Le vicende del Cavaliere dividono gli italo-venezolani

Pubblicato il 20 settembre 2013 da redazione

CARACAS – La condanna a carico di Silvio Berlusconi per frode fiscale ha fatto il giro del mondo scatenando polemiche e sollevando riflessioni sul suo destino politico. È stato scritto e detto tutto ed il contrario di tutto. Ma cosa ne pensa la nostra Comunità di quanto sta accadendo oggigiorno in Italia? Sotto una pioggia battente abbiamo avuto modo di intervistare alcuni connazionali al Centro Italiano-Venezolano, incontrando il loro interesse, la loro simpatia ed anche un pizzico di rabbia.

Due domande chiare e dirette: Berlusconi deve continuare a fare il parlamentare dopo essere stato condannato dalla Magistratura o la legge deve essere applicata come per qualsiasi altro cittadino?  E ancora: pensa che il Cavaliere debba continuare ad essere il leader del Pdl?

«Una pagliacciata politica!». Non usa mezzi termini Stefania Cavallin che prova a mettere l’accento sui problemi reali del Paese. «Si prendono cura di cose che in realtà non sono importanti. Destra e sinistra dovrebbero farsi da parte e sarebbe necessario rimboccarsi le maniche e lavorare sodo per uscire dalla crisi». Nonostante stia lasciando intendere una sorta di mancato collegamento tra politica e società, la signora Stefania riconosce comunque alcuni meriti dell’ex-premier. «Ha commesso degli errori, ma ha fatto anche delle cose buone».

Giuseppe Schettino si accende una sigaretta e ci spiazza un po’ con la sua risposta. «L”80%  degli italiani lo fa!». L’evasione fiscale intesa come qualcosa di assolutamente normale. Una specie di cattiva abitudine. C’è da augurarsi che la statistica che ci offre il signor Giuseppe sia quanto meno “gonfiata”. «Hanno messo Berlusconi sul banco degli imputati per una cosa che in realtà fanno tutti». E riguardo alla leadership del centro-destra: «Credo che i suoi lo vogliano ancora al comando».

Non appena smette di piovere un gruppo di ragazzi comincia a giocare calcio accanto al parcheggio. Mentre il signor José Gammiero li osserva, tra una risata e l’altra, afferma: «Certo. Si deve applicare la legge come per qualsiasi cittadino». Il parere questa volta è netto, anche se José da lo stesso triste giudizio sulla diffusione del fenomeno dell’evasione fiscale in Italia. «Berlusconi si è fatto beccare con le “mani nel sacco” e per questo si deve applicare una pena, anche per dare un esempio. Tra l’altro è una persona che non aveva alcuna necessità di farlo, considerato che è uno degli uomini più ricchi del mondo. Va detto però che chissà quanti senatori o deputati si saranno comportati e continueranno a comportarsi esattamente allo stesso modo!».

La sera si avvicina ed i punti di vista oscillano. «Sono davvero stupito per questa decisione! Non credo che Berlusconi sia colpevole. Lui che è stato Presidente del Consiglio», trattiene a stento lo sdegno il signor Antonio Dal Buono, seduto al bar. «Ci sono tante invidie e maschere nella politica. Berlusconi è un uomo capace e deve continuare a lavorare per il Paese a testa alta. È un personaggio ed una figura importantissima per l’Italia».

Lo scetticismo nei confronti della decisione dei giudici, in quasi tutti i casi,  risponde al fatto di concepire la politica come un gioco di interessi che allunga le sue mani su tutte le sfere. Carlo Savarese segnala: «Berlusconi ha tanti nemici che vogliono distruggerlo. Inoltre, credo che l’accusa non si possa provare veramente». E si spinge oltre:  «Ce ne sono tanti peggiori di lui. Berlusconi ha una grande esperienza e ha fatto molto per la politica italiana, pertanto credo che debba continuare a fare il parlamentare anche se è stato condannato».

Tra musica, festa ed un sorriso in più, Maria Balestra sostiene: «non ha a che fare con il fatto che sia senatore o meno. Ha commesso un reato e la legge deve essere applicata». Più che coinvolgere la politica, la posizione sociale, oppure gli interessi, mette l’accento sull’equità. «È un essere umano e non perché sia senatore deve avere dei privilegi. Se viceversa fosse così, a cosa servirebbero le leggi?». Una domanda che certamente dovrebbe far riflettere.

Un’altra intervistata è stata Liliana Oprandi che racconta con grande emozione: «Non so se veramente meriti questa condanna, però se ha commesso un reato, la legge è e deve essere uguale per tutti». Per molti, anche se Berlusconi è stato condannato dalla Magistratura, vi sono ancora riserve e dubbi sull’imparzialità di quest’ultima. «Ripeto: non so se quella tesi è vera». E chiude: «Certo è che se io ho appena una piccola casetta nel Belpaese e devo pagare le tasse, lui deve fare lo stesso per le sue proprietà e per gli errori che ha commesso».

Al di là dei pareri frammentati, è evidente che la Comunità italo-venezuelana sia molto interessata a quanto accade in Italia. Oltre alla distanza ed al tempo, i vincoli si mantengono forti. Nonostante l’imparzialità e l’efficienza del sistema giudiziario e dell’intero quadro politico italiano continui ad essere messa in discussione dai nostri connazionali.

Arianna Pagano –Yessica Navarro

Ultima ora

19:36Trump: Sarah e Melania si dicono fan l’una dell’altra

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 MAG - Sarah Netanyahu e Melania Trump si sono fatte reciprocamente i complimenti esprimendo ammirazione l'una per altra e sottolineando di avere in comune molte cose tra cui - ha detto la prima - l'antipatia verso i media. Lo scambio di battute informale - captato dai microfoni, secondo quanto segnalato dai media - è avvenuto all'incontro delle coppie una volta che i Trump sono scesi dall'Air Force One. Il presidente ha detto a Netanyahu che la moglie è "una grande fan della sua consorte". "Io l'amo - ha subito risposto Sarah - ed anche io sono una sua fan". "Posso testimoniarlo", ha spiegato Netanyahu mentre la moglie ha aggiunto: "La maggioranza del popolo, a differenza dei media, ci vuole bene... Abbiamo molto in comune".

19:28Consip: mercoledì riunione vertici procura Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 22 MAG - Le vicende legate al caso Consip - le polemiche sulla conduzione dell'inchiesta, le presunte irregolarità attribuite a un investigatore dei carabinieri, e l'avvio di un procedimento disciplinare nei confronti del pm Henry John Woodcock che svolse la prima fase delle indagini - saranno al centro di una riunione fissata per mercoledì prossimo, 24 maggio, alla quale prenderanno parte il procuratore facente funzione Nunzio Fragliasso e gli otto procuratori aggiunti che coordinano le varie sezioni dell'ufficio. E' la prima volta che viene affrontata, sia pure informalmente, la questione da parte dei magistrati della procura di Napoli da quando nelle scorse settimane gli inquirenti della procura di Roma indagarono per falso il comandante dei Noe di Napoli capitano Gianpaolo Scafarto per presunti falsi inseriti nell' informativa sia in relazione al coinvolgimento dei servizi segreti sia a proposito di una intercettazione che chiamava in causa Tiziano Renzi.

19:25Usa: Trump cerca mano Melania, First Lady si sfila via

(ANSA) - NEW YORK, 22 MAG - Trump cerca la mano di Melania e lei si sfila via non curante. Almeno e' ciò che appare dalla sequenza delle immagini di un video che ha fatto il giro della rete suscitando diversi commenti. L'episodio si riferisce all'arrivo della coppia presidenziale in Israele. I due sono stati accolti in pompa magna e alla loro discesa dall'Air Force One e' stato steso un lungo tappeto rosso. Dopo le foto con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e la moglie Sara, il gruppo si è avviato sul tappeto rosso. Il leader israeliano e la moglie si tenevano per mano e ad un certo punto e' sembrato che anche Trump cercasse la mano della moglie che invece di porgerla a sua volta sembra addirittura dare segno di volerla respingere. "Melania si e' appena rifiutata di dare la mano a Trump?" - si legge su Twitter. "Siamo tutti Melania", oppure, "Melania non vuole avere niente a che fare con lui. Nove giorni con Trump e non vede l'ora di tornare nel suo santuario a New York". Così alcuni alcuni dei commenti sul web

19:21Radicali, protesta a Milano contro Regione e Comune

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - Protesta dei Radicali a Milano contro "la violazione dei diritti di iniziativa popolare da parte del Comune e della Regione Lombardia". Marco Cappato, tesoriere della associazione Luca Coscioni, si è presentato davanti a Palazzo Marino esibendo due grandi matite di cartone per protestare contro il Comune "che dopo 21 mesi dal deposito delle firme sui quattro referendum del comitato 'Milano sì muove' non ha ancora rinnovato il Collegio dei garanti che devono dare il parere di fattibilità". La stessa protesta i Radicali metteranno in scena domani davanti al Pirellone, dove si tiene la seduta del Consiglio regionale. "Sono passati 15 mesi dal deposito delle leggi di iniziativa popolare per la regolamentazione della Cannabis terapeutica e per istituire il Registro dei testamenti biologici - ha detto Cappato -. La legge prevede che il Consiglio regionale abbia tre mesi di tempo per discutere le proposte depositate, scaduti i quali avviene l'inscrizione automatica. Ma non sono mai state calendarizzate".

19:20Turchia: demolito club strage di Capodanno

(ANSA) - ISTANBUL, 22 MAG - Il nightclub 'Reina' di Istanbul, teatro della strage di Capodanno rivendicata dall'Isis, in cui furono uccise 39 persone, è stato demolito stamani. La decisione è giunta dal Comune della metropoli sul Bosforo, che in una breve nota ha motivato l'abbattimento con una "violazione della normativa" edilizia. "È stato inatteso anche per noi. Il processo di demolizione è durato 45 minuti", ha detto a Hurriyet una fonte del locale. Il prossimo 11 dicembre avrà inizio il processo ad Abdulkadir Masharipov, l'uzbeko accusato di aver compiuto l'attacco, rinviato a giudizio con altri 56 presunti complici. Catturato dopo oltre due settimane di caccia all'uomo, Masharipov rischia 40 ergastoli e 2.397 anni di prigione.

18:59Rohani, l’Iran non ha mai cercato di avere armi nucleari

(ANSA) - TEHERAN, 22 MAG - "L'Iran non ha mai tentato di avere armi nucleari". Lo ha detto il presidente iraniano, Hassan Rohani, nel corso della sua prima conferenza stampa dopo la rielezione, rispondendo alle parole di Donald Trump. "L'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) - ha continuato Rohani - ha verificato in diverse occasioni la natura pacifica del programma nucleare iraniano". Alla conferenza stampa, oltre a tutti i componenti del governo, era presente anche il capo dell'Organizzazione iraniana per l'energia atomica (Aeoi), Ali Akhbar Salehi.

18:53Calcinacci da ponte, chiuso casello Fano A14

(ANSA) - FANO (PESARO URBINO), 22 MAG - Il casello dell'A14 di Fano è stato chiuso in entrambe le direzioni per accertamenti tecnici su un ponte, che non attraversa l'autostrada, da cui sono caduti alcuni calcinacci. Chiuso anche il ponte che sovrasta gli svincoli in entrata e in uscita dall'autostrada e che è una delle strade del centro abitato di Fano, via Visconti. Disagi sulla SS16, dove si è riversato il traffico, compreso quello pesante. Sul ponte ci sono squadre dell'Anas, della polizia municipale di Fano e dei vigilie del fuoco, dato che non è ancora chiaro quale ente abbia competenza sul viadotto. Si sta cercando di capire se si stratta di un problema strutturale oppure no. In corso anche un riunione in Comune, che potrebbe poi sfociare in un incontro in prefettura, a Pesaro.

Archivio Ultima ora