Russia accusa i ribelli su gas. Fazioso il dossier dell’Onu

Pubblicato il 18 settembre 2013 da redazione

MOSCA.- Nuovo braccio di ferro tra Mosca e l’Occidente a pochi giorni dall’accordo russo-americano per lo smantellamento dell’arsenale chimico siriano: mentre continua lo scontro al Consiglio di sicurezza dell’Onu sul ricorso o meno al capitolo VII (quello che autorizza l’uso della forza) nella risoluzione per l’attuazione dell’accordo, la Russia bolla come ”politicizzato, fazioso e unilaterale” il rapporto Onu sull’attacco chimico del 21 agosto e annuncia di aver ottenuto da Damasco nuove prove sull’uso di armi chimiche da parte dei ribelli. Secca la replica del Palazzo di Vetro: i risultati dell’inchiesta sono indiscutibili. Una manovra a tenaglia, per contestare le univoche interpretazioni occidentali, che leggono nelle conclusioni degli ispettori delle Nazioni Unite gli indizi chiari della responsabilità del regime siriano, mentre per Mosca si tratterebbe di una ”provocazione” dei ribelli. Teatro di questa mossa Damasco, dove una delegazione russa guidata dal vice ministro degli esteri Serghiei Riabkov ha incontrato la dirigenza siriana. Compreso Bashar al Assad, che ha pubblicamente ringraziato Mosca per il suo appoggio contro ”l’attacco feroce” e per il suo ruolo, che può contribuire ad un ”nuovo equilibrio mondiale”. E’ stato proprio Riabkov a lanciare la nuova offensiva diplomatica russa. ”Siamo a dir poco delusi dell’approccio del segretario dell’Onu e degli ispettori dell’Onu che si trovavano in Siria e che hanno preparato il loro rapporto in modo selettivo e incompleto, senza prendere in considerazione gli elementi che noi avevamo più volte segnalato”, ha spiegato il viceministro. ”Senza avere un quadro completo di quello che accade lì, non possiamo che considerare le conclusioni degli ispettori Onu come politicizzate, faziose e unilaterali”, ha aggiunto chiedendo che gli esperti esaminino anche altri episodi sospetti, antecedenti e successivi al 21 agosto. Su questo fronte è arrivata subito una risposta delle Nazioni Unite: gli ispettori, come ha annunciato il loro capo, lo svedese Aake Sellstrom, torneranno presto in Siria, mentre un nuovo rapporto sull’insieme delle accuse sull’uso di armi chimiche nel Paese potrebbe essere presentato ”eventualmente entro fine ottobre”. Nel frattempo, però, l’Onu, tramite il suo portavoce Martin Nesirky, ha replicato che i risultati del rapporto Onu sono ”indiscutibili”. Riabkov ha poi rivelato che la dirigenza siriana ha consegnato alla delegazione russa elementi che proverebbero il coinvolgimento dei ribelli nell’attacco del 21 agosto, elementi che Mosca è ”incline a considerare con la massima serietà” e che porterà al Consiglio di sicurezza. La Russia ha dovuto inoltre lavorare in salita per difendersi dai sospetti di aver fornito armi chimiche a Damasco anche nel suo passato sovietico, dopo le foto del rapporto Onu su un razzo al gas sarin con alcune lettere in cirillico. Per smentire è sceso in campo il capo dell’amministrazione presidenziale, Serghiei Ivanov, ex potente ministro della difesa: ”Posso dire con cognizione di causa che queste scritte in cirillico si trovavano sui razzi terra-terra prodotti in Unione Sovietica tra il 1950 e il 1960. Sono razzi molto vecchi e in epoca sovietica sono stati forniti a decine di Paesi, per esempio alla Libia, ma l’Urss non ha mai fornito gas sarin a nessuno”. Anche due esperti contattati dal quotidiano Vedomosti, poco sospetto di contiguità con il Cremlino, hanno identificato l’ordigno come un razzo sovietico prodotto nel 1967 nella fabbrica 179 di Novosibirsk, sostenendo che si tratta di armi obsolete e che l’esercito siriano dispone di munizioni più moderne, ”il cui uso sembrerebbe più logico”: considerazioni che, a loro avviso, depongono a sfavore dei ribelli. Mosca non fa mistero di continuare a fornire armi a Damasco, ma se si dovesse scoprire che ha venduto anche armi chimiche la sua posizione diventerebbe imbarazzante. Come rischia di diventare quella di Angela Merkel che, in piena campagna elettorale, è stata costretta ad assicurare che le quasi 140 tonnellate di sostanze chimiche vendute dalla Germania alla Siria non sono state usate per la produzione di gas sarin. E mentre papa Francesco ha lanciato un appello perché in Siria la “tragedia umana” si risolva “con il dialogo e la trattativa”, la guerra civile continua, con nuovi morti (almeno sette vittime per un colpo di mortaio nel centro di Aleppo) e nuove divisioni tra le forze dell’opposizione: ieri i combattenti dello Stato islamico in Iraq e Levante (Isis), la neo-sigla delle formazioni qaidiste in Siria, ha conquistato la città siriana di Azaz, nei pressi del confine con la Turchia, dopo giorni di combattimenti con i ribelli dell’Esercito libero (Esl).

(Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora