Il Cav mette all’angolo le colombe: “Letta faccia un altro governo”

Pubblicato il 26 settembre 2013 da redazione

ROMA – Se Letta ha i numeri per andare avanti facendo un governo con i grillini, si accomodi pure noi andremo all’ opposizione. Silvio Berlusconi lo ha ribadito, mettendo all’angolo le ‘colombe’, ai big del Pdl che da ieri mattina fanno la spola tra i Palazzi e via del Plebiscito in un vero e proprio caminetto di guerra permanente. Raccontano che la rabbia del Cavaliere sia incontenibile per gli affondi di Giorgio Napolitano, ma anche per la freddezza del premier Enrico Letta.

L’ex capo del governo – fanno sapere i fedelissimi – questa volta è pronto ad andare fino in fondo, pronto anche ad una crisi di governo: A cosa è servito essere responsabili se tanto il Pd con il silenzio di Napolitano ha pianificato la mia fine politica? Ecco perchè da palazzo Grazioli nonostante non si chiudano le porte ad eventuali trattative (non è un caso che l’ex premier non ha intenzione di lasciare Roma) il messaggio fatto filtrare all’esterno lascia poco spazio ad interpretazioni: senza garanzie per Berlusconi non possiamo continuare a stare nella maggioranza. Garanzie che si basano su due punti: la non decadenza da senatore e la non retroattività della legge Severino.

Il Cavaliere si sente in un certo senso ‘tradito’, raccontano fonti pidielline, dal presidente della Repubblica che non avrebbe dato seguito ad alcune rassicurazioni fatte prima della formazione del governo che avrebbero garantito la stabilità politica: E’ Napolitano a volere la crisi e noi andremo fino in fondo. Ecco perchè avendo la consapevolezza di non avere alleati e temendo l’arrivo di nuovi avvisi di garanzia dalle procure, Milano in testa, l’ex capo del governo sembra disposto a giocarsi il tutto per tutto accelerando la fine della legislatura.

Un Berlusconi insomma determinato che, sulla carta, può contare su un gruppo parlamentare compatto. Quasi tutti i deputati e i senatori hanno firmato la lettera di dimissioni a sostegno del Cavaliere. E la replica ufficiale al Capo dello Stato viene affidata ad un nota congiunta dei due capigruppo:

“La definizione di ‘colpo di Stato’ e di ‘operazione eversiva’ non è ‘inquietante’ ma è invece assolutamente realistica e pienamente condivisibile”, ribadiscono Brunetta e Schifani a Napolitano.

L’annuncio delle dimissioni di massa era saltato fuori l’altra sera nel corso dell’assemblea dei gruppi. E, stando ad alcuni, ha rappresentato un modo anche per tenere compatto il partito. La decisione però di accelerare la raccolta delle firme è arrivata dopo la dura nota del Capo dello Stato. Pare infatti che da via del Plebiscito sia partito l’ordine di scuderia di sbrigare velocemente le pratiche per dare il via immediato alla raccolta delle firme. Gli uomini più fidati del Cavaliere lo hanno poi avvertito: se non andiamo fino in fondo il gruppo non lo teniamo più. Già perchè calata la tensione per le accuse del Colle, nei capannelli in Transatlantico molti deputati si interrogavano su quale sarebbe stato l’atteggiamento dell’ex premier nel momento in cui Letta si dovesse presentare alle Camere per chiedere una nuova fiducia:

– Se dovessimo votare a favore – dicevano in diversi – allora un secondo ritiriamo la lettera di dimissioni. Non possiamo sostenere una figura del genere.

Altro motivo di malumore è legato all’atteggiamento dei ministri: se dobbiamo esporci – è il refrain dei deputati pidiellini – loro non possono tirarsi indietro. L’ex capo del governo però appare determinato e non è un caso che abbia dato il via libera alla kermesse a piazza Farnese in concomitanza con il voto in giunta previsto per il 4 ottobre. Un modo per lanciare ufficialmente Forza Italia ma anche, confida qualcuno, per avviare la campagna elettorale.

Ultima ora

13:23Alpinismo: morto Abram, fu sul K2 nel 1954

(ANSA) - BOLZANO, 17 GEN - E' morto Erich Abram alpinista altoatesino: era l'ultimo componente della spedizione italiana sul K2 del 1954 ancora in vita. Ne ha dato notizia il Club alpinistico italiano Cai. Abram era nato a Vipiteno nel 1922. Il sodalizio che lo ebbe come socio onorario lo ricorda come un uomo "di carattere schivo e lontano dalle scene mediatiche". Abram (a destra nella foto) è deceduto in serenità la notte scorsa.

13:18Maltempo: sindaca Monsampietro Morico guida spazzaneve

(ANSA) - FERMO, 17 GEN - "Abbiamo alcune zone senza elettricità, quasi un metro di neve e le strade bloccate". Lo dice Romina Gualtieri, sindaca di Monsampietro Morico, 700 abitanti, uno dei Comuni terremotati delle Marche ora stretti nella morsa del maltempo. "Un'emergenza - racconta telefonicamente - che si aggiunge all'emergenza", tanto che la prima cittadina si è dovuta alternare alla guida del mezzo spazzaneve del Comune ("il trattoretto" lo chiama), con "il nostro unico dipendente", mentre il gruppo comunale della Protezione civile "sta rimuovendo dalla strada piante e alberi schiantanti dal peso della neve". Con gli sfollati "tutti in B&B nei pressi", è la viabilità notturna il problema principale, "con varie strade provinciali invase dalla neve e molti automezzi, anche attrezzati con catene e tutto il resto, bloccati o finiti di traverso. "Stiamo lavorando da 24 ore ininterrottamente - aggiunge Gualtieri - per soccorrere i conducenti e tirarli fuori".

13:15Saluto nazista a corteo pakistani, Daspo a 4 ultras

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - Il questore di Brescia ha disposto il provvedimento di D.a.spo con divieto di accesso in tutti gli stadi e gli impianti sportivi nel territorio nazionale in occasione di tutti gli incontri di calcio, oltre ai luoghi di transito e trasporto di partecipanti a manifestazioni sportive, per quattro ultras appartenenti alla "Curva nord Brescia". Il provvedimento - spiega la Questura - è scaturito da un comportamento tenuto dai quattro in occasione di una manifestazione religiosa, l'11 dicembre per le vie della città. Al passaggio di un corteo che aveva visto la partecipazione di 5000 appartenenti alla comunità pakistana, i quattro erano usciti da un pub, inveendo con cori razzisti e gesta offensive. In particolare, era stato fatto il saluto nazista in direzione degli stranieri, oltre al gesto del dito medio e frasi come "botte, botte, botte".

13:13Incendi Genova: 300 sfollati e tre scuole chiuse

(ANSA) - GENOVA, 17 GEN - Oltre ai quasi 300 sfollati dal quartiere Orizzonte di Pegli ci sono tre scuole chiuse in Val Varenna perché minacciate dalle fiamme. La decisione di non far svolgere le lezioni è stata presa autonomamente dai dirigenti scolastici. Lo rende noto l'assessore comunale alla Scuola Pino Boero. Le scuole sono la scuola dell'infanzia Val Varenna, la scuola media Alessi e il liceo Mazzini in piazza Bonavino. Sempre in Val Varenna due persone sono state sfollate dalla loro abitazione e ricoverate in ospedale. Tra Pegli e la Val Varenna operano 4 Canadair, un elicottero, 40 volontari e squadre di vigili del fuoco di Genova e provenienti in rinforzo da Milano, Emilia Romagna, Torino e Alessandria.

13:05Cucchi: omicidio preterintenzionale per 3 carabinieri

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - La procura di Roma ha chiuso l'inchiesta bis sulla morte di Stefano Chcchi (22 ottobre 2009) e ha contestato l'accusa di omicidio preterintenzionale ai tre carabinieri che lo arrestarono il 15 ottobre. I tre sono ritenuti responsabili del pestaggio del giovane geometra. Per altri due carabinieri sono ipotizzati i reati di calunnia e di falso.

13:03Trump: media, continuerà uso Twitter personale dopo venerdì

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il presidente eletto Donald Trump manterrà il suo account Twitter personale ed altri social media dopo il suo insediamento venerdì: lo hanno detto alla Nbc funzionari del suo team di transizione. Non e' chiaro ancora tuttavia, scrive l'emittente sul suo sito, come verranno gestiti gli account ufficiali '@POTUS' E '@FLOTUS', rispettivamente assegnati al presidente degli Stati Uniti e alla First Lady.

13:03Maltempo: allerta per innalzamento livello mare in E-R

(ANSA) - BOLOGNA, 17 GEN - La protezione civile dell'Emilia-Romagna ha attivato la fase di attenzione per 'evento costiero' (innalzamento del livello del mare con possibile inondazione) per i comuni della costa dell'Emilia-Romgna valida fino a mezzanotte di oggi. L'allerta riguarda: San Mauro Pascoli (Fc), Cesenatico (Fc), Gatteo (Fc), Savignano sul Rubicone (Fc), Cattolica (Rn), Riccione (Rn), Rimini (Rn), Bellaria-Igea Marina (Rn), Misano Adriatico (Rn), Cervia (Ra), Ravenna (Ra), Comacchio (Fe), Codigoro (Fe), Goro (Fe). Secondo l'allerta, condizioni di forte ventilazione da nord-est sul mare Adriatico determineranno condizioni di altezza dell'onda superiore ai valori di soglia sottocosta (3 metri), con possibilità di ingressioni marine. Per il vento e lo stato del mare resta in vigore l'allerta cominciata ieri e valida fino alle 24 di mercoledì. Possono verificarsi - viene spiegato - mareggiate con fenomeni di erosione dell'arenile e locali danni agli stabilimenti balneari.(ANSA).

Archivio Ultima ora