Il Cav mette all’angolo le colombe: “Letta faccia un altro governo”

Pubblicato il 26 settembre 2013 da redazione

ROMA – Se Letta ha i numeri per andare avanti facendo un governo con i grillini, si accomodi pure noi andremo all’ opposizione. Silvio Berlusconi lo ha ribadito, mettendo all’angolo le ‘colombe’, ai big del Pdl che da ieri mattina fanno la spola tra i Palazzi e via del Plebiscito in un vero e proprio caminetto di guerra permanente. Raccontano che la rabbia del Cavaliere sia incontenibile per gli affondi di Giorgio Napolitano, ma anche per la freddezza del premier Enrico Letta.

L’ex capo del governo – fanno sapere i fedelissimi – questa volta è pronto ad andare fino in fondo, pronto anche ad una crisi di governo: A cosa è servito essere responsabili se tanto il Pd con il silenzio di Napolitano ha pianificato la mia fine politica? Ecco perchè da palazzo Grazioli nonostante non si chiudano le porte ad eventuali trattative (non è un caso che l’ex premier non ha intenzione di lasciare Roma) il messaggio fatto filtrare all’esterno lascia poco spazio ad interpretazioni: senza garanzie per Berlusconi non possiamo continuare a stare nella maggioranza. Garanzie che si basano su due punti: la non decadenza da senatore e la non retroattività della legge Severino.

Il Cavaliere si sente in un certo senso ‘tradito’, raccontano fonti pidielline, dal presidente della Repubblica che non avrebbe dato seguito ad alcune rassicurazioni fatte prima della formazione del governo che avrebbero garantito la stabilità politica: E’ Napolitano a volere la crisi e noi andremo fino in fondo. Ecco perchè avendo la consapevolezza di non avere alleati e temendo l’arrivo di nuovi avvisi di garanzia dalle procure, Milano in testa, l’ex capo del governo sembra disposto a giocarsi il tutto per tutto accelerando la fine della legislatura.

Un Berlusconi insomma determinato che, sulla carta, può contare su un gruppo parlamentare compatto. Quasi tutti i deputati e i senatori hanno firmato la lettera di dimissioni a sostegno del Cavaliere. E la replica ufficiale al Capo dello Stato viene affidata ad un nota congiunta dei due capigruppo:

“La definizione di ‘colpo di Stato’ e di ‘operazione eversiva’ non è ‘inquietante’ ma è invece assolutamente realistica e pienamente condivisibile”, ribadiscono Brunetta e Schifani a Napolitano.

L’annuncio delle dimissioni di massa era saltato fuori l’altra sera nel corso dell’assemblea dei gruppi. E, stando ad alcuni, ha rappresentato un modo anche per tenere compatto il partito. La decisione però di accelerare la raccolta delle firme è arrivata dopo la dura nota del Capo dello Stato. Pare infatti che da via del Plebiscito sia partito l’ordine di scuderia di sbrigare velocemente le pratiche per dare il via immediato alla raccolta delle firme. Gli uomini più fidati del Cavaliere lo hanno poi avvertito: se non andiamo fino in fondo il gruppo non lo teniamo più. Già perchè calata la tensione per le accuse del Colle, nei capannelli in Transatlantico molti deputati si interrogavano su quale sarebbe stato l’atteggiamento dell’ex premier nel momento in cui Letta si dovesse presentare alle Camere per chiedere una nuova fiducia:

– Se dovessimo votare a favore – dicevano in diversi – allora un secondo ritiriamo la lettera di dimissioni. Non possiamo sostenere una figura del genere.

Altro motivo di malumore è legato all’atteggiamento dei ministri: se dobbiamo esporci – è il refrain dei deputati pidiellini – loro non possono tirarsi indietro. L’ex capo del governo però appare determinato e non è un caso che abbia dato il via libera alla kermesse a piazza Farnese in concomitanza con il voto in giunta previsto per il 4 ottobre. Un modo per lanciare ufficialmente Forza Italia ma anche, confida qualcuno, per avviare la campagna elettorale.

Ultima ora

19:04Reporter Welt arrestato, Berlino convoca amb. Turchia

(ANSA) - BERLINO, 28 FEB - Il ministro degli Esteri tedesco, Sigmar Gabriel, ha convocato l'ambasciatore turco a Berlino per il caso del reporter tedesco della Welt, Deniz Yucel, fermato in Turchia 14 giorni fa e di cui ieri il giudice ha convalidato l'arresto.

18:59Pd: Silvia Prodi, io non iscritta ma indipendente

(ANSA) - BOLOGNA, 28 FEB - "Non ho mai cambiato idea, sono sempre quella, quand'ero in campagna elettorale sono andata a Roma con la Cgil a manifestare contro il Jobs Act e ho fatto la campagna elettorale per il No". Silvia Prodi, nipote dell'ex premier Romano, spiega l'adesione a Dp, il nuovo movimento separatosi dal Partito Democratico. "In realtà non sono iscritta al Pd - precisa - mi sono candidata alle scorse elezioni come indipendente e il Pd mi ha ospitato come tale. In questa fase continua la mia collaborazione, però porterò le istanze del movimento dei democratici-progressisti". "Quella di Dp sarà una politica che avrà il lavoro come perno - aggiunge Prodi - con una primissima piattaforma che prevede l'adesione al referendum promosso dalla Cgil". L'alleanza in Regione però per il momento non sembra correre rischi: "Ho già parlato col presidente Bonaccini, per me il centro-sinistra è proprio paradigma di quello che potrebbe essere un buon governo, ma se ci saranno punti di criticità non mancheremo di farli rilevare".(ANSA).

18:58Pd: Emiliano, da segretario ricucirò su scissione

(ANSA) - ROMA, 28 FEB - "Se dovessi diventare segretario del Pd cercherò di riunire il centro sinistra, dal centro del cattolicesimo democratico alla sinistra. E la prima cosa che farò è riportare a casa la scissione che è stata voluta dal segretario uscente per liberarsi di ogni opposizione. E poi mi piacerebbe costruire un rapporto leale, collaborativo, con il Movimento 5 Stelle: certo, non aiuta il fatto che con il Pd i Cinque stelle siano spesso offensivi". Lo dice Michele Emiliano, presidente della Puglia e candidato alla segreteria Pd, in un'intervista a SkyTg24. "Se Renzi vince non solo resto nel Pd ma lo marco e come lui si distrae gliene dico di tutti i colori. Non farò l'opposizione all'acqua di rose fatta da qualche suo ministro o collaboratore ma un'opposizione dritto per dritto", aggiunge. "Ma io - sottolinea - sono un fortunato e vincerò".

18:57Calcio: Sampdoria respinge richiesta Cassano

(ANSA) - GENOVA, 28 FEB - La Sampdoria ha detto no alla richiesta di Antonio Cassano di potersi allenare con la Primavera blucerchiata fino a giugno. Nell'intesa raggiunta tra calciatore e club doriano nel giorno della rescissione era stata concessa a Cassano questa possibilità fino a fine febbraio, ovvero fino alla scadenza dei termini per gli svincolati di trovare una squadra. Al momento, il giocatore barese non ha trovato una nuova collocazione.

18:47Studentessa morta, condannati due scippatori

(ANSA) - ROMA, 28 FEB - Condanne rispettivamente a due anni e ad un anno e mezzo di reclusione per i due nomadi che il 5 dicembre dello scorso anno derubarono una studentessa cinese, Zhang Yao, prima che questa, nel tentativo di recuperare la refurtiva, venisse travolta ed uccisa da un treno. La sentenza è stata emessa, previo patteggiamento della pena, dal gup Tamara De Amicis. I due imputati, Seferovic Sherif e Gianfranco Ramovic, entrambi ventenni e residenti nel campo nomadi di via Salviati, dovevano rispondere di furto con strappo. Sherif, condannato a due anni di reclusione, è tornato in libertà, mentre Ramovic (un anno e mezzo) resta ai domiciliari per effetto dei precedenti penali. "A fronte di quanto accaduto - ha commentato l'avvocato Gianluca Nicolini, difensore di Sherif - il ragazzo ha tenuto un comportamento corretto, rientrando in Italia e assumendosi le proprie responsabilità di fronte alla giustizia".

18:47Birmania: scontri con gruppi ribelli

(ANSA) - BANGKOK, 28 FEB - Scontri tra l'esercito birmano e diversi gruppi ribelli riuniti in un'offensiva comune hanno causato almeno 160 morti negli ultimi tre mesi nello stato Shan, nel nord-est del Paese, al confine con la Cina. Lo ha ammesso il generale Mya Tun Oo, capo di stato maggiore delle forze armate, mentre si avvicina la una seconda tornata di negoziati di un processo di pace che però parte con mille incognite. Da fine novembre, ha detto Mya Tun Oo, scontri con un'alleanza di gruppi ribelli delle etnie Kachin, Shan e Wa hanno ucciso 74 soldati, 15 poliziotti, 13 miliziani governativi e 13 civili, oltre ad almeno 45 ribelli, vicino alla città di Muse. I gruppi coinvolti sono tra i sette che negli ultimi anni non hanno firmato il cessate il fuoco introdotto dal precedente governo di Thein Sein, e si rifiutano di farlo anche ora che al potere c'è di fatto Aung San Suu Kyi, plenipotenziaria del governo del suo fedelissimo Htin Kyaw. Proprio oggi era in programma l'apertura della seconda tornata di negoziati

18:46Incidenti stradali: auto investe cinghiale, morto conducente

(ANSA) - PIACENZA, 28 FEB - Ha investito un cinghiale che ha improvvisamente attraversato la strada, poi la vettura si è schiantata contro un muretto e il conducente è morto poco dopo l'arrivo con l'eliambulanza all'ospedale Maggiore di Parma. La vittima è un uomo di 75 anni, Sergio Droghi; l'incidente è avvenuto poco prima delle 7 vicino a Borgonovo, in provincia di Piacenza. L'uomo era alla guida di una Fiat 16 e percorreva la provinciale della Valtidone, quando all'improvviso ha impattato contro un cinghiale. La vettura, senza controllo, si è schiantata contro un muretto vicino a un'abitazione. I vigili del fuoco hanno impiegato oltre un'ora per estrarlo dall'abitacolo. I rilievi sono stati eseguiti dai carabinieri della Compagnia di Piacenza. (ANSA).

Archivio Ultima ora