Pdl e Pd in pressing su Letta per scongiurare l’aumento dell’Iva

Pubblicato il 18 settembre 2013 da redazione

ROMA  – A pochi giorni dall’1 ottobre, quando aumenterà di un punto l’aliquota Iva oggi al 21%, si apre una nuova bagarre tra Pdl e Pd che, paradossalmente, chiedono la stessa cosa al Governo, e cioè evitare quell’incremento, su cui le Associazioni dei commercianti e dei consumatori lanciano l’allarme. Ma a scatenare la guerra tra i due partiti è la ricerca delle coperture necessarie, vista la scarsezza di risorse finanziarie che verrà certificata domani dal Governo che indicherà per il 2013 un deficit al 3,1%.

Dopo che martedì il commissario europeo Olli Rehn aveva espresso perplessità sulla capacità del governo di trovare le coperture per tutte le misure annunciate, tra cui lo stop all’aumento dell’Iva, ieri i rumors parlamentari hanno rilanciato l’ipotesi che il Governo lascerà salire l’aliquota dal 21 al 22%. Immediato è partito il fuoco di fila dei Big del Pdl che hanno intimato al premier Letta di evitare l’aumento, come promesso nel discorso di insediamento, ma dimenticando che quell’aumento lo votarono nella manovra estiva del 2011 del governo Berlusconi-Tremonti, e che finora era stato rinviato con coperture provvisorie.

A questo punto anche il Pd, con il capogruppo Roberto Speranza, ha chiesto all’esecutivo di ”scongiurare” questo ”duro colpo per famiglie e imprese”. Ma dal Pd, ed anche da Scelta Civica, è partita una polemica contro il Pdl: è per coprire l’esenzione Imu per tutti, compresi i redditi alti, che ora manca il miliardo necessario per evitare l’innalzamento Iva per gli ultimi tre mesi del 2013. Sì, perché comunque il problema si ripresenterebbe il Primo gennaio.

Tra gli economisti molti ritengono che sia meglio, lasciar fluttuare l’Iva e convogliare le risorse sul taglio delle tasse sul lavoro, che porterebbe denaro nelle tasche dei lavoratori. Un aumento dell’Iva verrebbe in parte riassorbito dai prezzi, perché i commercianti che preferirebbero rinunciare a parte del guadagno pur di non deprimere i consumi già bassi. E anche l’Ue suggerisce la stessa strada.

Il viceministro all’Economia Stefano Fassina, ha rilanciato quanto detto  da Confindustria nell’audizione alla Camera: a fronte dei molti impegni (Iva, Imu, Cig in deroga, missioni militari all’estero), ”è necessario scegliere”. Quindi se si fa pagare l’Imu sul 10% delle prime case di maggior valore, ”recuperiamo due miliardi di euro”: un miliardo andrebbe sull’Iva e il restante per ”la deducibilità dell’Imu per i capannoni”.

La contrapposizione Imu-Iva ha sollevato l’ira del Pdl, con Renato Brunetta che ha adombrato alle dimissioni del viceministro. I soldi ci sono ha tuonato Laura Ravetto: arrivano dall’Iva sulle fatture dei Debiti pagati dalla PA, ed altri si potrebbero ricavare dalla rivalutazione delle partecipazioni bancarie in Banca d’Italia.

– Le risorse per tutto non ci sono – ha detto il ministro Graziano Del Rio, anche perché, ”l’Italia è osservato speciale e sarebbe molto grave che rientrassimo in procedura di infrazione”. Domaniinfatti il governo esaminerà la Nota di aggiornamento al Def, nella quale il Deficit verrà indicato al 3,1%, cosa che richiederà qualche operazione all’interno del bilancio o comunque una stretta del Tesoro per rimanere sotto il tetto del 3%.

Ultima ora

07:33New York: governo Bangladesh condanna attentato

DACCA (BANGLADESH) - Il governo del Bangladesh ha condannato l'attentato fallito a New York, il cui autore e' un immigrato di 27 anni dal paese del sud-est asiatico. ''Il Bangladesh e' impegnato nella sua conclamata politica di 'tolleranza zero' contro il terrorismo, e condanna il terrorismo stesso e l'estremismo violento in ogni forma o manifestazione ovunque nel mondo, compreso l'incidente di lunedi' mattina a New York'', ha comunicato il governo in una nota.

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

Archivio Ultima ora