L’on. Porta in Venezuela per l’inaugurazione del Circolo del Pd

Pubblicato il 23 settembre 2013 da redazione

ROMA. – Tra scossoni interni al governo, acute incertezze sullo scenario futuro dei partiti di maggioranza e pressioni europee mai del tutto sopite, si continua a lavorare su misure concrete e politica reale, come dimostrano le dichiarazione rilasciateci dal deputato del PD Fabio Porta.

L’Onorevole sarà protagonista di un’attesa visita in Sud America la prossima settimana, che toccherà, oltre al nostro Venezuela, Perù e Brasile.

La visita in territorio venezuelano è legata strettamente all’inaugurazione di alcuni circoli ufficiali del PD, “un impegno che dobbiamo al lavoro di Antonella Pinto in particolare, la nostra candidata nelle ultime elezioni ha infatti riportato un risultato straordinario in termini di consensi, che adesso si trasferisce su una continuità all’interno del partito, contando sul coinvolgimento di altre personalità illustri, come Mariano Palazzo, che faranno parte di questo gruppo – che vuole essere di giovani e di persone esperte – e che riporterà il Venezuela al centro delle politiche per gli italiani nel mondo, dopo anni in cui l’Italia ha un po’ trascurato questo grande paese”.

-Il significato del viaggio è dare sostegno e amicizia a chi sta iniziando questo lavoro, ma soprattutto dare alla nostra comunità in Venezuela un riferimento certo nelle istituzioni italiane – ci spiega l’On. Porta – questo è lo spririto del viaggio, che sarà breve ma molto intenso: visiterò Caracas, Maracay, Maracaibo e Valencia, cercando di ripercorrere le tappe della campagna elettorale, poiché, come mia abitudine, ritengo fondamentale mantenere il contatto ed il rapporto costante con gli elettori.

Data la schiarita nei rapporti Venezuela-Italia, a seguito del recente incontro dei vertici politici e della celebrazione della Giornata dell’Amicizia, abbiamo avuto conferma dal parlamentare del Partito Democratico che realmente i nostri due paesi “stanno entrando in una fase nuova, più dettata dalla concretezza e meno dall’ideologia, incentrata sulla consapevolezza delle cose che ci uniscono e che sono sicuramente molte di più di quelle che ci dividono”.

-Prima di tutto il grandissimo patrimonio rappresentato dalla nostra comunità – tiene a sottolineare l’Onorevole – sia per l’Italia che per il Venezuela, per cui il rapporto deve essere priviliegiato, con la stessa comunità come baricentro bilaterale.

A proposito delle preoccupazioni che riguardano la nostra comunità, Fabio Porta si è detto “molto attento e attivo, soprattutto riguardo le difficoltà in cui versano alcune fasce della comunità italo-venezuelana, in particolare gli episodi di sequestri di beni e persone verificatisi negli ultimi anni, che hanno lasciato una sensazione di precarietà e incertezza sul futuro”.

-Ho fatto delle interrogazioni, intervenendo sempre per mantenere alta l’attezione su questo tema – ci ha confermato – senza voler attaccare la diplomazia o il governo, ma evidenziando questa situazione che in Italia non è abbastanza conosciuta.

L’On. Porta ritiene infatti che “il Ministero degli Esteri, i Consolati e gli altri uffici istituzionali preposti dovrebbero essere dotati di maggiori risorse per corrispondere un’attenzione maggiore a questa problematica, che si risolve soprattutto tramite il rapporto con le istituzioni venezuelane”, confermando quanto sia fondamentale il “rafforzamento e miglioramento dei rapporto istituzionali”.

Proprio in occasione della visita della prossima settimana, il Deputato conta infatti di “incontrasi con gli omologhi venezuelani, in qualità di parlamentare, ai quali verrà chiesto di dare maggiore risalto alla tutela dei diritti delle collettività straniere, soprattuta di quella italiana che ha contribuito, e continua a farlo, alla vita socio-economica del paese d’azione e merita maggiore sicurezza”.

-Senza volere criticare nessun governo o istituzione, l’invito è a fare tutti uno sforzo nella stessa direzione – sintetizza l’esponente del Partito Democratico – perché vuol dire crescita, futuro di integrazione sempre maggiore e quindi un Venezuela più forte al fianco dell’Italia.

Risale a pochissimi giorni fa la nota congiunta dei deputati PD che invitava a ponderare più approfonditamente la questione dell’abolizione della circoscrizione estero – soluzione caldeggiata dalla relazione finale della Commisione per le Riforme Costituzionali – motivo per cui abbiamo chiesto a Fabio Porta cosa devono aspettarsi gli italiani residenti all’estero.

-Il documento dei saggi che propone l’abolizione mi sembra la conferma di una certa miopia dell’Italia e della politica italiana in generale rispetto alle collettivita all’estero, da questo punto è un segnale negativo – sono state le parole di Porta – d’altra parte credo che nei prossimi mesi faremo capire al parlamento italiano come, nel suo complesso, la collettività italiana costituisca un fattore di crescita per l’Italia e come la circoscrizione estero possa costituire un rafforzamento di questo fattore.

-La sua abolizione arrecherebbe un danno non solo alla collettività, ma anche all’idea di un’Italia aperta fino in fondo – ha proseguito con convinzione – il voto all’estero come scritto non funziona ed è giusto cambiarlo, ma non si può pensare di gettare “l’acqua sporca insieme al bambino”, bisogna avere la forza, il coraggio e la capacità di cambiare sistema di voto.

Secondo il deputato Porta, infatti, “gli eletti all’estero sono stati elemento di novità ma sopratutto di produttività, per la sopravvivenza di questa funzione c’è ancora speranza, che però non è legata al mantenimento delle cariche, ma punta a cambiare questo atteggiamento provinciale dell’Italia, come dimostrano quei numerosi paesi che copiano il nostro sistema, mentre noi invece tentiamo di eliminare questa bella intuizione”.

Il Partito Democratico e Fabio Porta si confermano quindi in prima linea rispetto alla salvaguardia degli italiani all’estero: “Vogliamo continuare ad essere il più forte riferimento della comunità italiana in Venezuela, lo siamo da sempre e lo abbiamo rivendicato fortemente nelle prime elezione del 2006, con l’elezione dell’On. Mariza Bafile”.

-Continueremo su questa strada – chiosa in conlcusione l’On. Porta – mentre gli altri partiti e movimenti fanno slogan e discorsi campati in aria, noi facciamo atti concreti e questo gli italo-venezuelani lo hanno pouto sperimentare nel corso degli anni.

Lorenzo Di Muro

Ultima ora

14:58Calcio: Wenger, City? ha idee e petrolio

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Le 15 vittorie di fila del Manchester City hanno cancellato uno dei tanti record dell'Arsenal degli 'invincibili' della stagione 2003-2004 e il tecnico di allora, che ancora oggi siede sulla panchina dei Gunners, Arsene Wenger rende merito alla squadra di Guardiola anche se, puntualizza, "Noi a quel tempo avevamo idee, ma non avevamo petrolio e idee, il che li rende ancora più efficienti". In quella stagione 2003-2004, l'Arsenal riuscì a rimanere imbattuta, con 26 vittorie e 12 pareggi, mentre Guardiola ha per il momento 16 vittorie e un pareggio.

14:56Preso Igor, condoglianze premier a Rajoy per agenti uccisi

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Fatto le mie condoglianze a Mariano Rajoy per i due agenti e per il cittadino spagnolo uccisi stanotte nel corso dell'arresto del criminale Igor. Il mio pensiero va alle vittime di Budrio e alle loro famiglie". Lo scrive su twitter il premier Paolo Gentiloni dopo l'arresto in Spagna del killer di Budrio.

14:43Ddl Bolkestein: Lega, per fortuna affossato testo del Pd

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "È stata una lunga battaglia che ci ha visti sempre dalla parte di balneari, ambulanti e di tutte le categorie vessate dall'assurda direttiva Bolkestein. Ieri per fortuna il ddl sui balneari del Pd è stato affossato in commissione e le imprese del settore possono tirare un sospiro di sollievo. La battaglia della Lega continua perché l'obiettivo è quello di cancellare la Bolkestein che impone vincoli inaccettabili. Non vogliamo mettere cappelli sulla vittoria, non è nel nostro stile ma siamo solo molto soddisfatti per il lavoro fatto e soprattutto siamo felici per l'indotto del settore balneare che è al sicuro dalle follie del partito democratico" . Così i senatori della Lega Consiglio Nunziante, Stefano Candiani e Paolo Tosato commentano l'affossamento definitivo del provvedimento con il quale si voleva adottare in Italia la direttiva europea sulle concessioni balneari e per gli ambulanti.

14:36Calcio: Zenga, voglio un Crotone che proponga gioco

(ANSA) - CROTONE, 15 DIC - "Voglio una squadra che proponga gioco e che sappia portare i tifosi della sua parte". Si presenta così alla prima conferenza stampa pregara Walter Zenga, da una settimana alla guida del Crotone. Conferenza mattutina quella di Zenga (che offre la colazione ai giornalisti) nella quale l'allenatore ha spiegato che "è stata una settimana intensa, trascorsa a conoscere l'ambiente, i calciatori, le persone che lavorano per la società e la città. Mi sembra - ha aggiunto - di essere tornato a Catania dove c'è molta familiarità con la società, dove i punti di riferimento a cui rivolgersi sono precisi. Qui c'è un grande senso di appartenenza alla squadra da parte delle persone che lavorano con l'Fc Crotone e dei tifosi. Se uniamo tutte queste componenti possiamo fare un bel lavoro. Io ha precisato Zenga - ci metto la mia passione che voglio trasmettere alla squadra perché coinvolga poi anche il pubblico che deve aiutarci soprattutto nei momenti di difficoltà e non solo quando si gioca bene".

14:32Calcio: Oddo, non sarà l’Inter vista col Pordenone

(ANSA) - UDINE, 15 DIC - "Scordatevi la gara con il Pordenone". Il tecnico dell'Udinese Massimo Oddo, che domani andrà a fare visita all'Inter, non vuole fare paragoni con l'impresa sfiorata in settimana in Coppa Italia dai 'ramarri'. "Il Pordenone ha fatto una partita eccezionale. Complimenti a Leo Colucci. Ma quella - rimarca - è un'altra situazione. Sarà un'altra gara. E' un'altra squadra, un'altra impostazione, un altro approccio alla gara. Domani sarà difficile, affrontiamo la prima della classe. Andiamo a Milano con gran rispetto, consapevoli di affrontare una delle squadre più in forma del campionato. Ma ci sono sempre tre punti in palio". Oddo avrà a disposizione Lasagna, Perica e Behrami. "Tutti convocati e disponibili, anche se Behrami non ha ancora i 90' nelle gambe", precisa il tecnico che dovrà rinunciare a Samir e Angella.

14:32Maltempo: circolazione treni ferma alle porte di Sassari

(ANSA) - CAGLIARI, 15 DIC - Circolazione dei treni ferma nel Nord Sardegna a causa del maltempo, che sta colpendo l'Isola con abbondanti piogge e forte vento. Dalle 12:20 è bloccata la linea ferrata tra Sassari e Scala di Giocca, alle porte del capoluogo turritano. I convogli, infatti, non possono transitare a causa dell'allagamento di un tratto di quattro chilometri: attualmente non ci sono treni fermi sulla linea, ma solo un convoglio che è rimasto nella stazione di Sassari. Trenitalia sta verificando la possibilità di prevedere autobus sostitutivi per i passeggeri rimasti nelle stazioni. (ANSA).

14:29Di Maio, Boschi è un conflitto di interesse vivente

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Il fatto che Boschi, che era ed è parte potente del governo, si fosse premurata in quegli anni di andare da Unicredit o da Consob per occuparsi della banca del padre è deplorevole ed è conflitto di interesse". Lo ha detto Luigi Di Maio a Radio anch'io, su RadioRai1. "E' come sparare sulla Croce Rossa - ha aggiunto - non è un ministro ma un conflitto di interesse vivente".

Archivio Ultima ora