Martedì il presidente Maduro chiederà poteri speciali all’An

CARACAS – Il dado è tratto. Salvo ripensamenti d’ultim’ora, che appaiono ormai molto improbabili, il presidente della Repubblica, Nicolàs Maduro, si recherà martedì all’Assemblea Nazionale per chiedere formalmente gli siano concessi poteri speciali per legislare in materia di sicurezza e per fronteggiare quella che ritiene sia una “guerra economica” dichiarata dalle frange più estremiste dell’Opposizione.

– La Patria – ha detto il capo dello Statro – non merita questa guerra economica. Ed io mi sto preparando ad affrontarla.

Mentre il presidente Maduro, quindi, accusa l’opposizione di voler creare uno stato di nervosismo e di caos per destabilizzare il governo, il leader dell’opposizione, Hernique Capriles Radonski, è ormai in piena campagna elettorale. Dallo Stato Falcòn, dove si è recato per candeggiare le candidature di Victor Jurado e Juan Manaure, ha sottolineato che “non saranno le minacce del settore pro-governativo” ad intimorirlo.

– Stiamo qui nello Stato Falcòn – ha detto Capriles Radonski – per aprire gli occhi a chi ancora non li ha aperti. Per dire loro quale è la reale situazione del Paese.