buffon si oppone con efficacia su un tiro al volo di Nagatomo. Poco dopo ci prova Pirlo su punizione. Al 18′ l’episodio più discusso: Vidal viene cinturato da Taider, cade in area ma dopo aver toccato il pallone con la mano. Per l’arbitro non è rigore. Pogba cerca l’assolo al 29′, sbaglia un gol al 32′, la Juventus dà l’impressione di poter passare da un momento all’altro. Al 35′ Campagnaro salva ancora, sull’altro fronte il pericolo viene ancora da Nagatomo anticipato da Lichtsteiner, ammonito e poi sostituito da Conte che vede il rischio di un doppio giallo. Isla lo sostituisce al secondo tempo. Al 7′ della ripresa Palacio resta solo in area e cerca un colpo di testa che si rivela debole. Vidal – al 13′ – con un velenoso sinistro taglia l’area piccola ma non arriva nessuno. L’inter soffre, la Juventus preme. I nerazzurri si difendono bene, riescono a giocare in maniera corale, si dimostrano un gruppo. Unico neo Guarin incappato in una serata davvero negativa. La svolta della partita arriva con l’inserimento di Icardi al posto di Taider: l’attaccante si conferma la ‘bestia nera’ della Juventus alla quale è riuscito a segnare ben quattro gol compreso quello di stasera. Chiellini perde palla sulla propria trequarti, ne approfitta Alvarez che verticalizza per Icardi, gran destro e gran gol (28′). San Siro gioisce ma la festa dura solo pochi secondi. Alla prima azione dopo il gol, la Juve trafigge l’Inter. Asamoah porta palla sulla sinistra, arriva Vidal che anticipa Guarin e calcia di sinistro, battendo Buffon. Subito dopo, la Juve potrebbe addirittura passare in vantaggio con Tevez. Al 43′ l’ultima possibilità per la squadra di Conte, ancora con Vidal. Colpo di testa del cileno, Handanovic respinge corto ma Isla sbaglia tutto. La Juventus non ha molto da recriminare, l’Inter può essere soddisfatta. Per Mazzarri è solo l’inizio, Conte è avvisato. Il campionato sarà lungo e difficile. Moratti è vicino alla squadra e non ha alcuna fretta di vendere. Alla fine, dopo mesi di voci, mezze conferme e tante smentite, il colpo di scena potrebbe non esserci. Di sicuro è rinviato.

Ultima ora

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

00:23Basket: Serie A, Torino-Milano 71-59

(ANSA) - TORINO, 10 DIC - La Fiat Torino batte 71-59 l'EA7 Milano e aggancia in classifica i milanesi. Una vittoria di carattere quella conquistata dalla squadra dell'ex milanese Banchi, passata a condurre nella prima frazione per poi non lasciare più il comando della partita. Se all'inizio le percentuali di Milano hanno favorito la fuga torinese (32-27 al 20'), nella ripresa la difesa di Torino ha fatto la differenza. Washington ha chiuso le falle in difesa, Mbakwe ha fatto impazzire sotto canestro i lunghi milanesi, caricando di falli Tarczewski e Gudaitis. Un parziale di 17-6 a metà terzo quarto (51-33), propiziato da Mbakwe e Vujacic ha indirizzato la partita: Milano ha provato nel finale a riavvicinarsi, ma la Fiat ha controllato senza patemi il risultato. Ottima prova di Patterson (16), Mbakwe (15) e Vujacic (10) per Torino, mentre sulla sponda milanese il solo Jerrels è riuscito ad andare in doppia cifra chiudendo con 10 punti.

Archivio Ultima ora