Letta al Colle: “Avanti, non mi faccio logorare”

Pubblicato il 20 settembre 2013 da redazione

ROMA  – Sono determinato ad andare avanti, a mantenere le promesse e a realizzare il programma su cui ho incassato la fiducia del Parlamento. Per questo ho dovuto ribadire che non intendo farmi logorare o paralizzare dai veti incrociati e dai continui ultimatum. Enrico Letta, nello studio di Giorgio Napolitano, spiega il senso delle sue ultime dichiarazioni. Quel “non ho scritto Jo Condor in testa”, che significa avvertire Berlusconi che il suo bluff sulla crisi non attacca più; quel “basta ricatti e minacce”, per spiegare che gli avvertimenti di Brunetta non fanno altro che complicare le cose; quel “passerò all’attacco”, per dire a quanti nel Pd temono per il governo “la stessa fine dell’Esecutivo Monti” che così non sarà perché al governo lui resterà solo se potrà continuare a lavorare. Parole che il capo dello Stato ascolta con la massima attenzione. Vi coglie la volontà di andare avanti, con forza e determinazione; e non la rassegnazione di chi è tentato di gettare la spugna per il rischio di appannare la sua immagine.

Per questo condivide le parole di Letta e, per certi versi, le fa sue. Ho trovato un “Letta d’attacco”, riferirà poi ai suoi collaboratori il presidente della Repubblica, spiegando che il capo del governo non ha nessuna intenzione di arrendersi, è concentrato sui provvedimenti da varare e non è distratto dalle “fastidiose” chiacchiere di alcuni protagonisti politici. Napolitano, dunque, vede in Letta la volontà di spazzare via le resistenze, e solo se queste dovessero diventare insuperabili, paralizzando l’Esecutivo, di chiamare l’ultimo giro.

Ma nell’analisi svolta al Quirinale, questo scenario appare (al momento) improbabile. Ed é un bene, visto il quadro macroeconomico che Letta descrive minutamente al capo dello Stato. I numeri del Def, con quello sforamento del tetto del 3%, preoccupano. Ma il premier, riprendendo le parole di Saccomanni, assicura che non serviranno manovre straordinarie, ma semplici aggiustamenti. Serve però un miliardo e mezzo, da trovare entro quest’anno. Risorse che si aggiungono a quelle necessarie per cancellare la seconda rata dell’Imu, per rifinanziare le missioni all’estero, per pagare la cassa integrazione.

I numeri non mentono. I soldi per impedire l’aumento dell’Iva – chiesto a gran voce dal Pdl, ma anche dal Pd – al momento, dunque, non ci sono. Letta, però, tranquillizza il presidente della Repubblica. Gli racconta della reazione dei ministri al termine della relazione del ministro dell’Economia in Cdm, quando prendendo la parola ha svolto la sua sintesi: il quadro è questo e ora abbiamo due strade, scontrarci e lanciare ultimatum, oppure trovare le soluzioni migliori per tutti, ha detto il premier. Chi c’era racconta che Alfano ha abbassato gli occhi sul telefonino; Quagliariello ha ripreso a leggere i documenti che aveva davanti. Lupi idem. Nessuno ha replicato, nessuno ha ribattuto.

– Nel Cdm ho visto una partecipazione corale e un impegno che mi conforta – riferirà poco dopo lo stesso capo del governo in conferenza stampa. Tutti, sia nel Pdl che nel Pd, sanno perfettamente come stanno le cose. Che i margini di manovra per impedire l’aumento dell’Iva sono estremamente limitati. Letta ne ha parlato con Alfano, Lupi, Quagliariello. Anche con Renato Brunetta, qualche giorno fa a palazzo Chigi. Forse per questo, nel governo, gli ultimatum del capogruppo pidiellino vengono presi con le molle. Il premier però sa anche che l’economia rischia di produrre nuove tensioni. Ecco perché, sia pubblicamente che informalmente, rassicura il centrodestra – smentendo Fassina – sul fatto che non intende violare l’impegno assunto sull’Imu: la prima rata l’abbiamo abolita e a ottobre, insieme alla legge di stabilità, elimineremo anche la seconda tranche. Stessa attenzione la rivolge al Pd, confermando l’intenzione di non farsi logorare. Una riposta a Guglielmo Epifani e al suo riferimento agli ultimi mesi del governo Monti. No, assicura Letta, io non sarò protagonista di quel film.

Ultima ora

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

21:59Argentina: milioni di pesos falsi contro la corruzione

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - In occasione della Giornata nazionale contro la corruzione, i cittadini di San Salvador de Jujuy, città dell'Argentina nordoccidentale, hanno trovato per strada una montagna di denaro falso pari a 716 milioni di pesos argentini (circa 35 milioni di euro). L'iniziativa è stata realizzata dall'ufficio provinciale anticorruzione per informare i cittadini sugli effetti negativi della corruzione. L'ufficio ha voluto realizzare, in occasione del 9 novembre in Argentina, una riproduzione in scala di tutto il denaro che non si è potuto utilizzare per la costruzione di oltre 2.200 alloggi popolari. I fondi sarebbero coinvolti nel caso che vede sotto accusa la dirigente sociale Milagro Sala, attualmente detenuta per presunta frode, associazione a delinquere ed estorsione. L'iniziativa, costituita da quattro strutture cubiche, rappresentavano gli oltre 716 milioni di pesos la cui destinazione finale non è stata ancora chiarita.

21:55Pentagono ‘ignora’ Trump, transgender possono arruolarsi

(ANSA) - WASHINGTON, 11 DIC - Il Pentagono ha annunciato che consentirà ai transgender di partecipare all'arruolamento che comincia il primo gennaio, nonostante l'opposizione del presidente Donald Trump. Una mossa che, secondo gli osservatori, riflette le crescenti pressioni legali sulla questione e le difficoltà da parte del governo federale di attuare la richiesta del tycoon di bandire i transgender dall'esercito. Le sue direttive finora sono state bocciate da due corti federali. Le aspiranti reclute dovranno tuttavia superare una serie di esami fisici, psicologici e medici che potrebbero rendere più difficile ottenere la divisa.

21:53Putin sbarcato ad Ankara, faccia a faccia con Erdogan

(ANSA) - ISTANBUL, 11 DIC - Il presidente russo Vladimir Putin è sbarcato ad Ankara, ultima tappa del suo tour de force mediorientale che oggi lo ha portato nella base russa di Hmeimim in Siria, dove ha incontrato il suo omologo Bashar al Assad, e poi al Cairo per colloqui con il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi. In Turchia, il capo del Cremlino avrà un faccia a faccia con il presidente Recep Tayyip Erdogan sulle crisi regionali - dalla Siria a Gerusalemme - e i rapporti bilaterali, con un focus sulla cooperazione energetica e il progetto russo della prima centrale nucleare turca ad Akkuyu. Negli ultimi mesi, i due leader hanno avuto numerosi contatti. Il faccia a faccia di oggi, seguito da una conferenza stampa congiunta, è il terzo nell'ultimo mese.

Archivio Ultima ora