Pressing dei partiti sul governo. Letta: “Telecom Italia è privata”

Pubblicato il 24 settembre 2013 da redazione

ROMA  – E’ bipartisan il grido di dolore che si alza dal Parlamento sul passaggio del controllo di Telecom e Alitalia ad aziende straniere. Tanto i partiti di maggioranza quanto quelli di opposizione, hanno tutti chiesto al Governo di riferire in Aula, cosa che avverrà martedì, mentre oggi i riflettori saranno accesi sul Senato, dove era in programma una audizione di Bernabè. E mentre c’é chi riesuma la golden share, il premier Enrico Letta, in un duro botta e risposta con l’ex premier Massimo D’Alema(che fu uno degli artefici della privatizzazione di Telecom), ricorda che si parla di aziende private.

Tutta la gamma delle parole che esprimono un giudizio negativo sull’operazione Telecom sono state usate dai maggiori dirigenti politici: ”disastro” (Fabrizio Cicchitto, Gennaro Migliore), ”preoccupante” (Roberto Speranza, Renato Schifani), ”allarme” (Altero Matteoli). In ogni caso i capigruppo di Pd, Pdl e Sel, Speranza, Renato Brunetta e Migliore chiedono un chiarimento parlamentare allo stesso premier Letta.

E martedì mattina il premier alle 10,30 interverrà alla Camera. ‘

– Guardiamo, valutiamo, vigileremo sul fronte occupazionale, ma bisogna ricordare che Telecom é una società privata e siamo in un mercato europeo – dice. Letta poi sembra puntare il dito contro l’imprenditoria italiana:

– Telecom è stata privatizzata, e di tutte le privatizzazioni italiane non credo sia stata uno dei più grandi successi. Quindi anche se arrivassero dei capitali europei credo che ciò potrebbe aiutare Telecom a essere migliore rispetto agli ultimi 5 anni.

Massimo D’Alema si è sentito chiamato in causa e ha replicato:

– Non ho venduto nessuna azienda. Telecom era già privatizzata ed è stata acquistata con una opa sul mercato. E in ogni caso la decisione fu presa con il ministro del Tesoro, cioè Carlo Azeglio Ciampi.

Brunetta ha osservato che ”è proprio la mancanza di dettagli e di chiarezza che alimenta le preoccupazioni”. Al di là della questione dell’italianità ciò che provoca dubbi è la capacità di Telefonica, oberata di debiti (come sottolineano Cicchitto, Luigi Zanda e i deputati di M5s), di investire nella rete e nelle infrastrutture in Italia. Paradossalmente oggi è il Pdl, con Gasparri e Brunetta, a rilanciare lo scorporo della Rete e la sua acquisizione da parte di Cassa depositi e prestiti, su cui gridarono allo scandalo nel 2006 quando esso fu proposto dal consigliere dell’allora premier Romano Prodi, Angelo Rovati.

Anche Linda Lanzillotta chiama in campo Cdp e invita Enrico Letta a esercitare la golden share, così come l’ex ministro Mario Landolfi (Pdl). Anche Pierluigi Bersani invita a ricorrere a tutti ”gli strumenti giuridici per assicurare uno sviluppo di questo asset”. Beppe Grillo chiede invece al governo di rinazionalizzare Telecom con i soldi ricavati dalla rinuncia alla Tav. C’è poi una preoccupazione sui livelli occupazionali, di cui si sono fatti interpreti Matteo Colaninno, responsabile economia del Pd e Luciano Uras (Sel).

E non manca la polemica politica. Il Pd, con Zanda e Michele Meta, accusa il centrodestra di non aver avuto delle politiche industriali, quando era al governo. Zanda poi parla di ”sciagurata disinvoltura con cui nel 2008 sono stati buttati al vento cinque miliardi di euro dal Governo Berlusconi” su Alitalia. E d’altra parte Maurizio Sacconi attacca il ministro Pd Flavio Zanonato per ”l’incredibile sottovalutazione” della vicenda Telecom.

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora