Damasco canta vittoria, oggi rapporto Onu su gas

Pubblicato il 15 settembre 2013 da redazione

NEW YORK.- Il giorno dopo l’accordo Usa-Russia sulle armi chimiche di Assad, Damasco esulta: ”E’ una nostra vittoria” e assicura “stiamo preparando la lista” dell’arsenale. E mentre in tutto il mondo ci si interroga sulle reali possibilità di attuazione del piano messo a punto dal segretario di Stato americano John Kerry e il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov, cresce l’attesa per il rapporto sull’uso dei gas in Siria. Rapporto che gli ispettori dell’Onu si apprestano a mettere sul tavolo del Consiglio di Sicurezza oggi e secondo il quale – in base alle prime indiscrezioni – emergerebbero chiare responsabilità del regime. Il segretario generale Ban Ki-moon illustrerà il dossier al Consiglio nel primo pomeriggio, alle 17.15 italiane. La prima reazione ufficiale di Damasco all’intesa di Ginevra viene affidata al ministro per la Riconciliazione, Ali Haidar, intervistato dall’agenzia russa Ria Novosti: “Siamo soddisfatti per questo accordo – ha spiegato – perché da una parte aiuta i siriani ad uscire dalla crisi, dall’altra permette di evitare la guerra contro la Siria avendo privato di argomenti coloro che la volevano lanciare”. Damasco, ha sottolineato in serata il ministro dell’Informazione, Omran al-Zubi, si “impegna ad (applicare) tutto quello che arriverà dall’Onu” e “sta preparando una lista delle armi chimiche” in proprio possesso. Un chiaro messaggio al presidente americano, Barack Obama, che dal canto suo in un’intervista alla Abc ha ribadito come Usa e Russia hanno come sempre lavorato insieme con l’obiettivo, nel caso siriano, di “evitare il caos”. Dunque, tra Washington e Mosca “nessuna guerra fredda, nessuna gara”, ha assicurato Obama, nonostante il gelo con Vladimir Putin al summit del G20 di San Pietroburgo. Anzi, è proprio lì che è nata la svolta, in quel faccia a faccia non programmato tra i due leader che ha spianato la strada per una nuova offensiva diplomatica. Il presidente Usa, però, non rinuncia a rispondere all’intervento di Putin pubblicato qualche giorno fa sul New York Times: “Restiamo distanti su molte cose, ma su tante importanti questioni continuiamo a lavorare insieme”. E sul piano che ha portato all’accordo sul disarmo chimico del regime di Assad, Obama ha ribadito di avere fiducia in Putin, “anche se è ancora tutto da verificare”. Un altro ‘antagonista’ con il quale l’inquilino della Casa Bianca ha cercato di disinnescare la miccia siriana è il nuovo presidente iraniano Hassan Rohani, con il quale Obama ha clamorosamente confermato uno scambio epistolare inedito. Usa e Iran non hanno relazioni diplomatiche dalla rivoluzione del ’79 ma il nuovo corso inaugurato dal ‘moderato’ Rohani sembra poter cambiare le cose, malgrado resti altissima l’attenzione di Usa e Israele sul controverso programma nucleare iraniano. Non a caso Obama ha ripetuto che il dossier nucleare è per Washington “un problema ben più importante rispetto a quello delle armi chimiche” e che l’intesa russo-americana sulla Siria può servire da “potenziale modello” e da “lezione” per regolare le ambizioni nucleari degli ayatollah. Intanto Kerry da Israele ha ribadito come “la minaccia dell’uso della forza”, se Damasco non rispetterà l’intesa, “deve rimanere”: perchè il sospetto che da Damasco arrivino solo “parole vuote” a Washington è grande. Come elevata è la preoccupazione che Assad possa aggirare gli impegni che ha detto di volersi assumere, spostando il proprio arsenale chimico e depistando il futuro lavoro degli ispettori che la comunità internazionale invierà nel mese di novembre, secondo la ‘road map’ messa a punto a Ginevra. Gli esperti suggeriscono di riandare con la memoria alle esperienze dello smantellamento dell’arsenale chimico nella Libia di Gheddafi e nell’Iraq di Saddam Hussein, cercando di non ripetere gli errori compiuti allora. Il lavoro per recepire il piano Kerry-Lavrov si sposta ora al Palazzo di Vetro. Qualcuno non nasconde il timore che il rapporto degli ispettori Onu possa nuovamente alimentare tensioni tra i cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza. “E’ chiaro a tutti che ad usare i gas non sono stati i ribelli”, ha ribadito Obama. E dal documento che raccoglie le testimonianze di chi per settimane ha lavorato sul terreno dovrebbe emergere – seppur non in maniera esplicita – la responsabilità del regime. Una versione che Mosca ha sempre rigettato. Si vedrà al momento di formulare la risoluzione che, secondo Hollande, potrebbe essere votata entro la fine della prossima settimana.

(Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

17:28Calcio: Pjanic, Roma? Proveremo a batterla

(ANSA) - TORINO, 18 DIC - "Conosco bene la Roma, sa quello che vuole e sta facendo un ottimo campionato, sono una squadra importante di cui si parla poco". Tocca all'ex di turno Miralem Pjanic, protagonista nella bella vittoria di Bologna con un gol su punizione, parlare dei giallorossi, avversario della Juventus nel big match di sabato sera all'Allianz Stadium. La squadra di Di Francesco "ha tanta qualità - spiega il centrocampista bosniaco nell'intervista rilasciata a Jtv e anticipata sul sito ufficiale della società -. Giocheremo in casa nostra, il pubblico sarà importantissimo e proveremo a vincere". Prima, però, c'è un turno di Coppa Italia da superare, con i bianconeri impegnati mercoledì contro il Genoa. "Vogliamo farla nostra, il mister ce l'ha ripetuto anche oggi, puntiamo a vincere tutto - dice Pjanic -. Non sarà una partita semplice, ma da vincere assolutamente".

17:23Calcio: Milan, annullata cena di Natale

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - All'indomani della figuraccia di Verona è stata annullata la cena di Natale del Milan, prevista per questa sera fra la squadra e la dirigenza. Non sono ancora chiari i motivi di questo cambio di programma.

17:18F1: Marchionne, se Circus diventa formula Nascar andiamo via

(ANSA) - MARANELLO (MODENA), 18 DIC - "Se le macchine diventano tutte uguali, modello Nascar, se le piste sono tutte noiose come quella di Abu Dhabi, se prima di discutere argomenti più importanti come la libertà di disegnare una macchina, si pensa di togliere le donne dalla griglia di partenza come ha detto Ross Brawn alla Bbc, il bello è che la Ferrari ci mette un minuto ad andarsene". Lo ha ribadito il presidente e ad di Ferrari, Sergio Marchionne, nel pranzo per lo scambio degli auguri di Natale con la stampa specializzata.

17:15Coniugi uccisi a Viterbo: figlio resta in carcere

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Convalida del fermo e emissione di un ordine di carcerazione per Ermanno Fieno, figlio di Rosa Franceschini, 79 anni, e Gianfranco Fieno, 83, trovati morti a Viterbo la settimana scorsa rinchiusi in sacchi di plastica. Lo ha deciso il gip di Imperia in quanto l'uomo era stato fermato a Ventimiglia, mentre era in procinto di lasciare l'Italia. Oggi Fieno si è avvalso della facoltà di non rispondere anche al gip, dopo aver fatto lo stesso sabato scorso col pm di Viterbo. Il gip si è poi dichiarato incompetente a procedere nei confronti dell'uomo accusato almeno dell'omicidio della madre (il padre potrebbe essere morto per cause naturali, attesa per esiti autopsia), e trasferito gli atti nel capoluogo della Tuscia. Qui la procura, guidata da Paolo Auriemma, dovrà procedere con una nuova richiesta di arresto. Alla base dell'omicidio della madre ci sarebbe stata una lite legata al proposito dell'uomo, difeso dagli avvocati Valentini e De Santis, di continuare a usufruire della pensione del padre.

17:13Gb: base Raf in ‘lockdown’

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - La base della Raf di Mildenhall, nel Suffolk, che ospita anche gli aerei dell'aviazione militare Usa, è in 'lockdown' dopo che un uomo a bordo di un'auto avrebbe cercato di forzarne l'ingresso. Ne dà notizia Sky News, secondo cui sarebbe stato compiuto un arresto.

17:10Gb: ecco la foto Natale di William e Kate coi figli

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - I duchi di Cambridge scelgono il colore azzurro per la foto ufficiale di questo Natale. William e Kate coi figli George e Charlotte sono stati immortalati per le festività dal fotografo reale Chris Jackson e tutti hanno indossato abiti di tonalità simili. L'immagine, che appare sui biglietti di auguri della famiglia, viene diffusa nello stesso giorno in cui Kensington Palace annuncia che la piccola Charlotte, due anni, a partire da gennaio frequenterà l'asilo: si tratta della prestigiosa, e costosa, Willcocks Nursery School, che si trova vicino alla residenza londinese dei duchi.

17:00Da Tribunale Napoli ok status rifugiato a lesbica nigeriana

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Il Tribunale di Napoli ha concesso ad una ragazza lesbica di origini nigeriane lo status di rifugiato. La ragazza, rende noto Arcigay Napoli, era scappata dal proprio paese nel 2015 dopo che il padre aveva saputo della sua omosessualità: per evitare il linciaggio e la morte ha attraversato il Niger e la Libia per approdare infine in Italia dove nel 2016 ha inoltrato la domanda di protezione internazionale. La domanda è stata in un primo momento rigettata dalla Commissione territoriale di Crotone che ha considerato, si legge nella nota, "poco credibile il racconto della ragazza, acquisito attraverso una videoregistrazione". A seguito di un ricorso e alla convocazione personale della ragazza, il Tribunale di Napoli ha riconosciuto lo status. "Una decisione molto importante - afferma Mara Biancamano, referente legale dello sportello MigraAntino di Arcigay Napoli - Il giudice ha ritenuto che non esistono parametri oggettivi ai quali si possa ancorare il giudizio sull'orientamento sessuale".

Archivio Ultima ora