Juve soffre e spreca, a Copenaghen è solo pari

Pubblicato il 17 settembre 2013 da redazione

TORINO – Come diceva Trapattoni, saggio e antico allenatore bianconero, “mai dire gatto se non ce l’hai nel sacco”. Ad Antonio Conte deve essere riecheggiato qualcosa di analogo a Copenaghen, soprattutto dopo la fine del primo tempo, quando la sua Juventus, nettamente superiore ai danesi, era comunque sotto di un gol. Ma, nonostante la superiorità, non riusciva a trovare il bandolo della partita, quel ‘gatto’ proprio non riusciva a prenderlo.

L’umile Copenaghen dopo 14′ era passato in vantaggio. Solo nella ripresa, e solo dopo una (prevedibile) sfuriata di Conte negli spogliatoi, la Juve ha ritrovato se stessa. Le sono bastati pochi minuti per il pareggio: all’8′ traversone basso e teso di Peluso, ‘velo’ di Tevez e tiro di Quagliarella a botta sicura di sinistro, 1/o gol della stagione. Ma quanta fatica. Finisce 1-1, nonostante l’assedio bianconero con il portiere danese Wiland protagonista.

Un inizio di Champions League in salita per i bianconeri soprattutto alla luce del successo del Real Madrid che ha superato 6-1 a Istanbul il Galatasaray. Per l’esordio in Champions League, Conte aveva deciso di avviare il primo turn over della stagione: dentro Ogbonna al posto di Barzagli, ma schierato in posizione centrale, con Bonucci a destra; sulla sinistra dentro Peluso al posto di Asamoah; in attacco dentro Quagliarella al posto di Vucinic. Sulla carta (ma solo su quella) i campioni di Danimarca, terz’ultimi in classifica, avrebbero dovuto essere inferiori ai campioni d’Italia, dunque era parso saggio a Conte procedere con qualche cambio tra i titolari. Peccato però che tutta la Juventus, inspiegabilmente, a Copenaghen ha fatto il suo esordio stagionale in Europa senza la grinta che ci si poteva attendere da una che si definisce potenziale ‘outsider’ per la conquista della Champions. Lenta, prevedibile, con Peluso, Vidal e Quagliarella quasi avulsi dal gioco, e Chiellini distratto in più di un’occasione. Solo Pirlo all’altezza della Champions.

Il Copenaghen, con umiltà e concretezza, ne aveva beneficiato e, dopo il vantaggio, per tutto il primo tempo aveva contenuto senza troppa difficoltà i bianconeri.

Nella ripresa, però, la musica è cambiata. Pareggio bianconero in 9 minuti. Poi controllo assoluto del campo, con Tevez bravo a farsi trovare arretrato a raccogliere e smistare le verticalizzazioni dei compagni, e Quagliarella pronto a cercare la concretizzazione. Tutto il gioco della Juve è apparso più fluido. Quagliarella subito dopo aver segnato è tornato a sfiorare il gol con una bella deviazione di testa che ha colpito la traversa (18’st). E il portiere Wiland si è salvato in almeno altre tre, quattro occasioni, su Tevez, Vidal, Pogba. Sul finale Conte ha sostituito Peluso con De Ceglie, Quagliarella con Giovinco e Lichsteiner per Isla.

La Juventus ha continuato a dominare. Ma senza trovare il gol della vittoria. Da Copenaghen i bianconeri, nettamente più forti del Copenaghen, tornano con questa trapattoniana lezione: mai dire gatto se non ce l’hai nel sacco.

Ultima ora

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

20:45Nuoto: Europei, Quadarella bronzo negli 800 stile libero

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - L'azzurra Simona Quadarella ha vinto la medaglia di bronzo negli 800 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen, con il tempo di 8'16"53, suo primato personale. L'oro è andato alla tedesca Sarah Koehler (8'10"65), il bronzo all'ungherese Boglarka Kapas (8'11"13). "Non pensavo di riuscire a prendere la medaglia quindi sono molto contenta del podio" ha commentato l'atleta romana, che lunedì compirà 19 anni.

20:33Calcio: Donnarumma “Io sono un tifoso del Milan”

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Poche parole ma tante foto e autografi. Se Gattuso dopo la contestazione di ieri sera aveva chiesto ai tifosi di proteggere Gianluigi Donnarumma, i ragazzi del vivaio del Milan, durante la festa di Natale, hanno seguito alla lettera le richieste del mister, coccolando il portiere con tanti applausi e un vero bagno di folla. Donnarumma si è dimostrato molto disponibile, ha salutato tutti i ragazzi sempre con il sorriso e dal palco ha ribadito un concetto: ''Sono un tifoso del Milan''. Ha fatto a tutti gli auguri di ''buon Natale'', ha ammesso di ''sognare un gol come quello fatto da Brignoli'', sottolineando quanto un gol del portiere arrivi solo in situazione di svantaggio, e ha ricordato che il suo idolo sia sempre stato Abbiati.

20:31Nuoto: Europei, Rivolta-Codia, doppietta 100 farfalla

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - 14 DIC - Matteo Rivolta ha vinto la medaglia d'oro nei 100 farfalla all'Europeo di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen con il tempo di 49"93. La doppietta azzurra è stata completata dall'argento di Piero Codia (49"96). Terzo posto e medaglia di bronzo per il tedesco Marius Kusch (50"01).

20:29Consip: difetto iter, nulla sospensione di Scafarto e Sessa

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Per un difetto di procedura, il mancato interrogatorio degli indagati prima dell'emissione del provvedimento della loro sospensione dalle funzioni, il gip di Roma Gaspare Sturzo ha annullato l'interdizione disposta nei confronti del maggiore dei carabinieri Gian Paolo Scafarto e del colonnello Alessandro Sessa, entrambi coinvolti nell'inchiesta della procura sul caso Consip. La misura dell'interdizione sarà quindi ripristinata la settimana prossima subito dopo l'interrogatorio dei due ufficiali dell'Arma.

20:26Ex calciatore scomparso: trovato ucciso dopo un mese

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - E' stato trovato ucciso Andrea La Rosa, l'ex calciatore di serie C, poi direttore sportivo del Brugherio calcio, scomparso il 14 novembre scorso. I carabinieri avevano aperto un'inchiesta che ipotizzava l'omicidio dopo la denuncia di scomparsa da parte della famiglia.

Archivio Ultima ora