Analisi – Berlusconi ed il valzer della fiducia

Pubblicato il 02 ottobre 2013 da redazione

«Mettendo insieme le aspettative ed il fatto che l’Italia ha bisogno di un governo che produca riforme istituzionali e strutturali abbiamo deciso, non senza interno travaglio, per il voto di fiducia».

Fiducia sì, fiducia no, fiducia forse. Il valzer di Silvio Berlusconi si conclude con l’ennesimo coup de théâtre ed i 235 voti a favore della squadra di Enrico Letta. I contrari si fermano a 70, mentre 6 senatori del Pdl decidono di sottrarsi al suffragio (Sandro Bondi, Manuela Repetti, Remigio Ceroni, Augusto Minzolini, Alessandra Mussolini e Nitto Palma).

I “mal di pancia” nel centrodestra sono oramai piuttosto datati, ma nel corso del pomeriggio di martedì gli equilibri all’interno del partito erano del tutto saltati. Il fedelissimo Alfano che smentisce pubblicamente il suo mentore, la lite in diretta negli studi di Ballarò tra il moderato Cicchitto ed il direttore de “Il Giornale” Sallusti (giunta sino alla soglia degli insulti), Giovanardi che annuncia la nascita di una nuova formazione ed il clima quantomai caotico a poche ore da un appuntamento decisivo per le sorti del Paese lasciavano presagire un vero e proprio terremoto politico in quello che può già essere definito “ex” Popolo della Libertà.

La mattinata di ieri non ha fatto eccezione in quanto a confusione. Il Cavaliere fermamente determinato ad aprire la crisi fà spazio ad una sua versione più soft e lascia intendere, attraverso un breve commento con i giornalisti, di essere ancora disposto a cambiare idea. «Vediamo che succede. Sentiamo il discorso di Letta e poi decidiamo». Con ogni probabilità un tentativo disperato di evitare una scissione ormai maturata tra le fila dei suoi seguaci.

I dissidenti sono già un gruppo autonomo. C’è chi ne ipotizza il nome: «i Popolari», stando a quanto dichiarato da Roberto Formigoni, in onore al vecchio partito popolare di don Luigi Sturzo.

Il Cavaliere dovrà farsene una ragione e, parallelamente, accettare che la sua leadership di ferro sia parte di un passato che non tornerà. La sua cieca ostinazione ha contribuito sul piano internazionale ad offrire il consueto, triste spettacolo di una fetta purtroppo assai consistente della scena politica italiana.

Valori ed ideali polverizzati da clientele e clientelismo. Dichiarazioni, dietrofront, minacce ed accuse nascondono (piuttosto male) meri interessi di natura personale. Tanto le “colombe”, quanto i “falchi” sembrano preoccuparsi molto del proprio tornaconto e molto poco  dei grattacapi che tengono sotto scacco l’Italia.

Superato lo scoglio del Senato, Letta è atteso dallo stesso copione alla Camera dei Deputati, in seno alla quale il Pd vanta una solida maggioranza e dove, comunque, i voti dei berlusconiani non saranno determinanti.

Restano però i capricci di senilità di un uomo che avrebbe fatto meglio, per sé e per il Paese, a tirarsi fuori dai giochi ormai da molto tempo.

E pensare che un certo Indro Montanelli, con fare quasi profetico ed una lucidità assolutamente fuori dal comune, aveva previsto proprio uno scenario del genere. L’unico giornalista della storia d’Italia ad essersi avvalso della cosiddetta “clausola di coscienza” che, quando la famiglia Berlusconi rilevò la proprietà de “Il Giornale”, decise con grande convinzione ed ammirabile onestà intellettuale di rassegnare le dimissioni ed abbandonare la sua poltrona di Direttore.

La sua stringata analisi, vecchia oramai di un ventennio ed al tempo stesso così aderente alla realtà dei nostri giorni, è disarmante.

«L’Italia di Berlusconi finirà male, malissimo, nella vergogna e nella corruzione. E sarà stato inutile avere ragione.»

 

Romeo Lucci

Ultima ora

18:32Calcio: Barzagli, rinnoverò presto con la Juve

(ANSA) - TORINO, 15 DIC - "Il rinnovo? Stiamo discutendo con la società, non ho firmato ma non c'è ansia: vedremo nelle prossime settimane o mesi". Andrea Barzagli conferma a Sky l'intenzione di proseguire con la Juventus, ma chiude la porta al ritorno in Nazionale. "Ho fatto il mio tempo, è giusto - dice il difensore bianconero - Peccato aver lasciare nel modo peggiore. Penso sia giusto ripartire con una Nazionale più giovane, abbiamo tempo per farla crescere. Speriamo sia rivoluzione, ma sensata. Nella rinascita della Juventus "ci ha messo molto del suo Allegri prosegue Barzagli - La cosa più importante è aver ricominciato a far fatica quello che alla fine ti fa vincere le partite e i campionati. Dybala è molto bravo a capire gli altri, quindi ha preso positivamente le parole di Nedved e Buffon: speriamo - conclude il difensore della Juventus - scatti qualcosa e lo faccia tornare quello di sempre".

18:22Mondiali: Rajoy, Spagna andrà in Russia e vincerà

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - La Spagna giocherà la Coppa del Mondo in Russia. "Non vedo altri scenari - ha detto il premier spagnolo, Mariano Rajoy, commentando le voci che potrebbero vedere escluse le Furie Rosse per ingerenze del Governo iberico sulle elezioni del presidente federale - sono assolutamente convinto che la Spagna andrà ai Mondiali in Russia e, inoltre, che vincerà", ha spiegato il premier aggiungendo di aver saputo che "il ministro dello Sport, Inigo Mendez de Vigo, non ha ricevuto alcun avviso dalla Fifa, solo una lettera di alcuni dirigenti della Federcalcio mondiale che chiedono di essere ascoltati", ha aggiunto Rajoy.

18:21Corea Nord: Tillerson, ‘inazione inaccettabile’

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - La Corea del Nord continua a rappresentare la piu' grande minaccia alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti e del mondo. Lo ha detto il segretario di Stato americano Rex Tillerson: "L'inazione e' inaccettabile", ha detto Tillerson in Consiglio di Sicurezza dell'Onu.

18:13Natale: paese-palcoscenico per Natività a Casole d’Elsa

(ANSA) - CASOLE D'ELSA (SIENA), 15 DIC - Un piccolo comune trasformato in un palcoscenico per una rappresentazione della Natività open air che coinvolgerà il paese: 350 le persone impegnate tra attori e comparse - altre 60 saranno invece 'dietro' le quinte' - e 100 gli animali impiegati tra cui cammelli, asini, pecore, galline. E' 'Praesepium', natività in forma di spettacolo, che andrà in scena, dalle 15 alle 19, del 26 e 30 dicembre e dell'1, 6 e 7 gennaio a Casole d'Elsa, nel Senese, che già dal 1998 ospitava, con cadenza biennale, un presepe vivente: 12mila i visitatori nel 2015. Promosso dall'Associazione 'CasoleEventi', la rappresentazione teatrale all'aria aperta si svolgerà per le vie del centro storico di Casole: su una superficie di 30.000 metri quadrati si svolgeranno in contemporanea 30 scene, da quelle classiche della Natività a quelle di un villaggio dell'epoca. Ci sarà cibo cucinato sul momento, compreso il pane e frutta fresca ad arricchire i banchetti. Sarà anche realizzata una 'via dei profumi'", con incensi, candele ed erbe aromatiche. Il pubblico attraverserà la rappresentazione senza dover interagire.(ANSA).

18:12Maltempo: forte mareggiata a Capri, collegamenti sospesi

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 15 DIC - Sono di nuovo sospesi da oggi pomeriggio i collegamenti marittimi con l'isola di Capri colpita da una forte mareggiata. Il maltempo ha portato all'interruzione totale dei collegamenti di linea con la terraferma. Questa mattina le prime interruzioni, poi nel pomeriggio il peggioramento delle condizioni meteomarine ha portato alla soppressione totale delle corse di traghetti e aliscafi.

18:08Calcio: Spalletti, Pordenone non è stato sottovalutato

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 15 DIC - "Facendo giocare tutto un reparto nuovo non li ho agevolati. La differenza l'ha fatta la mia scelta. Non è vero che i calciatori non si sono impegnati o che abbiano preso sottogamba la partita contro il Pordenone": lo dice l'allenatore dell'Inter Luciano Spalletti sulla partita di Coppa Italia di martedì scorso contro il Pordenone, alla vigilia di quella di campionato con l'Udinese. "Se metto Karamoh - che era dispiaciutissimo per le occasioni che non ha concretizzato - per 30 minuti in una squadra che per 8/11 è sempre la stessa, vi farà vedere le sue qualità, così come Cancelo". Spalletti spiega anche motiva la squadra nerazzurra prima delle partite: "Io riporto spesso un esempio prima delle partite: vengo dalla campagna vera, dalla natura, so quale è il comportamento di un predatore con la sua preda: non valuta mai la stazza della sua vittima, ci mette sempre la stessa forza".

17:42Etruria:Di Battista,Boschi da due anni prende per culo gente

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Banalizzare le proprie immense responsabilità politiche chiudendosi nel guscio del sessismo lo considero volgare e stucchevole. Oltretutto, questo atteggiamento rafforza le discriminazioni già presenti nel nostro Paese. Se un domani rinunciassi ad attaccare politicamente un Ministro solo perché donna mi macchierei io stesso di un atto discriminatorio. Noi attacchiamo con forza la Boschi non in quanto donna (difesa ridicola) ma in quanto Maria Elena Boschi, un politico che da due anni prende per il culo gli italiani, tutti gli italiani: uomini e donne!". Lo scrive su facebook Alessandro di Battista, deputato M5s

Archivio Ultima ora