NAZIONALE. Prandelli da un ordine ai suoi: “Al mondiale da teste di serie”

Pubblicato il 10 ottobre 2013 da redazione

COPENAGHEN – “Se i giocatori pensassero solo a giocare a calcio, avremmo fatto già un bel passo in avanti”.

Se bastasse essere qualificati al Mondiale con due giornate di anticipo per star tranquilli, Prandelli avrebbe molti meno pensieri. E invece alla vigilia della penultima partita del girone, in casa della Danimarca, è costretto a richiamare i suoi azzurri sull’importanza di far comunque risultato “per mantenere la posizione nel ranking Fifa e dunque la certezza di essere testa di serie” al sorteggio della Coppa del Mondo, a dicembre. Non che l’Italia arrivata fino a Copenaghen non sappia far di conto, come dice l’Ocse degli italiani. Semplicemente, pare difficile mantenersi sul pezzo con il campionato dilaniato dalle polemiche sui cori anti-napoletani e gli stadi chiusi, i club che premono sulle nazionali – non solo l’azzurra – per rilasciare i loro giocatori neanche fossero dei forzati, e il caso Balotelli sempre incombente. Oggi per la prima volta SuperMario andrà in tribuna. Prandelli assicura che il ragazzo non gli ha mai chiesto di tornare a casa per un dolore che non è un infortunio vero.

“Si tratta solo di un problemino, per Napoli può recuperare”, spiega il ct, e chissà se davvero all’attaccante fa piacere o non avrebbe preferito esattamente il contrario, titolare qui e lontano dall’attenzione dei napoletani. La lontananza del centravanti titolare, con le fatiche del giovane Rossi, costringono l’Italia a stravolgere i piani iniziali. Di fronte c’è la Danimarca del ct veterano Morten Olsen e dell’ex juventino Bendtner.

“Per fortuna che non ci sono i portieri del Nordsjelland e del Copenaghen” dice il rientrante Marchisio, che con la Juve in Danimarca è stato frenato per due volte dai muri danesi. “Sinceramente – aggiunge Prandelli – sono sorpreso che sia costretta a rincorrere il secondo posto: eravamo convinti fosse l’avversario più duro del girone, e in effetti a Milano ci avevano messo in difficoltà nel primo tempo”.

Domani, visto che non si può provare nè l’accoppiata Balotelli-Rossi nè quella Osvaldo-Balotelli, Prandelli mischia di nuovo tutte le carte. A offrirgliene l’occasione anche la necessità di rinunciare a qualche titolare (Barzagli e De Rossi in partenza) e di risparmiarne altri: Pirlo partirà dalla panchina, così come Abate. Spazio dunque a Ranocchia e il rientrante Balzaretti in difesa, oltre forse a De Silvestri.

“Ma non chiamatela una nazionale sperimentale”. Piuttosto, senza l’assillo dei tre punti Prandelli confida di poter trovare con maggior facilità il bel gioco. Non fosse altro per confermare la teoria del capitano Buffon, che domani fa 137 presenze superando Cannavaro, che la nazionale è il volto migliore del calcio italiano.

“Io un pesce fuor d’acqua? No, non mi sento così – si schermisce Prandelli – neanche quando testimoniamo con la nostra presenza a Rizziconi o a Quarto qualcosa di importante”.

Ecco, Quarto, dopo la Danimarca e prima dell’Armenia, gli azzurri faranno visita al campo anticamorra. E Balotelli sarà al centro dell’attenzione. “Lui ha sempre paura degli infortuni, ma non ha chiesto di andarsene”, le parole di Prandelli mentre Abete sottolineava di non essere deluso dal comportamento del giocatore, ma lo invitava ‘’a migliorare’’. ‘’Semplicemente – l’aggiunta di Prandelli – Mario deve vivere con serenità i suoi 23 anni, affrontare i problemi senza accantonarli’’. Intanto al suo posto giocherà Osvaldo, altro giocatore ‘tormentato’. ‘’Se pensassero solo a giocare a calcio…’’, il pensiero del ct. Al quale la Danimarca, oltre ad ambizioni di vertice al Mondiale, deve ispirare anche altri pensieri. ‘’Allenare qui? Un giorno perché no. La qualità della vita è altissima’’. E soprattutto, un giocatore è solo un giocatore.

Ultima ora

19:36Funerale Riboldi: vescovo Acerra,è stato profeta di speranza

(ANSA) - ACERRA (NAPOLI), 13 DIC - "Il nostro don Antonio è stato un profeta, ha dato speranza al suo popolo, ha insegnato ai 'senzatutto' ad alzare la testa grazie al Vangelo e alla denuncia profetica". Così il vescovo di Acerra, Antonio Di Donna, durante l'omelia funebre per il suo predecessore Antonio Riboldi, vescovo emerito della città morto a Stresa nei giorni scorsi, che sarà tumulato nella cattedrale cittadina come da suo desiderio. Di Donna ha ricordato l'impegno di Don Riboldi per i terremotati della valle del Belice, e quello anticamorra ad Acerra. "Fino all'arrivo di Don Riboldi di camorra si parlava sottovoce - ha aggiunto il presule - lui si è esposto, l'ha fatto con la camorra, con le Br insieme al cardinale Martini, l'ha fatto per l'ambiente quando la camorra iniziava ad interrare ad Acerra i rifiuti tossici e forse questo è stato il suo più grande rammarico, perché non ha capito in tempo cosa stava succedendo".

19:31PyeongChang 2018: Malagò, se in doppia cifra facciamo molto

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Obiettivi per PyeongChang? Se andiamo in doppia cifra facciamo molto, poi bisogna capire la qualità del metallo che è sempre legata a tante variabili". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, che in vista dei prossimi giochi invernali di PyeongChang 2018 alza l'asticella rispetto alle edizioni precedenti. "A Torino avevamo il vantaggio di giocare in casa e non fa testo - spiega il capo dello sport italiano a margine della festa di fine anno delle Fiamme Gialle al Salone d'Onore del Foro Italico -, a Vancouver abbiamo vinto cinque medaglie, a Sochi ne abbiamo vinte otto e negli ultimi giorni ne abbiamo rimediata un'altra per strada per la squalifica dell'atleta russo. Se a PyeongChang arriviamo in doppia cifra facciamo molto".

19:07Calcio: Atalanta, 4-1 in amichevole al Renate

(ANSA) - BERGAMO, 13 DIC - L'Atalanta ha vinto 4-1 l'amichevole d'allenamento contro il Renate (girone B della serie C) degli ex Oscar Magoni (direttore sportivo), Giuseppe Ungaro e Antonio Palma (infortunato il secondo prestito, Gabriel Lunetta). A segno, tutti nel primo tempo, Vido (1') su filtrante di Haas, Cornelius (5') di testa su traversone di Gosens, lo svizzero in spaccata (29') dopo il palo di Kurtic, Guido Gomez in diagonale per gli ospiti (38') e Orsolini (43') su rigore procurato dal tedesco. In campo anche i Primavera Guth, Del Prato, Kulusevski e Barrow; il tecnico Gian Piero Gasperini ha risparmiato tutti i titolari di ieri a Genova provando il 4-2-3-1.

19:02Sci: Sofia Goggia atleta dell’anno Fiamme Gialle

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Va alla sciatrice Sofia Goggia il premio di atleta dell'anno 2017 delle Fiamme Gialle. Il riconoscimento è stato reso noto oggi durante il tradizionale incontro di fine anno che si è svolto al Salone d'Onore del Coni alla presenza delle massime istituzioni sportive e del presidente Giovanni Malagò. Vera rivelazione della stagione invernale 2016-2017 con i suoi 13 podi in Coppa del Mondo e il bronzo conquistato nello slalom gigante di St. Moritz, Sofia Goggia è stata capace anche di salire sul podio in quattro delle cinque discipline dello sci alpino: discesa libera, super G, combinata e slalom gigante. Durante l'evento, organizzato da Unipol Sai, sono stati consegnati anche i premi alla carriera a quattro grandi atleti delle Fiamme Gialle che terminano l'attività agonistica: Luca Agamennoni, Elisabetta Sancassani, Laura Milani e Giulia Quintavalle, storico oro nel judo ai Giochi di Pechino 2008.

19:00Caccia a Igor: killer a processo per tre rapine del 2015

(ANSA) - BOLOGNA, 13 DIC - Si è aperto al tribunale di Ferrara il processo a Igor il russo, alias di Norbert Feher, il killer serbo latitante accusato degli omicidi del barista di Budrio, Davide Fabbri, e della guardia volontaria Valerio Verri. Feher - chiamato Vaclavic Igor anche nel ruolo di udienza fuori dall'aula e non con il suo vero nome - viene processato per tre rapine commesse nell'estate 2015, secondo l'accusa di procura, carabinieri e polizia, con la sua banda composta da Ivan Pajdek e Patrik Ruszo, che sono già stati condannati in abbreviato rispettivamente a 15 e a 14 anni. "Sto difendendo un fantasma, lo so. Un imputato che in questo processo è accusato solamente dai suoi presunti complici, che lo indicano come capo della banda pur non ricordandone il nome (riferimento ai verbali di Pajdek e Ruszo, ndr)", ha detto l'avvocato Cristian Altieri, nominato da tempo d'ufficio. "Dove è Igor? - ha detto il legale - Me lo chiedono tanti giornalisti, ma non so cosa rispondere. Mai sentito né immagino dove possa essere". (ANSA).

18:57Calcio: Gagliardini, non possiamo mai abbassare guardia

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Avanti, con fatica. Dimostrazione che non possiamo abbassare la guardia, non possiamo mollare. Avanti e testa a sabato". Il centrocampista dell'Inter Roberto Gagliardini commenta su Twitter la partita di ieri di Coppa Italia contro il Pordenone vinta solo ai rigori dopo che i friulani sono riusciti a mantenere la porta e colpire anche un palo. Sabato l'Inter dovrà subito voltare pagina e sfiderà l'Udinese a San Siro con l'obiettivo di mantenere imbattibilità e primato in classifica.

18:50Rohani, Islam sia unito contro minaccia sionista

(ANSA) - ISTANBUL, 13 DIC - "L'Iran è pronto a cooperare con tutti i Paesi islamici senza alcuna riserva o precondizione per la difesa di Gerusalemme". Così il presidente iraniano, Hassan Rohani, intervenendo al summit straordinario dell'Organizzazione della cooperazione islamica (Oic) a Istanbul. Lanciando un appello alla "unità islamica" contro "il pericolo del regime sionista" di Israele, il leader di Teheran si è detto convinto che "i problemi tra i Paesi islamici possano essere risolti attraverso il dialogo".

Archivio Ultima ora