Gay, bufera su Barilla: sul web parte il boicottaggio

Pubblicato il 26 settembre 2013 da redazione

ROMA – Può uno dei pochi simboli unificanti dell’Italia come la pasta diventare fattore di divisione e furibonda polemica? E’ quello che è successo ieri, dopo che Guido Barilla, nel corso di una trasmissione radiofonica, ha detto che non farebbe mai uno spot con una famiglia omosessuale. Parole che hanno innescato la miccia, con la comunità gay che ha invitato al boicottaggio dei prodotti del gruppo alimentare e i concorrenti che ne hanno approfittato subito per far sapere che loro, invece, sono aperti a tutti i tipi di famiglia.

– La nostra è una famiglia classica dove la donna ha un ruolo fondamentale. Noi abbiamo un concetto differente rispetto alla famiglia gay. Per noi il concetto di famiglia sacrale rimane un valore fondamentale dell’azienda – ha affermato a La Zanzara su Radio 24 il patron del gruppo che produce pasta e merendine reclamizzate con immagini di famigliole felici. E non contento, alla osservazione dei conduttori sul fatto che la pasta la mangiano anche le persone omosessuali, ha risposto:

– Va bene, se a loro piace la nostra pasta e la nostra comunicazione la mangiano, altrimenti mangeranno un’altra pasta. Uno non può piacere sempre a tutti.

Sdegnata la reazione della comunità omosessuale.

– Raccogliendo l’invito del proprietario della Barilla a non mangiare la sua pasta, rilanciamo con una campagna di boicottaggio di tutti i suoi prodotti” ha esordito Aurelio Mancuso, presidente di Equality Italia. Su Twitter, infatti, è stato già creato l’hastag #boicottabarilla’ e sono in molti a ironizzare e a pubblicare foto di cestini della spazzatura pieni di pacchi di pasta del noto marchio italiano.

Arcigay rilancia la proposta di boicottaggio dando il via alla campagna “Siamo tutti della stessa pasta” e annuncia volantinaggi davanti ai supermercati.

– Tra i tanti tipi di omofobia ci mancava quella alimentare – si lamenta Franco Grillini, presidente di Gaynet – vorremmo far presente all’esimio imprenditore che la famiglia anche in Italia è un po’ cambiata negli ultimi anni e la maggioranza degli italiani non vive più in una famiglia tradizionale. Barilla invita chi non si riconosce nei suoi zuccherosi spot a non comprare i suoi spaghetti? Vuol dire che il 60% degli italiani potrebbe non comprare più la sua pasta.

A dare manforte alla comunità gay scende in campo Eurispes, che fa sapere come ormai per l’82% degli italiani l’omosessualità non sia più un tabù. La polemica dilaga anche in campo politico, con Alessandro Zan, deputato di Sel ed esponente del movimento gay, che aderisce al boicottaggio e invita gli altri parlamentari a fare altrettanto. Scatenata su Twitter Anna Paola Concia, del Pd: tra i suoi tweet ne spicca uno che ironicamente invita un noto marchio di pasta concorrente ad approfittarne.

Ma la concorrenza ha già fiutato l’aria e si è attrezzata: sulla pagina Facebook di Buitoni compare la foto di una porta spalancata sulla campagna con la scritta “A Casa Buitoni c’è posto per tutti”. Idem un altro famoso marchio: “Le uniche famiglie che non sono Garofalo sono quelle che non amano la buona pasta”.

Ma ci sono anche voci che si sono levate a difesa dell’imprenditore italiano, come quella del Moige, che apprezza “la scelta di comunicare il prodotto con la famiglia naturale e, come Costituzione indica, valorizzando il ruolo della donna-madre in casa”. Solidarizzano con Guido Barilla anche la deputata del Pdl Eugenia Roccella (“è un uomo coraggioso”) e il collega della Lega Nord Gianluca Buonanno (“da oggi mangerò soltanto pasta Barilla”). E anche Giorgia Meloni, di Fratelli d’Italia, difende “il diritto di Guido Barilla ad essere ‘diverso’ rispetto al pensiero unico dominante che si vorrebbe imporre nella società italiana”, mentre Casapound Italia definisce “assurdo e indecente il linciaggio dell’imprenditore”.

Tanto clamore deve aver fatto riflettere Guido Barilla, che in una nota a metà giornata si scusa se le sue parole sono state fraintese o hanno “urtato la sensibilità di alcune persone”.

“Nell’intervista volevo semplicemente sottolineare la centralità del ruolo della donna all’interno della famiglia” spiega, assicurando di avere “il massimo rispetto per i gay e per la libertà di espressione di chiunque” nonché per “i matrimoni gay” e conclude:

“Barilla nelle sue pubblicità rappresenta la famiglia perché questa accoglie chiunque, e da sempre si identifica con la nostra marca”.

– Cogliamo di buon grado il parziale dietrofront di Guido Barilla che evidentemente si è reso conto di aver esagerato, ma non possiamo non pensare agli effetti devastanti che un colosso pubblicitario qual è il suo marchio può avere nel veicolare certi messaggi retrogradi – commenta infine Sandro Mangano, presidente di GayLib, associazione omosessuale di centrodestra.

 

Ultima ora

01:25Calcio: Sousa chiede scusa, ‘sono io maggior responsabile’

(ANSA) - FIRENZE, 23 FEB - "Chiedo scusa a nome di tutto il grippo alla città e ai tifosi, noi lavoriamo non per dare tristezza ma gioia, Adesso siamo tutti tristi. Come dividere le responsabilità? Io sono il leader di questo gruppo quindi sono il maggior responsabile. Questa è una delle giornate più difficili da quando alleno. Esonero? Quando fai questo mestiere devi accettare ogni decisione della società". In conferenza stampa dopo il crollo contro il Borussia, l'allenatore della Fiorentina Paulo Sousa ribadisce la propria delusione e cerca di attenuare la rabbia dei tifosi, oltre che le colpe dei giocatori: "il responsabile sono io", ripete.

01:21Calcio: Corvino, esonero Sousa non è nei piani Fiorentina

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - "Sousa rischia? A quest'ora, è quasi mezzanotte, non credo che sia nella mente nostra una considerazione del genere". Lo dice il d.g. della Fiorentina Pantaleo Corvino. E la contestazione del dopo Borussia? "I tifosi e i nostri ragazzi sono amareggiati perché non si aspettavano di uscire da questa coppa con gol tutti da calcio da fermo - risponde Corvino -. La contestazione? Capisco la loro amarezza, sono amareggiati come noi, ma la squadra ce la stava mettendo tutta. È impensabile che dopo un primo tempo come quello di oggi poi esci dalla competizione. Il finale di stagione? I nostri tifosi hanno ottenuto tanto da questo gruppo, questa contestazione è figlia della delusione".

01:18Basket: Eurolega, EA7 Milano-Barcellona 78-83

(ANSA) - ASSAGO (MILANO), 23 FEB - Non bastano le endorfine rilasciate quattro giorni fa con la vittoria della Coppa Italia, il sistema nervoso dell'EA7 Milano va ancora una volta in corto circuito in Eurolega: due settimane fa ad Istanbul aveva gettato al vento la bellezza di 19 punti di vantaggio e con esso le residue possibilità di qualificarsi, questa sera contro il Barcellona ne dilapida 15 prima di inchinarsi 83-78. Roba da studiare sui libri di psichiatria. Una fragilità emotiva che non riesce a spiegarsi nemmeno coach Repesa: "Dovevamo chiuderla ed invece siamo andati giù con un black out molto pesante". Milano sul 45-30 al 17' è in pieno controllo contro una squadra senza motivazioni e ridotta all'osso dagli infortuni: ma l'Olimpia spegne cuore e cervello, subendo un clamoroso parziale di 39-10 che lascia attonito anche Giorgio Armani in parterre. A fare la differenza l'impatto di Tomic sulla gara: domina il solito drammatico Raduljica e fa il vuoto sotto canestro (19 punti e 9 rimbalzi). Un copione già visto.

00:30Calcio: Europa League, Fiorentina eliminata

(ANSA) - FIRENZE, 23 FEB - Incredibile eliminazione della Fiorentina dall'Europa League: i viola si fanno battere 4-2 in casa dal Borussia Moenchengladbach che ribalta lo 0-1 della partita d'andata e accede cosi agli ottavi di finale. I tedeschi colpiscono un palo con Vestergaard al 7' ma al 15' la Fiorentina passa in vantaggio: Bernardeschi recupera palla a metà campo e poi serve Kalinic che batte il portiere Sommer. Il 2-0 arriva al 28' grazie ad un errore di Vestergaard che liscia il pallone nel tentativo di rinviare, facilitando l'intervento di Borja Valero che batte Sommer senza difficoltà. Al 43' inizia la rimonta del Borussia che accorcia le distanze con un rigore di Stindl. Nel primo quarto d'ora della ripresa la Fiorentina sbanda e i tedeschi bussano altre tre volte, due con Stindl - alla fine tripletta per lui - e una con Christensen. Al 67' Ilicic, appena entrato, coglie la traversa su calcio di punizione. Ma e' l'ultimo sussulto, la Fiorentina è fuori.

00:15Brexit: premier evoca referendum unificazione Irlanda

(ANSA) - BRUXELLES, 23 FEB - Il premier irlandese Enda Kenny ha evocato oggi da Bruxelles, seppure in forma ipotetica, un possibile referendum per l'unificazione dell'Irlanda e per l'adesione alla Repubblica di Dublino dell'Irlanda del Nord ora sotto sovranità britannica. Kenny, che ha citato l'esempio del Muro di Berlino, ha ricordato come l'accordo di pace del Venerdì Santo "garantisca questa opportunità" a patto che la maggioranza della popolazione dell'Ulster lo chieda e che l'accordo resta valido - per l'Ue e per il mondo - anche dopo la Brexit. Nel caso di "una situazione come quella emersa quando il muro di Berlino fu buttato giù e la Germania Est fu in grado di unirsi alla Germania Ovest", l'epilogo potrebbe essere "senza distinzioni" anche in Irlanda, ha insistito Kenny, parlando al fianco del presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker, e dicendosi convinto che "l'accordo del Venerdì Santo debba essere incorporato" in un futuro "accordo sulla Brexit" fra Bruxelles e Londra a titolo di garanzia.

23:37Calcio: Spalletti, Pallotta? Ci sta che vada via +

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - "Le parole di Pallotta sui problemi legati alla realizzazione dello stadio a Tor di Valle? E' uno che viene a investire da un altro paese, a migliorarlo, a creare presupposti di crescita. Secondo me c'è anche da aspettarsi che prenda e che vada via. Poi ci si accorgerà dopo di quello che abbiamo perso". Così il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, al termine della sfida di Europa League persa dai giallorossi col Villarreal.

23:32Calcio: Leicester, Ranieri? Scelta dolorosa

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - Nell'annunciare l'esonero di Claudio Ranieri, il Leicester ricorda l'impresa compiuta nella passata stagione con il trionfo in Premier League sottolineando che di quel successo il tecnico romano è stato il grande protagonista. "Tuttavia - fa sapere il club - i risultati nell'attuale campionato mettono a rischio la squadra e il club a malincuore ritiene che un cambio della guida, seppure doloroso, è necessario per il bene del club". "E' stata la decisione più difficile che abbiamo dovuto prendere - le parole del vicepresidente Aiyawatt Srivaddhanaprabha -. Ma noi abbiamo il dovere di mettere davanti a tutto gli interessi a lungo termine della società, i sentimenti vanno messi da parte. Saremo sempre grati a lui per quello che ci ha fatto raggiungere". "Mi dispiace, in questo sport si vede che non c'è nemmeno un po' di riconoscenza", ha commentato il tecnico della Roma Luciano Spalletti dopo aver saputo dell'allontanamento di Ranieri.

Archivio Ultima ora