L’ultimo addio a Giuliano Gemma

Pubblicato il 07 ottobre 2013 da redazione

ROMA – Oltre 500 persone, tra amici, giornalisti, attori, registi, politici, gente comune, hanno dato l’ultimo saluto a Giuliano Gemma, nella chiesa di Santa Maria dei Miracoli a piazza del Popolo. Ad accompagnare sulle musiche di Morricone, ‘Una pistola per Ringo’, il feretro del popolare attore,scomparso martedì scorso in un incidente stradale, la seconda moglie Baba Richerme e le figlie Giuliana e Vera con i mariti.

Mio padre è sempre stato un esempio e lo sarà per sempre. E’ stato un grande padre e lo sarà per tutta la vita”, ha dichiarato Giuliana Gemma ricordando, con la voce rotta dalle lacrime il padre. La seconda moglie ha letto alcuni versi di una poesia scritta da Giuliano Gemma. E’ intervenuta anche la seconda figlia Vera, attrice e scrittrice. ”Mio padre è stato un uomo grande, vero, non si è mai sentito più importante di nessuno. Ci lascia lezioni di coraggio e di umiltà”.

La cerimonia è stata celebrata da don Walter, parroco della chiesa degli Artisti. Dopo la lettura del ‘Libro di Giobbe’ e dal Vangelo di San Luca don Walter ha ricordato Giuliano Gemma. “Un grande atleta, uno sportivo dal fisico prestante. Un ex vigile del fuoco, che ha sempre amato il grande cinema. Ma – ha proseguito – non voglio parlare della sua luminosa carriera. Ma del suo cuore. Giuliano era una persona semplice, generosa, elegante, non ha mai vissuto da star, nonostante i numerosi riconoscimenti internazionali. Non aveva capricci, voleva vivere una vita semplice, normale”.

E ha ricordato ancora nel corso dell’omelia: “Giuliano Gemma era un uomo attento, semplice, disponibile e sensibile, credeva nell’esistenza di Dio, pur non essendo un praticante”. Don Walter ha poi ricordato le numerose interpretazioni di Giuliano Gemma al cinema e una delle ultime, nello sceneggiato tv dedicato a Papa Wojtyla. “Giuliano Gemma interpretava il ruolo del portavoce della stampa vaticana. Un ruolo drammatico. Per prepararsi aveva studiato, letto interviste, guardato in televisione numerosi servizi. Ma amava anche Papa Francesco – ha proseguito – un richiamo, secondo lui per le nuove generazioni per una Chiesa più semplice. Tutti apprezzavamo la sua umanità, la sua generosità, la sua sensibilità speciale e disponibilità“, ha concluso.

Per Gemma c’erano molte corone di fiori, stendardi, tra i quali quello del Comitato olimpico nazionale italiano, rappresentanti dei Vigili del fuoco, nelle cui fila l’attore aveva militato, giovanissimo, prima di intraprendere la sua carriera cinematografica. Tra la folla assiepata, nella chiesa a piazza del Popolo, anche Gabriele Paolini, con un lilium rosa. Un amico di Giuliano Gemma, accompagnato dall’ex pugile campione mondiale dei pesi medi Nino Benvenuti, gli si è avvicinato dicendo: “A Paolini non fa stronz…”. Dopo qualche momento di tensione, è subito tornata la calma.

Benvenuti, legato a Giuliano Gemma da una lunga amicizia, ha dichiarato: “Giuliano era una persona affettuosa, irreprensibile. Un fratello per me. Mai qualcuno dovrebbe lasciarci in questo modo”.

In chiesa tra i presenti Silvia D’Amico, l’ultima moglie di Roberto Rossellini, Giuliano Montaldo, Philippe Leroy, Bud Spencer, Franco Nero, Fabio Testi, Zeudi Araya, Sergio Valente, Laura Comi, Leopoldo Mastelloni, Fabrizio Frizzi, Ninetto Davoli. In rappresentanza del sindaco di Roma Ignazio Marino, l’assessore alla Cultura capitolina Flavia Barca, gli ex sindaci di Roma Walter Veltroni e Francesco Rutelli, l’ex assessore con delega allo Sport della Giunta Alemanno, Alessandro Cochi, Sebastiano Somma.

Ultima ora

15:52Champions: Malagò, poteva andare peggio

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "I sorteggi di Champions? Ora gli allenatori (Allegri e Di Francesco, ndr) diranno, come è giusto che sia, che serve la massima cautela, ma mi sembra che poteva andare peggio. Non ci si può lamentare". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, a margine della presentazione della partnership di Coni e Comitato Paralimpico con la Toyota avvenuta a Roma, commentando i sorteggi degli ottavi di finale di Champions League, che vedono la Juventus affrontare gli inglesi del Tottenham e la Roma gli ucraini dello Shakhtar Donetsk.

15:49Champions: la carica di Di Francesco

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Lo Shakhtar Donetsk è una squadra forte, che ha saputo qualificarsi attraverso un girone molto difficile. Noi abbiamo lottato per guadagnarci questi ottavi, ce la metteremo tutta per continuare il nostro cammino. Forza Roma!". Questo il commento, via Twitter, del tecnico Eusebio Di Francesco dopo l'accoppiamento negli ottavi di Champions League tra la Roma e la formazione ucraina. La Roma in passato ha incrociato già lo Shakhtar nella massima competizione europea. Nel 2006 le due squadre si affrontarono nella fase a gironi (vittoria dei giallorossi per 4-0 all'Olimpico e sconfitta per 1-0 a Donetsk), mentre nel 2011 si sfidarono negli ottavi con due sconfitte per la Roma (2-3 e 3-0) e conseguente eliminazione.

15:44++ New York, esplosione a stazione bus Manhattan ++

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. La polizia e i vigili del fuoco sono sul posto, secondo i media americani, che riferiscono di scene di panico.

15:43Europa League: il quadro dei 16/i di finale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il quadro dei sedicesimi di finale di Europa League dopo il sorteggio di Nyon (andata 15 febbraio 2018, ritorno 22 febbraio): Borussia Dortmund-Atalanta; Nizza-Lokomotiv Mosca; Copenaghen-Atletico Madrid; Spartak Mosca-Athletic Bilbao; Aek Atene-Dinamo Kiev; Celtic-Zenit San Pietroburgo; Napoli-Lipsia; Stella Rossa-Cska Mosca; Lione-Villarreal; Real Sociedad-Salisburgo; Partizan-Viktoria Plzen; Steaua Bucarest-Lazio; Ludogorets-Milan; Astana-Sporting Lisbona; Ostersunds-Arsenal; Sporting Braga-Marsiglia.

15:42Avvelenati tallio: killer ha usato acqua minerale

(ANSA)- MONZA, 11 DIC - Avrebbe utilizzato l'acqua minerale per avvelenare i suoi familiari Mattia Del Zotto, il 27 enne di Nova Milanese (Monza), reo confesso di aver ucciso volontariamente i nonni paterni e una zia e di aver tentato di uccidete i nonni materni, due zii e la badante, perché "soggetti impuri". È quanto emerso stamane dall'interrogatorio di garanzia reso dal giovane al Gip Federica Centonze sabato mattina in carcere a Monza. Le indagini della Procura di Monza si concentrano quindi sulle bottiglie a cui il giovane aveva accesso nella cantina comune della palazzina dove vive tutta la sua famiglia a Nova. Il veleno, senza sapore o odore, potrebbe essere inoltre stato inserito dal giovane anche in alcuni integratori destinati ai nonni materni e ad un infuso alle ortiche.

15:19Violenza sessuale: aggrediva minorenni, va ai domiciliari

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Un uomo di 50 anni, con una vecchia condanna per reati sessuali, è stato arrestato dai carabinieri di Milano con l'accusa di violenza e atti sessuali su minori nei confronti di tre ragazzine di 7, 12 e 13 anni. L'uomo, secondo quanto spiegato, le individuava a caso, per strada, e le seguiva negli androni quando rientravano a casa da scuola. Le avvicinava fulmineamente, le palpeggiava e scappava. I carabinieri lo hanno individuato dopo sei mesi di indagine dal primo caso, avvenuto ad aprile (gli altri due a maggio e ad agosto) e dopo altri sei mesi l'autorità giudiziaria ha emesso un'ordinanza che ha posto l'uomo, impiegato amministrativo, sposato e con figli, ai domiciliari. Al vaglio degli investigatori dell'Arma, però, ci sarebbero in totale una ventina di episodi. A indagare sui casi sono stati i carabinieri della stazione San Cristoforo, che incrociando telecamere e tabulati sono arrivati a uno scooter, guidato dall'uomo poi raggiunto dall'ordinanza mentre si trovava a lavoro.

15:17Maltempo: Umbria, tanti interventi per problemi vento

(ANSA) - PERUGIA, 11 DIC - Sono oltre un centinaio gli interventi nei quali sono impegnati i vigili del fuoco in quasi tutta l'Umbria a causa dei danni provocati dal forte vento. Al momento non vengono comunque segnalati problemi particolari. In provincia di Perugia gli interventi, più di un centinaio, riguardano rami e alberi caduti, danni ai tetti, ai cartelloni pubblicitari divelti dal vento ma anche a pali della luce. I vigili del fuoco del comando provinciale sono impegnati con tutte le squadre disponibili. Situazione analoga in provincia di Terni dove sono decine gli interventi, soprattutto a Terni e in periferia. (ANSA).

Archivio Ultima ora