Usa, l’accordo all’ultimo respiro evita la possibile catastrofe

Pubblicato il 16 ottobre 2013 da redazione

WASHINGTON. – Accordo all’ultimo respiro. A una manciata di ore dal baratro, il Senato americano ha raggiunto un’intesa bipartisan per evitare il disastro del default e riaprire lo Stato Federale. Un passo che ha fatto balzare in avanti la borsa di Wall Street, con 200 punti Dow Jones di rialzo in pochi minuti, e ha ricevuto il plauso di Barack Obama. La parola definitiva passa ora alla Camera, a maggioranza repubblicana, ma tutto lascia pensare che il Tea Party, il grande sconfitto di questo durissimo braccio di ferro, molli la presa.

In un clima da ultima spiaggia, sotto gli occhi preoccupati di tutto il mondo, i palazzi di Washington hanno vissuto l’ennesima giornata convulsa segnata da trattative continue pur di evitare il fallimento ‘tecnico’ della prima potenza economica al mondo dalle conseguenze catastrofiche per tutto il pianeta. Già l’altra sera, dopo il fallimento del blitz da parte dei deputati ultra-conservatori, era chiaro che il pallino sarebbe tornato al Senato.

E così è stato: per tutta la giornata il capogruppo democratico Harry Reid e il suo collega repubblicano Mitch McDonnell sono tornati al lavoro per limare la proposta iniziale, quella già benedetta dalla Casa Bianca la settimana scorsa. E alla fine, verso ora di pranzo, ambedue si sono presentati nel ‘floor’, l’Aula della Camera Alta, per confermare il raggiungimento di questa intesa tanto sospirata. I contenuti sono noti da tempo: la riapertura dello Stato federale sino al 15 gennaio, l’innalzamento del tetto del debito sino al 7 febbraio e modifiche fiscali marginali alla riforma sanitaria, la controversa Obamacare.

Insomma, una sorta di tregua che secondo alcuni osservatori non risolve i problemi ma li rinvia di qualche mese. Tuttavia, non è un risultato da poco, visto che senza un’intesa, seppure parziale, il rischio era il disastro globale. Alla fine, sempre che la Camera confermi l’accordo, il bilancio della vicenda, in pillole, indica che la grande sconfitta è la politica di Washington, sempre meno capace di rispondere in modo adeguato ai problemi del Paese. Andando avanti però, il risultato sembra essere favorevole al presidente. Come ricorda il suo portavoce Jay Carney, Barack Obama “non ha pagato alcun riscatto” per difendere i suoi principi, che tradotto significa che non ha accettato modifiche importanti alla sua Obamacare.

Di contro, il partito repubblicano appare ormai dilaniato come mai prima, spaccato verticalmente tra un’area moderata vicina agli interessi di Wall Street che ha avuto la meglio, ma a fatica, dopo uno scontro durissimo con gli estremisti del Tea Party, guidati dal loro nuovo leader, il senatore texano Ted Cruz. Sono loro, i ‘patrioti’ anti-tasse, i veri sconfitti. Anche la personalità di spicco del Grand Old Party in parlamento, lo Speaker John Boehner, è uscito quanto meno molto offuscato, costretto a mediare tra tutti, senza mai riuscire a imporre la sua leadership. Insomma, un panorama desolante per un partito che, come scrive il Washington Post, appare come “una collezione di truppe senza un capo riconosciuto”.

(Marcello Campo/ANSA)

 

 

Ultima ora

19:31PyeongChang 2018: Malagò, se in doppia cifra facciamo molto

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Obiettivi per PyeongChang? Se andiamo in doppia cifra facciamo molto, poi bisogna capire la qualità del metallo che è sempre legata a tante variabili". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, che in vista dei prossimi giochi invernali di PyeongChang 2018 alza l'asticella rispetto alle edizioni precedenti. "A Torino avevamo il vantaggio di giocare in casa e non fa testo - spiega il capo dello sport italiano a margine della festa di fine anno delle Fiamme Gialle al Salone d'Onore del Foro Italico -, a Vancouver abbiamo vinto cinque medaglie, a Sochi ne abbiamo vinte otto e negli ultimi giorni ne abbiamo rimediata un'altra per strada per la squalifica dell'atleta russo. Se a PyeongChang arriviamo in doppia cifra facciamo molto".

19:07Calcio: Atalanta, 4-1 in amichevole al Renate

(ANSA) - BERGAMO, 13 DIC - L'Atalanta ha vinto 4-1 l'amichevole d'allenamento contro il Renate (girone B della serie C) degli ex Oscar Magoni (direttore sportivo), Giuseppe Ungaro e Antonio Palma (infortunato il secondo prestito, Gabriel Lunetta). A segno, tutti nel primo tempo, Vido (1') su filtrante di Haas, Cornelius (5') di testa su traversone di Gosens, lo svizzero in spaccata (29') dopo il palo di Kurtic, Guido Gomez in diagonale per gli ospiti (38') e Orsolini (43') su rigore procurato dal tedesco. In campo anche i Primavera Guth, Del Prato, Kulusevski e Barrow; il tecnico Gian Piero Gasperini ha risparmiato tutti i titolari di ieri a Genova provando il 4-2-3-1.

19:02Sci: Sofia Goggia atleta dell’anno Fiamme Gialle

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Va alla sciatrice Sofia Goggia il premio di atleta dell'anno 2017 delle Fiamme Gialle. Il riconoscimento è stato reso noto oggi durante il tradizionale incontro di fine anno che si è svolto al Salone d'Onore del Coni alla presenza delle massime istituzioni sportive e del presidente Giovanni Malagò. Vera rivelazione della stagione invernale 2016-2017 con i suoi 13 podi in Coppa del Mondo e il bronzo conquistato nello slalom gigante di St. Moritz, Sofia Goggia è stata capace anche di salire sul podio in quattro delle cinque discipline dello sci alpino: discesa libera, super G, combinata e slalom gigante. Durante l'evento, organizzato da Unipol Sai, sono stati consegnati anche i premi alla carriera a quattro grandi atleti delle Fiamme Gialle che terminano l'attività agonistica: Luca Agamennoni, Elisabetta Sancassani, Laura Milani e Giulia Quintavalle, storico oro nel judo ai Giochi di Pechino 2008.

19:00Caccia a Igor: killer a processo per tre rapine del 2015

(ANSA) - BOLOGNA, 13 DIC - Si è aperto al tribunale di Ferrara il processo a Igor il russo, alias di Norbert Feher, il killer serbo latitante accusato degli omicidi del barista di Budrio, Davide Fabbri, e della guardia volontaria Valerio Verri. Feher - chiamato Vaclavic Igor anche nel ruolo di udienza fuori dall'aula e non con il suo vero nome - viene processato per tre rapine commesse nell'estate 2015, secondo l'accusa di procura, carabinieri e polizia, con la sua banda composta da Ivan Pajdek e Patrik Ruszo, che sono già stati condannati in abbreviato rispettivamente a 15 e a 14 anni. "Sto difendendo un fantasma, lo so. Un imputato che in questo processo è accusato solamente dai suoi presunti complici, che lo indicano come capo della banda pur non ricordandone il nome (riferimento ai verbali di Pajdek e Ruszo, ndr)", ha detto l'avvocato Cristian Altieri, nominato da tempo d'ufficio. "Dove è Igor? - ha detto il legale - Me lo chiedono tanti giornalisti, ma non so cosa rispondere. Mai sentito né immagino dove possa essere". (ANSA).

18:57Calcio: Gagliardini, non possiamo mai abbassare guardia

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Avanti, con fatica. Dimostrazione che non possiamo abbassare la guardia, non possiamo mollare. Avanti e testa a sabato". Il centrocampista dell'Inter Roberto Gagliardini commenta su Twitter la partita di ieri di Coppa Italia contro il Pordenone vinta solo ai rigori dopo che i friulani sono riusciti a mantenere la porta e colpire anche un palo. Sabato l'Inter dovrà subito voltare pagina e sfiderà l'Udinese a San Siro con l'obiettivo di mantenere imbattibilità e primato in classifica.

18:50Rohani, Islam sia unito contro minaccia sionista

(ANSA) - ISTANBUL, 13 DIC - "L'Iran è pronto a cooperare con tutti i Paesi islamici senza alcuna riserva o precondizione per la difesa di Gerusalemme". Così il presidente iraniano, Hassan Rohani, intervenendo al summit straordinario dell'Organizzazione della cooperazione islamica (Oic) a Istanbul. Lanciando un appello alla "unità islamica" contro "il pericolo del regime sionista" di Israele, il leader di Teheran si è detto convinto che "i problemi tra i Paesi islamici possano essere risolti attraverso il dialogo".

18:49Gerusalemme: Alfano, appello a moderazione nella regione

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Facciamo un appello alla moderazione a tutti gli attori della regione e confidiamo sia evitata una escalation violenza da cui nessuno trarrebbe beneficio". Così il ministro degli Esteri Angelino Alfano rispondendo in Aula alla Camera al question time sulla decisione Usa di trasferire l'ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme. Su Gerusalemme "il negoziato e la non violenza sono l'unica strada", ha ribadito Alfano: "La questione di Gerusalemme capitale deve essere discussa nell'ambito del negoziato sui due Stati". In questo contesto, "non sono messi in discussione i legami di amicizia con Israele", ha sottolineato il ministro, ricordando l'organizzazione della conferenza sull'antisemitismo prevista per gennaio a Roma durante la presidenza Osce.

Archivio Ultima ora