La Roma in vetta alla classifica Il Sassuolo blocca il Napoli

Pubblicato il 25 settembre 2013 da redazione

ROMA – Dopo cinque giornate, c’è una sola squadra in testa alla Serie A. E’ la Roma, che nel turno infrasettimanale passa 2-0 sul campo della Sampdoria e resta a punteggio pieno, a differenza del Napoli, bloccato a sorpresa sull’1-1 dal Sassuolo e raggiunto al secondo posto anche dalla Juventus, che espugna 2-1 in rimonta il campo del Chievo.

A Marassi i Giallorossi, come in tutte le precedenti quattro partite, risolvono la sfida nel secondo tempo. Dopo una grande parata nel primo tempo di De Sanctis sul tiro di Gabbiadini, la squadra di Garcia – espulso sullo 0-0 – sblocca il risultato con il primo gol del difensore marocchino Benatia, protagonista di uno splendido slalom. Nel finale si sblocca anche Gervinho, che sfrutta alla perfezione un assist di Totti (inizialmente tenuto in panchina) e mette al sicuro il risultato: per la Roma è la quinta vittoria di fila, mai i Giallorossi avevano ottenuto un simile avvio in campionato.

Al San Paolo la sfida tra un Napoli a punteggio pieno e un Sassuolo finora sempre sconfitto sembrava segnata. Anche perché dopo 14 minuti i Partenopei di Benítez sbloccano il risultato con un gran gol del centrocampista svizzero Dzemaili; ma la squadra di Di Francesco conquista un insperato primo punto con il gol di Zaza, che beffa Reina con un sinistro da posizione defilata.

Aggancia il Napoli la Juve, che fatica ma vince al Bentegodi. La squadra di Sannino va al riposo in vantaggio con il gol di Théréau, ma a inizio ripresa Quagliarella riporta in equilibrio l’incontro. Ad Alberto Paloschi viene annullato un gol per fuorigioco ed è un’autorete di Bernardini a regalare il successo ai campioni d’Italia di Antonio Conte.

Come contro il Torino, il Milan pareggia in extremis sul campo del Bologna. I Rossoneri al Dall’Ara vanno in vantaggio con Poli, al secondo gol in campionato, ma sono trafitti dalla doppietta di Diego Laxalt, e dal guizzo dell’attaccante argentino Cristaldo. La squadra di Allegri, però, ha un sussulto nel finale: prima accorcia le distanze con Robinho, poi nel recupero trova il definitivo 3-3 con Abate. A pochi secondi dalla fine, traversa di Diamanti.

Dopo il ko nel derby, torna al successo la Lazio, che all’Olimpico piega 3-1 il Catania. Un errore di Andújar, portiere argentino dei siciliani, propizia il vantaggio del brasiliano Ederson. Ma un altro errore, stavolta dell’albanese Cana, porta al pareggio ospite con Barrientos. I Biancocelesti fanno comunque loro la sfida con i centri di Lulić e Hernanes, entrato dalla panchina.

Pareggiano 1-1 Livorno e Cagliari, con Ibarbo che risponde per i sardi al vantaggio labronico realizzato dal capitano Luci. Un punto a testa anche per Torino ed Verona, che impattano 2-2, mentre il Parma piega l’Atalanta imponendosi 4-3 al termine di una sfida thrilling.

Ultima ora

13:02C.destra: Cassano ufficializza rientro in Forza Italia

(ANSA) - BARI, 22 LUG - "Ho provato a convincere il mio ex partito che doveva uscire dal governo e che doveva soprattutto schierarsi con il centrodestra. Non è stato fatto. L'ho chiesto più volte e quando ho capito che non c'era questa volontà ho deciso di uscire". Così il senatoreßMassimo Cassano ha ufficializzato oggi a Bari il suo rientro in Forza Italia. L'ex sottosegretario al Lavoro del governo Gentiloni è intervenuto in conferenza stampa con il coordinatore di Fi in Puglia, l'on. Luigi Vitali, spiegando le ragioni che lo hanno portato ad allontanarsi da Angelino Alfano e riavvicinarsi a Silvio Berlusconi. "L'obiettivo ora - ha aggiunto Cassano - è di rimettere insieme i moderati che in Puglia come in Italia sono la maggioranza degli elettori. Vederli divisi, incapaci di dialogare mi ha spinto nei mesi scorsi al tentativo di creare condizioni diverse, più favorevoli, ma non ci sono riuscito. Così ho detto stop. Ora dobbiamo rimettere in piedi quello che era il motore del centrodestra".

12:55Siria: Mosca, firmati accordi zona de-escalation Ghouta est

(ANSA) - MOSCA, 22 LUG - Sono stati firmati gli accordi sul funzionamento della zona di de-escalation del Ghouta orientale, in Siria: lo riferisce il ministero della Difesa di Mosca, secondo cui i documenti sono stati siglati "dopo colloqui al Cairo tra i rappresentati del Ministero della Difesa russo e dell'opposizione siriana con la mediazione della parte egiziana sullo sviluppo dei trattati di Astana". Da Mosca spiegano che "i documenti fissano i confini della zona di de-escalation, le aree di schieramento e i poteri delle forze di controllo, nonché i percorsi per la fornitura di aiuti umanitari e per il libero movimento dei civili". "Il primo convoglio di aiuti umanitari per la zona di de-escalation e l'evacuazione dei feriti sono previsti nei prossimi giorni", dichiara il ministero della Difesa russo.

12:54Carceri: prete porta audioteca per i detenuti di Marassi

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Si chiama 'joybox', il 'jukebox della gioia', la prima audioteca realizzata all'interno del carcere di Marassi. L'idea è di don Roberto Fiscer, fondatore e anima di Radio tra le note, la prima web radio parrocchiale della diocesi di Genova. "La musica è speciale - ha detto il prete - e annulla ogni differenza e ogni problema: quando sono con i detenuti mi sento vicino e come loro e gioisco con loro". Ogni giovedì pomeriggio, per tre ore, il giovane sacerdote entra nel carcere con i suoi lettori audio grazie ai quali i detenuti possono ascoltare le musiche che gli hanno chiesto la settimana prima. Sono previsti tre turni da un'ora ciascuno nei quali i detenuti si alternano nell'ascolto. "È commovente vedere come anche le persone apparentemente più dure si sciolgono ascoltando le musiche dei loro paesi e nella loro lingua". È per questo che, ogni settimana, don Roberto varca il cancello di Marassi con i lettori audio pieni di musiche dei paesi dell'Est Europa, del Sud America, del Nord Africa. "Grazie a questa iniziativa si è creato un bellissimo rapporto con molti detenuti e uno di loro, in particolare, mi aiuta a raccogliere i titoli delle canzoni per la settimana successiva. È un progetto in linea con il desiderio di papa Francesco di essere presenti nelle periferie e vuole essere un piccolo segnale dell'amore e della presenza di Dio che passa anche attraverso la musica. È anche un'occasione terapeutica per i detenuti che, in questo modo, possono provare emozioni e sentimenti positivi". (ANSA).

12:44Terremoto:Ingv,attenzione alta per sismicità superiore media

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - "L'attenzione resta alta perchè i livelli di sismicità nell'area sono superiori alla media". Lo ha affermato all'ANSA il direttore del Centro nazionale terremoti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), Salvatore Stramondo, in relazione al sisma di magnitudo 4.2 verificatosi alle ore 4:13 tra le province di L'Aquila e Rieti. Dal sisma che ha colpito Amatrice lo scorso 24 agosto, ha sottolineato l'esperto, "nel centro-Italia abbiamo registrato 61 eventi sismici, incluso quello di oggi, con magnitudo tra 4 e 5. Dunque - ha avvertito - non si possono escludere altre scosse di magnitudo analoga nell'area". Il sisma di oggi, chiarisce, "rientra nella stessa sequenza iniziata lo scorso agosto col terremoto che ha colpito Amatrice, si tratta cioè della stessa faglia e non c'è, dunque, un nuovo fronte che si apre". (ANSA).

12:31Terremoto: sisma sentito in tutto il Reatino,gente in strada

(ANSA) - RIETI, 22 LUG - È stata avvertita in tutto il Reatino, e in particolare nelle zone colpite dal terremoto della scorsa estate, la scossa di magnitudo 4.2 registrata dall'Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) alle 4:13 di questa mattina con epicentro tra Amatrice (Rieti) e Campotosto (L'Aquila). Molta la gente che è scesa in strada e ha commentato sui social il nuovo evento sismico, il più alto registrato negli ultimi mesi nelle zone già interessate dalla sequenza sismica del 24 agosto e del 30 ottobre 2016. Molta la paura, sopratutto per l'intensità e la durata della scossa, ma al momento non si segnalano danni. In tutti i comuni del Reatino prossimi all'epicentro del sisma sono comunque in corso verifiche di stabilità con particolare attenzione agli edifici pubblici già lesionati dal terremoto.(ANSA).

12:27Interpol, 173 kamikaze Isis pronti ad attacchi in Europa

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - L'Interpol ha ricevuto una lista di 173 militanti dell'Isis che sarebbero stati addestrati per organizzare attacchi suicida in Europa per vendicarsi delle sconfitte militari del gruppo in Medio Oriente. Lo scrive in esclusiva il Guardian online, secondo cui la lista sarebbe stata stilata dall'intelligence Usa in base ad informazioni raccolte in Siria e in Iraq. Secondo il quotidiano britannico nulla dimostra per il momento che i jihadisti, di cui il Guardian ha ottenuto i nomi, siano penetrati sul territorio europeo, ma Interpol sottolinea l'entità della sfida cui l'Europa deve rispondere. Nella lista, ottenuta dall'Fbi e resa nota dal segretario generale di Interpol il 27 maggio, i jihadisti in questione vengono definiti come individui "che potrebbero essere stati addestrati per costruire e piazzare ordigni esplosivi in modo da causare numerosi morti e feriti. Si ritiene che possano viaggiare internazionalmente, per partecipare ad attività terroristiche".

12:26Sequestrata a Sanremo villa da 700 mila euro

(ANSA) - SANREMO (IMPERIA), 22 LUG - Squadra mobile e Guardia di finanza di Imperia coordinati dalla Direzione investigativa antimafia di Genova e Reggio Calabria hanno sequestrato una villa a due piani con adiacente terreno del valore complessivo di circa 700 mila euro appartenente a Vincenzo Sergi, 55 anni, originario di Rosarno (Reggio Calabria). Si tratta dell'esecuzione di un provvedimento patrimoniale emesso dalla sezione Misure di Prevenzione del tribunale di Imperia, che ha origine da una proposta delle Procure di Imperia e Reggio Calabria sulla scorta di accertamenti demandati al Centro operativo Dia reggino. Con provvedimento, divenuto definitivo nel marzo 2007, Sergi era già stato sottoposto a tre anni di sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno, misura rinnovata con altro analogo decreto di pari durata divenuto definitivo nel dicembre 2011, perché ritenuto abitualmente dedito a traffici illeciti. Sergi era già stato condannato in via definitiva per reati contro il patrimonio. Gli investigatori hanno scoperto che l'uomo disponeva di beni in valore sproporzionato, rispetto ai redditi dichiarati Da qui il sequestro dell'immobile. (ANSA).

Archivio Ultima ora