Orrore in Madagascar linciati perché trafficavano organi

Pubblicato il 03 ottobre 2013 da redazione

ROMA. – Orrore in Madagascar. Le tre macabre esecuzioni sono avvenute a diverse ore di distanza l’una dall’altra: le prime due sulla spiaggia d’Ambatoloaka, lingua di sabbia bianca della principale stazione balneare dell’isola di Nosy Be, uno dei poli turistici sulla costa nordoccidentale del Madagascar. L’ultima in un quartiere periferico della cittadina. Le violenze della popolazione locale erano cominciate in seguito alla scomparsa del piccolo. Un gruppo di persone aveva assaltato un commissariato di polizia dopo l’arresto di un uomo in relazione al caso e negli scontri una persona era rimasta uccisa. Poi si era scatenata una vera e propria caccia all’uomo, contro i “vazaha” (gli stranieri europei in lingua malgascia), hanno riferito fonti della sicurezza locale. Ma è nelle prime ore del mattino, dopo la scoperta del corpo del piccolo – con i genitali e la lingua tagliati -, che si è scatenata la ferocia degli abitanti dell’isola. Una violenza a dir poco inaudita. La rabbia della gente si è indirizzata verso due stranieri, accusati di avere rapito e ucciso il bambino. I due occidentali sono stati circondati e sotto tortura – riferiscono fonti locali – avrebbero confessato di essere i responsabili dell’omicidio, ma anche di trafficare organi. Conferme in tal senso, stando ai media locali, sono arrivate anche da altri testimoni che hanno riferito del ritrovamento di organi umani all’interno di un frigorifero nel palazzo dove abitavano i due stranieri. La folla ha quel punto ha già deciso: i “vazaha” vengono impiccati e poi bruciati, secondo alcune fonti addirittura da vivi, come ha confermato il commissario di polizia di Nosy Be Hell-Ville, Honoya Tilahizandry. La gendarmeria non ha però precisato se il presunto traffico d’organi sia legato alla stregoneria o ad altre pratiche. Poi in serata l’orrore si ripete e una terza persona, un malgascio, viene linciata davanti ad una folla di trecento persone in delirio. Secondo fonti locali la vittima sarebbe lo zio del bimbo mutilato ed ucciso. Sull’identità delle prime due vittime, Sebastien e Roberto, invece c’è ancora mistero. Sebbene la polizia locale le abbia identificate come francesi, Parigi ha confermato che solo una delle due è di nazionalità francese. Ma è sulla seconda vittima che le cose si complicano. La Bbc online, che cita alcuni residenti del resort di Nosy Be, ha scritto che uno dei due uomini linciati potrebbe essere un italiano, mentre un ristoratore malgascio, sentito dall’Afp, ha ipotizzato che potrebbe trattarsi di un italo-francese. Indiscrezioni queste che al momento non hanno trovato conferma alla Farnesina. Ancora sconosciuta la terza vittima. “Ci affidiamo alla giustizia malgascia affinché faccia luce sulle circostanze esatte dell’accaduto e prenda le misure necessarie per assicurare la sicurezza dei nostri residenti sul posto”, ha fatto sapere Philippe Lalliot, portavoce del Quai d’Orsay. Parigi ha inoltre raccomandato ai suoi connazionali presenti a Nosy be di non spostarsi e ha fatto chiudere temporaneamente la scuola francese dell’isola. Gli episodi di criminalità sono aumentati considerevolmente nell’isola dopo il colpo di stato, avvenuto all’incirca quattro anni fa, che ha portato al potere il presidente Andry Rajoelina, e che ha fatto sprofondare il Paese in una gravissima crisi economica. Altro dato inquietante è la giustizia fai da te – scrive il sito di France24 – visto che i linciaggi pubblici “non sono una rarità in Madagascar”, in particolare nei confronti di presunti ladri o nel caso di omicidio.

Quando la folla inferocita si fa giustizia da sola
Dal caso dei tre uomini bruciati vivi, due cittadini europei e un malgascio, dalla folla inferocita in Madagascar, perché sospettati di traffico di organi dopo la scomparsa di un bambino di otto anni, a quello del pestaggio dell’assassino di un bimbo albino in Burundi, a quello del giovane “intoccabile”, in India che non può amare una sua coetanea di casta superiore. Non sono rari gli episodi, in varie parti del mondo, in cui la folla si fa giustizia da sola su coloro che considera autori di reati impuniti. – 6 marzo 2013, Iraq: a Bani Saad, una località vicino a Baquba, l’esasperazione degli abitanti è arrivata al limite dopo una serie di attentati subiti dall’inizio dell’anno e una folla imbestialita ha ucciso a percosse il presunto responsabile di un attentato, in cui sono morte tre persone e rimaste ferite altre 17. – 13 gennaio 2013, Mali: un caso di duplice linciaggio nella stessa giornata. Il reporter ugandese Kader Touré è stato picchiato a morte dagli integralisti con l’accusa di lavorare per il nemico. Allora la popolazione di Gao, città del nord est del paese per reazione ha ucciso un capo jihadista. – 22 dicembre 2012, Pakistan: in un piccolo villaggio di Seeta, nella provincia pachistana di Sindhun, un uomo sospettato di aver dato fuoco a una copia del Corano è stato linciato dalla folla e bruciato vivo. – Il 3 agosto del 2011, India: nove scippatori sono stati linciati a morte dalla folla in un villaggio vicino a Bangalore. Il linciaggio è avvenuto in due luoghi diversi nel distretto di Chikkaballapur e ha coinvolto centinaia di residenti che hanno voluto dare una dura lezione al gruppo di giovani sospettati di diversi furti nella zona. Dei nove solo due sono sopravvissuti. – 13 settembre 2010, Uganda: un giornalista freelance ugandese è stato linciato dalla folla a Kampala. Paul Kiggundu stava filmando l’assalto da parte di un gruppo di tassisti di motocicli all’abitazione di un uomo accusato di avere ucciso uno dei loro colleghi. I tassisti avevano paura che Kiggundu potesse fornire il video alla polizia. – 2 gennaio 2009, Burundi: un uomo, ritenuto responsabile, insieme a due suoi complici, dell’assassinio di un bambino albino di otto anni, è stato linciato dalla folla. Il bimbo è stato trucidato nella notte tra il 29 ed il 30 dicembre, per amputargli le braccia e una gamba. In quell’area dell’Africa Orientale non sono rari i casi di albini uccisi e smembrati. I loro organi sono molto richiesti dagli stregoni per confezionare pozioni e amuleti. – 23 novembre 2008, India: nello stato del Bihar, a Dalit, un ragazzo di 15 anni della casta degli “intoccabili” che ha “osato” scrivere una lettera d’amore a una coetanea dello stesso villaggio ma di casta superiore è stato vittima della furia collettiva del suo villaggio, dove la folla l’ha picchiato e gettato sotto a un treno. 

Ultima ora

22:36Calcio: Spalletti, Inter non è quella che ha perso sabato

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - "Stiamo vicini ai nostri calciatori perché non sono quelli che hanno perso 3-1, ma che hanno fatto 40 punti in 17 partite e bisogna rendergli onore": lo dice il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti, a Inter Tv, durante la cena di Natale del club nerazzurro. "I tifosi sono una seconda squadra - continua - ne fanno parte, sono dietro le quinte e ci accompagnano. Ci hanno applaudito anche dopo la sconfitta e ci aiutano a diventare più forti. Io ho solo due vizi, calcio e famiglia, chiamiamoli amori più che vizi. L'hashtag di stasera? Speriamo sia Natale senza tregua di serenità, abbracci e divertimento. Cerchiamo di stare più vicini possibile a questi colori, so da dove siamo partiti e cosa ci siamo portati dietro, arrivano anche le difficoltà, dobbiamo attraversarle per completare il nostro percorso verso gli obiettivi".

22:32Calcio: arbitro Rocchi, bilancio primi mesi Var è positivo

(ANSA) - PAESTUM (SALERNO), 18 DIC - "Il bilancio dei primi mesi con la Var è assolutamente positivo, si sapeva che le polemiche sarebbero arrivate. E' un momento decisivo per il campionato, dunque c'era da aspettarsele. Chiaramente siamo in una fase di rodaggio e il rodaggio prevede sempre qualche piccola difficoltà, che ci servirà per fare esperienza". Così Gianluca Rocchi traccia un bilancio dopo i primi mesi di Var in Italia, parlando a margine della 7/a edizione degli Italian sport awards, in corso a Paestum (Salerno). "Purtroppo le nostre esperienze nascono e passano da alcuni errori - prosegue l'arbitro fiorentino -. Bisogna che si accetti l'errore e chiaramente fare in modo che non si ripeta. L'arbitro rimane l'arbitro ed è quello che prende l'ultima decisione. La Var, secondo me, non deve essere invasiva, ma un supporto fondamentale laddove l'arbitro non arriva, o non vede una cosa o la vede palesemente sbagliata".

21:55Bellomo:ex corsista a pm Bari,altre 4 ragazze vittime

(ANSA) - BARI, 18 DIC - "Sono stata contattata da quattro ragazze che hanno avuto un'esperienza simile in altri anni e in altre città. Mi hanno ringraziata dicendomi che adesso hanno anche loro il coraggio perché sanno di non essere sole". Lo ha detto Rosa Calvi, avvocatessa 28enne di Cerignola (Foggia), al termine dell'audizione in Procura di Bari come persona informata sui fatti nell'ambito dell'indagine per estorsione a carico del consigliere di Stato Francesco Bellomo. Un mese dopo l'inizio delle lezioni, ha raccontato, sarebbe stata scelta fra sette ragazze per ottenere una borsa di studio ma la condizione era la firma del contratto che prevedeva, fra le altre cose, abiti succinti e trucco marcato. Bellomo le avrebbe anche detto di perdere peso, di farsi punturine per le occhiaie e avrebbe tentato di baciarla. "Io vengo prima di tuo fratello" le avrebbe detto quando lei gli disse di voler tornare a casa e per più di un mese lui avrebbe tentato di convincerla, dicendo "che ero una stupida a dire di no".

21:39Calcio: caso Ljajic, respinto il ricorso della Roma

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il Collegio di Garanzia del Coni ha respinto il ricorso presentato l'8 novembre 2017 dalla Roma nei confronti della Fiorentina, della Figc e della Lega Serie A, contro la decisione della Corte Federale d'Appello sul caso dell'attaccante Adem Ljajic, ora al Torino, relativo al contratto di cessione dell'attaccante dalla Fiorentina al club giallorosso ed in particolare al pagamento del premio di rendimento. La Roma dovrà quindi pagare un milione di euro (più 5.000 a titolo di spese) in favore della Fiorentina per la corresponsione del "premio di rendimento" allegato al contratto stipulato tra le due società il 28 agosto 2013, nell'ambito dell'accordo di cessione delle prestazioni professionali sportive del calciatore Ljajic.

21:38Sci: Cdm, Olsson vince parallelo gigante di Alta Badia

(ANSA) - ALTA BADIA (BOLZANO), 18 DIC - Lo svedese Matt Olsson ha vinto lo slalom gigante parallelo di Coppa del mondo di Alta Badia. Secondo il norvegese Erik Kristoffersen e terzo l'austriaco Marcel Hirscher. Kristoffersen e' passato in testa alla classifica generale di coppa del mondo. Male, ancora una volta in questa disciplina, l'Italia con cinque atleti al via su 32 partecipanti. Manfred Moelgg, Florian Eisath e Riccardo Tonetti sono stati eliminati gia' ai sedicesimi. Roberto Nani e Luca De Aliprandini sono invece stati battuti subito dopo agli ottavi., La prossima gara sara' venerdi' sera: slalom speciale a Madonna di Campiglio.

21:26Calcio: voci dimissioni Gattuso, Milan smentisce

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - Nella giornata convulsa in cui è stata annullata la cena fra squadra e dirigenza ed è stato deciso il ritiro a oltranza, si sono diffuse voci, rilanciate dai social e smentite dal club, secondo cui Rino Gattuso, contrariato per l'atteggiamento rilassato dei giocatori dopo la sconfitta di ieri Verona, oggi avrebbe presentato le sue dimissioni, respinte dalla società. Il Milan ha definito questa versione "assolutamente falsa" e via social ha chiarito che Gattuso era a Casa Milan per programmare il lavoro da svolgere in ritiro, che è stato deciso in maniera "condivisa" con la società.

21:16Natale: da Chef stellato pranzo gourmet per detenuti Verona

(ANSA) - VERONA, 18 DIC - Pranzo gourmet firmato dallo chef 'bistellato' Giancarlo Perbellini oggi per i detenuti del carcere di Montorio a Verona. Il cuoco veronese stamane è entrato nella Casa Circondariale per un'iniziativa speciale. Perbellini, a capo di ristorante insignito di due stelle dalla Guida 'rossa', ha cucinato insieme alla sua brigata un pranzo per oltre un centinaio tra detenuti e detenute, familiari e volontari del carcere di Montorio, aderendo al progetto nazionale di solidarietà "L'alt(r)A cucina...per un pranzo d'amore". L'iniziativa porta nelle carceri italiane pranzi stellati preparati da grandi chef e serviti da testimonial del mondo dello spettacolo, offrendo ai detenuti una giornata particolare e diversa. "Abbiamo portato un sorriso al palato dei detenuti - ha dichiarato Perbellini - E' stata un'esperienza irripetibile. La brigata è stata fiera di far gustare la nostra cucina a persone molto meno fortunate di noi".

Archivio Ultima ora