“Diario Proibito”, per non dimenticare gli orrori del passato

Pubblicato il 01 ottobre 2013 da redazione

ROMA – “Abbiamo un giacimento di personalità italiane in giro per il mondo  che sono emigrate dalla nostra regione. Se avessimo la fortuna di poterli ascoltare tutti e di narrare le loro storie, sarebbe straordinario.” Inizia con un elogio corale a tutti  gli emigrati abruzzesi l’intervento del sottosegretario alla presidenza del consiglio italiano Giovanni Legnini,  ma a uno in particolare, Mario Fratti. Noto drammaturgo, nato a l’Aquila nel 1927, decise di emigrare a New York più di 50 anni fa, dietro consiglio di Strassberg, che  durante una visita in Italia nel ’62 assistette alla messa in scena de ‘ Il suicidio’, scritto da Fratti .

E aveva ragione il regista americano, anch’egli emigrato ma dall’Ucraina, perché è nella Grande mela che il giovane abruzzese ottenne  fama e successo mondiali. Suo il celebre musical ‘Nine’, vincitore di 7 Tony awards, gli oscar del teatro,  tratto da una sua commedia scritta nel 1981, “Six Passionate Women”, liberamente ispirata a “Otto e mezzo” di Fellini e poi diventato un film a Hollywood per la regia di Rob Marshall.

Abbiamo incontrato Mario Fratti  giovedì a Roma, alla presenza delle istituzioni abruzzesi e nazionali, alla Camera dei Deputati, per la presentazione di ‘Diario proibito’, il suo primo romanzo scritto all’età di 22 anni. La storia di quest’opera narrativa è peculiare, così come quella del libro, dove gli artifici stilistici e le distrazioni freudiane diventano realtà.

Fratti ci racconta di avere scritto ‘Diario proibito’ nel ‘59, ma la censura ne proibì la pubblicazione a causa di alcuni tabu politici e morali considerati in quell’epoca inviolabili. Così rimase chiuso in un cassetto per tantissimi anni. Fino ad oggi. Lo stesso accade a Mario, il protagonista del romanzo, un milite fascista aquilano che sotto la Repubblica Sociale italiana torturò gli oppositori del regime annotando tutte le violenze procurate  allora in un diario, ritrovato ’per caso’ solo moltissimi anni dopo. Il personaggio ha voluto rimuovere le nefandezze del suo passato dimenticando l’esistenza di quelle pagine?. Non confondiamo però il protagonista con l’autore. Fratti durante il Fascismo stava per arruolarsi tra i partigiani della Brigata Maiella, ma rinunciò. Quando scoprì che l’intera milizia venne assassinata, decise di scrivere questo romanzo e di ’espiare’ la sua mancata eroicità che gli salvò la vita ma che determinò grandi sensi di colpa, attraverso la denuncia.

“Un romanzo più unico che raro”, come spiega  la professoressa e  critica letteraria presente in sala, Lucilla Sergiacomo. Per diversi motivi. Per lo stile elaborato del linguaggio, diverso da tutte le altre opere che caratterizzano la scrittura frattiana, solitamente sintetica e pulita.

“Io stesso – aggiunge Fratti – ne sono rimasto sorpreso quando ho riletto il romanzo. Non ricordavo di avere, da giovane, questa ricchezza lessicale.”

Ma unico perché esemplare, come il messaggio che lo accompagna. Ricorda lo storico Mario Avagliano nella sua prefazione: “E’ come guardare allo specchio, da italiani, una pagina di storia che abbiamo voluto dimenticare e che invece Mario Fratti ci costringe a ricordare”. E’ proibito dimenticare – per l’umanità – gli orrori del fascismo. E il maestro, da progressista tenace lo sa bene. Sa che gli italiani tendono a dimenticare, ancora oggi. “Nulla è cambiato in Italia rispetto ad allora”. E alla nostra domanda se gli manca l’Italia – anche se solitamente torna nel nostro paese una volta all’anno – ci risponde categoricamente:

“No, per niente”.

Possiamo biasimarlo?

Laura Polvarani

Ultima ora

20:10Gentiloni,non perdere spirito maggioritario Ulivo e Pd

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "Il progetto del Pd non era dare uno sbocco ad ex democristiani di sinistra e ex comunisti, ma dare uno sbocco alla sinistra del nuovo secolo. Ora che i fatti ci danno ragione, guai a perdere lo spirito maggioritario che aveva animato l'Ulivo e ha animato fin dalla sua fondazione il Pd. E non sto parlando di leggi elettorali. Oggi dobbiamo restare fedeli all'idea maggioritaria che l'Ulivo aveva e che il Pd ha rilanciato poi la dobbiamo calare nella realtà di oggi, senza perdere l'ambizione riformista". Lo dice Paolo Gentiloni.

20:01Madre e figlia uccise: pena ridotta a conducente minicar

(ANSA) - AREZZO, 28 APR - Alla guida di una minicar investi' mamma e figlia uccidendole, in appello la sua pena è stata ridotta di 4 anni. "E' come se me le avessero uccise una seconda volta", ha detto il padre e marito delle vittime. Alexe Danute, romeno di 40 anni residente ad Arezzo, il 31 gennaio 2016 uccise Barbara Marzena Stiepen 50 anni e la figlia Letizia di 10 anni che stavano camminando sul marciapiede di ritorno a casa a San Leo frazione alle porte di Arezzo. In primo grado Alexe Danut era stato condannato per duplice omicidio colposo aggravato a nove anni e due mesi di reclusione. In appello ha ottenuto la riduzione di quattro anni per un totale di pena di 5 anni e 2 mesi.

19:49Russia: emergenza incendi in Siberia

(ANSA) - MOSCA, 28 APR - In Siberia è stato introdotto lo stato di emergenza per gli incendi che stanno devastando le foreste: lo ha annunciato il ministro russo delle Situazioni di emergenza, Vladimir Puchkov. Secondo il Servizio aereo di protezione delle foreste, "quasi 1.500 ettari di boschi sono stati ingoiati dagli incendi in Siberia", di cui oltre 650 nella regione di Irkutsk. Secondo il ministero delle Emergenze, le fiamme hanno anche devastato un piccolo villaggio di 435 abitanti: Bubnovka, nel distretto Kirenski della regione di Irkutsk, dove sono andate in fiamme almeno 59 case e gli abitanti sono stati evacuati. In totale circa 100 abitazioni avrebbero preso fuoco in Siberia. Non si registrano morti.

19:44Carrozza d’epoca in via Fori, multato vetturino senza targa

(ANSA) - ROMA, 28 APR - Appena sposati volevano fare un romantico giro nel centro di Roma, passando per il Colosseo, a bordo di un carrozza di fine '700 trainata da sei cavalli e condotta da due uomini in abiti storici. Ma il sogno di una coppia russa, evidentemente studiato nei minimi particolari da tempo, si è infranto contro il muro della burocrazia e soprattutto contro l'inefficienza del noleggiatore con sede in un quartiere periferico della Capitale. Fatto sta che mentre la carrozza tentava di entrare nell'area pedonale del Colosseo per andare a prendere la sposa russa, è stata fermata da una pattuglia del Gruppo Sicurezza Sociale Urbana (Gssu) della Polizia Locale in servizio di vigilanza in largo Corrado Ricci, all'angolo con via dei Fori Imperiali. Fatti tutti gli accertamenti, gli agenti hanno sanzionato con 40 euro il vetturino per mancanza della targa identificativa e lo hanno diffidato a proseguire verso l'Anfiteatro Flavio. Eliminato il Colosseo, la coppia ha fatto lo stesso il giro in carrozza verso Villa Borghese.

19:44Trump: Congresso proroga legge spesa per una settimana

(ANSA) - WASHINGTON, 28 APR - Il Congresso ha approvato a larga maggioranza (382 a 30) una legge provvisoria per proroga sino al 5 maggio il finanziamento delle attività dello stato federale evitando così lo shutdown che sarebbe scattato a mezzanotte. Il provvedimento passa ora alla Casa Bianca per la firma di Donald Trump. In questo modo i parlamentari avranno ancora una settimana di tempo per negoziare la legge di spesa e finanziare l'attività statale sino alla fine dell'anno fiscale, il 30 settembre.

19:41Macron in città martire 1944, non ripetiamo errori storia

(ANSA) - PARIGI, 28 APR - In visita nel villaggio di Oradour-sur-Glane, simbolo fra i più tragici della Seconda guerra mondiale in Francia, il candidato alle presidenziali Emmanuel Macron ha insistito sul dovere di memoria. "Dimenticare - ha detto Macron - può comportare il rischio di ripetere la storia". Nel giorno in cui il presidente ad interim del Front National, designato dalla sua avversaria Marine Le Pen, si è dovuto dimettere perché investito dalle polemiche per presunte frasi negazioniste, Macron ha detto che la volontà di rispettare questo dovere di memoria "è l'impegno di non dimenticare mai". (ANSA).

19:32Calcio: Juve vince anche nel design, riconoscimenti a Londra

(ANSA) - TORINO, 28 APR - Doppio riconoscimento per la Juventus al Festival del Design di Londra. La società bianconera ha ricevuto due D&AD Professional Awards 2017: il Graphite Pencil nella categoria Branding Schemes Large Organisation, grazie al nuovo logo realizzato da Interbrand, mentre il nuovo font ha ricevuto il Wood Pencil per il Crafts for Design, Typefaces. Una grande soddisfazione per la Juventus: fin dal 1962, D&AD rappresenta l'eccellenza nell'ambito della creatività e del design e i suoi premi sono universalmente riconosciuti tra i più prestigiosi a livello internazionale.

Archivio Ultima ora