Letta pensa al governo: “Ora privatizzazioni e crescita”

Pubblicato il 04 ottobre 2013 da redazione

SIENA – Un “grande” piano di privatizzazioni e misure per la crescita e l’occupazione, grazie alle quali l’Italia possa finalmente agganciare la ripresa. Enrico Letta guarda avanti e pensa a quei provvedimenti economici che facciamo finalmente tornare il segno ‘più’ davanti al Pil.

Sul voto della giunta per la decadenza del senatore Silvio Berlusconi, com’era prevedibile, nemmeno un cenno. Il premier riteneva che la vicenda non lo riguardasse prima, figurarsi ora che lo stesso Cavaliere ha votato la fiducia su un discorso in cui la separazione fra la sua vicenda giudiziaria e la vita del governo era netto. Non che il premier ignori i possibili contraccolpi che l’uscita dal Senato di Berlusconi potrebbero avere nella complessa partita che si sta consumando all’interno del Pdl. Ma lascia che sia Angelino Alfano a gestire la questione.

Letta tifa convintamente per il suo vicepremier. Su questo ha una visione leggermente diversa da quella di Dario Franceschini, che auspica una frattura fra falchi e colombe nel Pdl. Lui no. Ha una visione più pragmatica e soprattutto più attenta alle ripercussioni che potrebbero aversi sul governo. Ritiene infatti che con l’uscita di un gruppo – numericamente più piccolo – di filo-governativi, l’Esecutivo sarebbe più debole. L’asse della maggioranza si sposterebbe sul Pd, con conseguente indebolimento di Alfano. Il quale, a quel punto, per giunta senza il ‘brand’ del Pdl cercherebbe di recuperare terreno alzando la posta. Con il rischio di tornare a quei veti incrociati che hanno caratterizzato i primi mesi del governo. Proprio ciò che Letta non può permettersi.

Se al contrario il vicepremier riuscisse davvero a conquistare il Pdl, isolando i falchi e magari ‘deberlusconizzando’ il partito, l’equilibrio nelle larghe intese sarebbe garantito e con esso quelle riforme istituzionali che richiedono maggioranze qualificate. Di tutto questo, però, Letta non dice una parola. Davanti alla platea di ‘Pontignano XXI’, il convegno organizzato dal British Council, di cui lo stesso Letta ha deciso di mantenere la co-presidenza insieme a Lord Patten, al centro del suo intervento mette l’Europa e l’economia.

Sul primo punto, la sua visione è chiara: l’Unione deve cambiare strada, essere “più vicina” ai cittadini e cambiare linguaggio. Altrimenti, alle prossime elezioni, ci sarà l’Europarlamento più euroscettico della storia. Qualcosa che l’Italia, che a giugno assumerà la guida del semestre Ue, non può permettersi. Ma per evitarlo servono risposte ai problemi concreti dei cittadini. Anche per questo chiede con forza che l’Europa “alzi il livello e l’efficacia” dei suoi interventi in modo da evitare il ripetersi di tragedie come quella di Lampedusa.

All’ambasciatore inglese – presente in sala insieme a Giuliano Amato, Ignazio Visco e i ministri Giovannini e Carrozza – ricorda che un’Europa senza Londra sarebbe “peggiore”: il Vecchio Continente ha infatti davanti a sè le sfide della competitività con le potenze economiche emergenti.

Sul fronte economico il presidente del Consiglio si dice fiducioso che i dati su crescita e occupazione migliorino nel 2014. La strada che intende seguire è tracciata: con ‘Destinazione Italia’ si varerà un piano per attrarre gli investimenti stranieri, attraverso una riduzione della burocrazia, la riforma della giustizia civile e del diritto del lavoro. Ma soprattutto, spiega Letta in inglese, si farà un “grande piano di privatizzazioni”, con il quale si finanzieranno parte dei provvedimenti previsti nella legge di stabilità, che saranno tesi al rilancio dell’occupazione e dello sviluppo.

Ultima ora

09:00Molestie: Usa, Dustin Hoffman accusato da altre due donne

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - Dustin Hoffman sempre piu' nella bufera, con nuove accuse di molestie sessuali rivolte da diverse donne. Una di queste racconta di essere stata abusata quando aveva solo 16 anni in un hotel di New York. Cori Thomas, questo il nome della ragazza, era allora una compagna di classe della sorella dell'attore che invito' le due ragazze nella sua stanza d'albergo per una cena. Quando la sorella di Hoffman ando' via - racconta Thomas - l'attore si ando' a fare una doccia e ritorno' con indosso solo un asciugamano che all'improvviso si tolse facendosi vede nudo. Hoffman chiese poi alla ragazza di massaggiargli i piedi. Un'altra donna, Melissa Kester, racconta invece come l'attore prese la sua mano e la infilo' nei suoi pantaloni mentre erano nello studio di registrazione. Hoffman, 80 anni, vincitore del premio Oscar, e' stato gia' accusato di molestie nelle settimane scorse dall'attrice Anna Graham Hunter che all'epoca dei fati, nel 1985, aveva 17 anni.

08:55Casa Bianca, Trump ha parlato al telefono con Putin

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Il presidente americano Donald Trump ha parlato al telefono nelle ultime ore col presidente russo Vladimir Putin. Lo rende noto la Casa Bianca, che per il momento non informa sui contenuti del colloquio telefonico.

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

Archivio Ultima ora