I rappresentanti delle nostre Comunitá nel parlamento della Bassa Sassonia

HANNOVER  – Dal 27 al 29 settembre scorsi, si è tenuta ad Hannover la Commissione continentale Europa e Nord Africa del Cgie. Negli stessi giorni, si è riunito in città anche il Comitato dei Presidenti dei Comites della Germania.

Durante la tre – giorni di lavoro, i consiglieri del Cgie, i presidenti dei Comites, i senatori Micheloni (Pd) e Di Biagio (Sc), con i deputati Farina (Pd) e Caruso (Sc), i consiglieri d’Ambasciata Darchini e Sordini ed il Console Generale ad Hannover Giampaolo Ceprini sono stati ricevuti dal Parlamento della Bassa Sassonia, dove è stato porto loro un saluto dal vicepresidente del Parlamento, Klaus Peter Bachmann, e dal consigliere regionale di origini italiane, Immacolata Glosenmeyer. I due politici tedeschi, nei rispettivi discorsi, hanno evidenziato l’apporto della comunità italiana per la crescita della regione auspicando che la cooperazione tra i due paesi venga sempre più intensificata in particolar modo nei settori economico e culturale. A nome di tutti i convenuti ha porto loro un saluto ufficiale il Presidente del Comites di Hannover, Giuseppe Scigliano.

“È per me un particolare onore – ha esordito Scigliano rivolto al presidente Bachmann – che Lei abbia ricevuto presso il Parlamento della Bassa Sassonia i Rappresentanti del Senato e del Parlamento della Repubblica Italiana, le Delegazioni del CGIE Europa ed Africa del Nord e dell’Intercomites Germania, che hanno deciso di riunirsi ad Hannover. Un evento cui sono presenti anche i Rappresentanti dell’Ambasciata d’Italia ed il Console Generale in Hannover, per sottolineare l’importanza che la nostra Collettività ha voluto dare a questa Regione nella quale economia e politica hanno saputo dare un contributo notevole per lo sviluppo dei rapporti tra i nostri Paesi. Non a caso la nuova emigrazione giunge sempre più numerosa in quest’accogliente Regione per trovare lavoro”.

“Queste diaspore, purtroppo non nuove, ascrivibili a problemi economici e politici presenti in diversi Paesi, – ha sottolineato Scigliano – richiedono misure adeguate non solo da parte dei Paesi ospitanti ma anche e soprattutto dagli Organismi sovrannazionali, come la UE, che debbono individuare nel contempo giusti interventi per fronteggiare questi fenomeni. Il buon andamento congiunturale tedesco ha favorito altresì la nostra imprenditoria la cui partecipazione alle fiere internazionali di Hannover è visibilmente incrementata rispetto agli anni precedenti rafforzando con il loro afflusso quei rapporti economici che da sempre contribuiscono a mantenere l’Italia come principale partner commerciale della Germania e il secondo della Bassa Sassonia. Mi è altresì doveroso esprimere un particolare apprezzamento per l’avveduta e progressista riforma scolastica prevista dal Governo della Bassa Sassonia il cui Programma mira principalmente a valorizzare la crescita culturale di ogni alunno.  Sono, infatti, sicuro che tale riforma consentirà alla Bassa Sassonia di conseguire con successo l’ambito obiettivo formativo di ogni scolaro che potrà giungere al mondo del lavoro o a quello universitario con una preparazione adeguata”.

“Positive, sul piano dell’integrazione le iniziative che sia i Comuni sia la stessa regione hanno realizzato per informare e formare la Collettività italiana la cui inclusione è fenomeno ineludibile quale effetto della massima integrazione sempre auspicata dal Governo Federale. Inclusione – ha sottolineato ancora – che ritengo possa definirsi tale solo quando essa è coronata dalla doppia cittadinanza. Diritto che in questo Paese si acquisisce dalla nascita ovvero per chi vi è immigrato in base ai requisiti previsti dalla legge. Purtroppo c’è da dire che ancora molti sono quelli che non utilizzano questa possibilità di partecipazione. Sta a noi immigrati di prima e seconda generazione – ha concluso Scigliano – capire l’importanza dell’invito rivoltoci anche recentemente dal Governo del Land a prendere la cittadinanza in quanto esso costituisce un riconoscimento alla nostra Collettività che tanto ha contribuito alla crescita di questo Land”.

Dopo il suo intervento, il Presidente del Comites ha ringraziato la deputata regionale Filiz Polat che lo ha aiutato ad organizzare un incontro “positivo sotto tutti gli aspetti”.

 

 

Condividi: