Germania, si vota: suspense per coalizione Merkel

Pubblicato il 21 settembre 2013 da redazione

BERLINO. – Si vota in Germania: un voto che deciderà quale coalizione guiderà il Paese nei prossimi quattro anni determinando la composizione del nuovo Bundestag, e che influenzerà anche la politica in Europa. Mai come questa volta il pendolo elettorale oscilla fra una assoluta certezza, la riconferma di Angela Merkel per un terzo mandato, e una altrettanto assoluta incertezza: con chi potrà allearsi al governo? La suspense riguarda sia le alleanze sia i risultati dei partiti minori, dai liberali (Fdp) alleati di governo della Merkel, al partito anti-euro Alternative fuer Deutschland (AfD). Per entrambi vale l’incognita se riusciranno a superare lo sbarramento del 5% ed entrare in Parlamento. La campagna elettorale, avviata in modo sonnolento, ha preso colore e accelerazione nelle ultime settimane, arricchita anche da una ridda di sondaggi che si sono rincorsi a ritmo quotidiano e che andranno avanti fino al giorno delle votazioni, non esistendo in Germania l’obbligo del silenzio elettorale. In tutto corrono 34 partiti e 4.500 candidati. Gli aventi diritto sono quasi 62 milioni. I seggi si aprono alle 08:00 e si chiudono alle 18:00: a seguire exit poll e proiezioni. Gli ultimi sondaggi indicano un testa a testa fra i due schieramenti: la coalizione cristiano liberale (Cdu-Csu/Fdp) della cancelliera Merkel, e i tre partiti di sinistra, socialdemocratici (Spd), Verdi e Linke. Il rapporto si aggira, oscillando fra un punto di vantaggio per il governo e la parità, attorno al 45% per parte. Il problema sono le possibili coalizioni dopo il voto. Al momento sembra che le costellazioni auspicate dai contendenti – Merkel e lo sfidante Peer Steinbrueck – abbiano scarse o nessuna chance di vincere: la coalizione cristiano liberale ha al massimo un voto di maggioranza. Inoltre non è affatto detto che la Fdp ce la faccia a superare il 5% (anche se si respira ottimismo). D’altra parte la coalizione rosso-verde, obbiettivo dichiarato di Steinbrueck, è con sicurezza esclusa perché arriverà al massimo al 37%. In soccorso potrebbe arrivare teoricamente la Linke, ma sia Steinbrueck che il partito hanno escluso tassativamente una coalizione rosso-rosso-verde. Se la Merkel non farà il bis con i liberali, l’opzione più probabile, se non la sola, sarà una grande coalizione nero-rossa con la Spd. Già la cancelliera l’ha guidata al suo primo mandato (2005-2009) con Steinbrueck al dicastero delle finanze. Il rapporto fra i due era ottimo e la grande coalizione lavorò bene. Ora ci scommettono tutti i principali commentatori e i partiti si stanno preparando dietro le quinte, anche se a parole l’ipotesi è tabù e nessuno la evoca: ai comizi sia la Merkel che Steinbrueck ripetono fino alla noia il mantra di volere solo una coalizione nero-gialla e rosso-verde. In una grande coalizione la Merkel potrebbe azzardarsi a metter mano a tutte quelle riforme che non ha fatto finora (campa sugli allori del predecessore Schroeder, secondo i suoi critici) e che impone agli stati in crisi in Europa. Una grande coalizione potrebbe liberarsi più facilmente del dogma del rigore e a parlare più facilmente di crescita. In teoria, esiste una terza opzione, una coalizione nero-verde fra Cdu-Csu e i Gruenen: sarebbe una novità assoluta a livello federale e avrebbe una maggioranza confortevole al Bundestag, ma i broker elettorali non ci scommettono. La sola, e molto teorica, coalizione che potrebbe scalzare la Merkel sarebbe una cosiddetta ‘semaforo’ fra Spd, Fdp e Verdi ma data l’emorragia di voti dei Verdi nei sondaggi, mancano i numeri, e lo scenario di una cancelliera sconfitta è salvo improbabili sorprese, del dominio della fantapolitica. Ultimi comizi dei candidati: Steinbrueck, a Francoforte, ha annunciato che il governo ha le ore contate e che la coalizione rosso-verde può farcela. Merkel, fra Berlino e Stralsund, ha chiuso il suo imponente tour di 60 comizi in un mese, dicendo che sarà molto dura e chiedendo “personalmente ai tedeschi di darmi un forte mandato per poter servire la Germania altri quattro anni”. E’ probabile che lo riceverà: resta solo da vedere chi sarà ammesso al suo fianco a governare. (Flaminia Bussotti/ANSA)

Ultima ora

12:56Renzi, c.destra litiga ma sta insieme, noi più seri

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Litigheranno prima, durante e soprattutto dopo, ma il giorno delle elezioni fingeranno di stare insieme per racimolare qualche seggio in più. Tutto legittimo, sia chiaro: ma si tratta di ipocrisia che tutti sanno e tutti fingono di non vedere". Così Matteo Renzi su fb."Su questo punto il Pd è paradossalmente più forte e credibile: la rottura con la sinistra radicale ha amareggiato molti militanti storici, ma ha il pregio di fare chiarezza. E consentirà a tutti noi di fare una campagna elettorale civile e rispettosa, basata sulle idee per l'Italia".

12:55Doping: Froome, mia reputazione non intaccata

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Sono un ciclista professionista, conosco le regole e sono certo: non le ho infrante": Chris Froome ribadisce la sua tesi, dopo la notizia della sua positivita' al salbutamolo. Intervistato dalla BBC a Maiorca, il ciclista del Team Sky spiega quanto detto ieri con un comunicato congiunto con la sua squadra. "Non credo che la mia immagine sia compromessa - dice - Non si tratta di un test positivo: l'Uci mi ha chiesto chiarimenti, daremo tutte le informazioni per spiegare che si tratta di curare una malattia".

12:53Eternit: i processi restano spacchettati

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Cassazione ha dichiarato inammissibili i ricorsi del pg e del pm di Torino contro lo spacchettamento dei processi per la morte di 258 persone a causa dell'amianto Eternit. I processi rimangono quindi incardinati a Torino, Vercelli, Napoli e Reggio Emilia. Confermato anche il "declassamento" dell' accusa da omicidio doloso in omicidio colposo. "Siamo soddisfatti. Avevamo eccepito l'inammissibilità dei ricorsi e la Corte ha deciso in questa direzione", commenta il professor Astolfo Di Amato, avvocato difensore di Stephan Schmidheiny, ex Ad di Eternit Italia, nel processo Eternit bis. "C'erano dei vizi formali", aggiunge. Di diverso parere l'avvocato Massimiliano Gabrielli, dell'Anmil, che parla di "ennesimo regalo a Schmidheiny". "Quando una organizzazione imprenditoriale continua consapevolmente a far soldi sulla pelle della gente - sostiene - bisogna parlare di omicidi volontari, senza se e senza ma...".(ANSA).

12:48Biotestamento: al via dichiarazioni voto, verso ok finale

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Con le dichiarazioni di voto è iniziato in Aula al Senato l'esame del Ddl sul biotestamento. Ieri l'Assemblea di Palazzo Madama ha respinto tutte le proposte emendative. Il via libera definitivo per il testo di legge è atteso entro la mattinata.

12:45Russia: Putin, Artide renderà ricco il Paese

(ANSA) - MOSCA, 14 DIC - L'Artide aiuterà a far crescere "la ricchezza della Russia" perché "è lì che si trovano le risorse": lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin durante la sua conferenza stampa annuale aggiungendo che bisogna però tenere conto della questione ambientale e anche di quella relativa alla sicurezza.

12:42Natale: Meloni,italiani facciamo insieme rivoluzione presepe

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Ho deciso di fare il Presepe quando non lo fa più nessuno, quando nelle scuole dicono che non si può fare perché offende chi crede in un'altra cultura. Continuo a chiedermi come possa un bambino che nasce in una mangiatoia o una famiglia che scappa per difenderlo, offendere qualcuno. Come possa offendere qualcuno la mia cultura. Proprio non me ne faccio una ragione: che si creda in Dio oppure no, in questo simbolo sono raccolti i valori che hanno fondato la mia civiltà. Quello che io sono è in questo simbolo: io credo nel rispetto, nella laicità dello Stato, nella sacralità della vita, nella solidarietà perché me lo ha insegnato questo simbolo". Lo dice il presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni nel video "2 minuti con Giorgia", su Facebook.

12:41Salvini, nessun tavolo con chi protegge stupratori

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Stiamo ricevendo centinaia di telefonate, messaggi, mail di donne e uomini arrabbiati e delusi per l'incredibile scelta di Fi di proteggere stupratori e assassini. Per quanto ci riguarda, sospendiamo le nostre previste partecipazioni a tavoli e incontri con Fi e Berlusconi finché non ci sarà un chiarimento ufficiale". Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini dopo il voto contrario di Fi in comm. giustizia al Senato all'iter veloce per la legge Molteni che nega sconti di pena per reati gravissimi.

Archivio Ultima ora