16 ottobre 1943, razzia ebrei in mostra la vita quotidiana

Pubblicato il 16 ottobre 2013 da redazione

ROMA. – Dalla A di Berta Abramsohn alla Z di Zaira Zarfati, passando per i Terracina, Piperno, Spizzichino. E’ con un muro di nomi, esattamente 1.022 vite, anime e futuri spezzati, che si apre il viaggio nel tempo di ”16 ottobre 1943 – La razzia degli ebrei di Roma”, mostra che da domani fino al 30 novembre racconterà al Complesso del Vittoriano una delle pagine più terribili della storia recente, la deportazione romana di 70 anni fa. Una ferita mai chiusa, per il cui ricordo sono arrivati al museo il presidente del Senato Pietro Grasso, il ministro dei Beni culturali Massimo Brani, Renzo Gattegna e Riccardo Pacifici, presidenti dell’Unione delle Comunità Ebraiche italiane e di quella di Roma, insieme a molte famiglie delle vittime, e alla quale il curatore Marcello Pezzetti ha voluto restituire i volti, delle vittime e, per la prima volta, anche dei carnefici. ”Non c’è mai stata una mostra sul 16 ottobre – spiega Pezzetti – anche se fu la prima e la più grande deportazione d’Italia.

La mostra è dedicata soprattutto agli studenti. Secondo me dovremmo farne una versione itinerante”. Volutamente, il racconto parte molto prima del ’43, quando, all’inizio del secolo, gli ebrei a Roma sono perfettamente integrati nella società, professionisti, commercianti o persino ammiragli della prima guerra mondiale. ”Nessuno si aspettava quello che sarebbe accaduto”, dice il curatore. E invece eccoli lì, uno accanto all’altro i ritratti dei carnefici, da Theodor Dannecker a Herbert Kappler, e ”per la prima volta anche di alcuni dei 365 riservisti tedeschi e austriaci” chiamati come rinforzo per il progetto diabolico di una deportazione che volevano di 8 mila ebrei.

”Fino ad oggi non sapevamo chi fossero – spiega ancora Pezzetti -. Erano uomini comuni, impreparati, infatti riuscirono a prendere ‘solo’ 1.250 ebrei”. A testimoniare la confusione di quei giorni, anche un telegramma del vicariato che proibiva al convento teresiano di accogliere ebrei il 16 ottobre. E ancora, i foglietti scritti a macchina in italiano con cui i tedeschi facevano capire i loro ordini dopo le irruzioni in casa: prendete vestiti, gioielli, cibo per 8 giorni e nessuno, neanche i malati, deve rimanere indietro. Una dettagliatissima mappa racconta come il rastrellamento attraversò tutta la città, con singoli ebrei pescati fino in periferia e non solo nel ghetto. E poi, la telecronaca disegnata dal pittore Aldo Gay su quelle drammatiche ore, le video interviste dell’Archivio della Memoria e della Spielberg Foundation e della Fondazione Museo della Shoah, i bigliettini d’aiuto lanciati dal treno della morte in partenza dalla stazione Tiburtina.

E soprattutto una galleria fatta di fotografie, giocattoli, vestitini, diari, a ricordare ancora una volta che quelle vittime erano mamme, bambini, nonni, ragazzi. C’è chi riconosce commosso il papà e chi si rivede ragazzo, come Lello Di Segni, 87 anni e unico sopravvissuto alla deportazione che vive ancora a Roma. ”Un viaggio dolorosissimo – commenta Bray – e insieme un’occasione importante, perché la cultura serve a tutelare il patrimonio, ma anche la memoria. Mi auguro serva a capire che c’era un disegno preciso, che nulla accadde per caso”. ”E’ una giornata della memoria – conclude Grasso – che deve insegnare ai giovani cosa non deve mai più accadere”.

(Daniela Giammusso/ANSA)

Ultima ora

16:04Figc: Malagò, non posso commissariare

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Commissariare la Federcalcio? Sulla base di quello che è emerso non ci sono gli estremi, fermo restando che ognuno ha una sua idea della partita e vediamo se il mondo del calcio, come sembra volere, dimostrerà di riuscire da solo autonomamente a venire fuori da fatti abbastanza curiosi". Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, nel giorno in cui scadeva l'ultimatum alla Figc per il commissario. Provvedimento che il n.1 del Comitato olimpico nazionale aveva legato all'eventuale mancata elezione delle cariche in Lega A ma aggirato dalla richiesta di proroga del commissariamento in capo al presidente dimissionario della Figc, Carlo Tavecchio. "C'è stata questa richiesta esplicita della Lega di A e bisogna prenderne atto - aggiunge Malagò a margine della presentazione della partnership di Coni e Cip con Toyota - Vediamo se il mondo del calcio vorrà cambiare, a cominciare dalla Lega A che da tempo infinito sta cercando di eleggere i suoi nomi. Non è vero che facciamo il tifo affinché ciò non avvenga".

16:00Coni: Malagò precisa, nessuna legge ad personam

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Legge 'ad personam' per il sottoscritto sul limite dei mandati? Non è assolutamente così. Quello è un testo superato e tutti i presidenti federali che hanno fatto anche più di tre mandati possono concludere questo mandato e candidarsi anche al prossimo. È una notizia riportata in modo sbagliato da chi vuole sempre strumentalizzare". Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, allontana così le polemiche sulle modifiche all'emendamento della legge di Stabilità sull'innalzamento a tre del limite dei mandati. Secondo alcuni giornali, una legge 'ad personam' in quanto non sarebbe prevista la retroattività per i presidenti federali ma soltanto per il presidente del Coni: "Non è così. C'è semplicemente la volontà di rispettare quelli che sono gli insegnamenti del Cio - precisa Malagò - il Coni è emanazione del Cio ed è giusto che ne segua anche quelle che sono le indicazioni, i suggerimenti. Il Cio prevede un limite di tre mandati a presidente e si chiede di uniformarci".

15:52Champions: Malagò, poteva andare peggio

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "I sorteggi di Champions? Ora gli allenatori (Allegri e Di Francesco, ndr) diranno, come è giusto che sia, che serve la massima cautela, ma mi sembra che poteva andare peggio. Non ci si può lamentare". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, a margine della presentazione della partnership di Coni e Comitato Paralimpico con la Toyota avvenuta a Roma, commentando i sorteggi degli ottavi di finale di Champions League, che vedono la Juventus affrontare gli inglesi del Tottenham e la Roma gli ucraini dello Shakhtar Donetsk.

15:49Champions: la carica di Di Francesco

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Lo Shakhtar Donetsk è una squadra forte, che ha saputo qualificarsi attraverso un girone molto difficile. Noi abbiamo lottato per guadagnarci questi ottavi, ce la metteremo tutta per continuare il nostro cammino. Forza Roma!". Questo il commento, via Twitter, del tecnico Eusebio Di Francesco dopo l'accoppiamento negli ottavi di Champions League tra la Roma e la formazione ucraina. La Roma in passato ha incrociato già lo Shakhtar nella massima competizione europea. Nel 2006 le due squadre si affrontarono nella fase a gironi (vittoria dei giallorossi per 4-0 all'Olimpico e sconfitta per 1-0 a Donetsk), mentre nel 2011 si sfidarono negli ottavi con due sconfitte per la Roma (2-3 e 3-0) e conseguente eliminazione.

15:44++ New York, esplosione a stazione bus Manhattan ++

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. La polizia e i vigili del fuoco sono sul posto, secondo i media americani, che riferiscono di scene di panico.

15:43Europa League: il quadro dei 16/i di finale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il quadro dei sedicesimi di finale di Europa League dopo il sorteggio di Nyon (andata 15 febbraio 2018, ritorno 22 febbraio): Borussia Dortmund-Atalanta; Nizza-Lokomotiv Mosca; Copenaghen-Atletico Madrid; Spartak Mosca-Athletic Bilbao; Aek Atene-Dinamo Kiev; Celtic-Zenit San Pietroburgo; Napoli-Lipsia; Stella Rossa-Cska Mosca; Lione-Villarreal; Real Sociedad-Salisburgo; Partizan-Viktoria Plzen; Steaua Bucarest-Lazio; Ludogorets-Milan; Astana-Sporting Lisbona; Ostersunds-Arsenal; Sporting Braga-Marsiglia.

15:42Avvelenati tallio: killer ha usato acqua minerale

(ANSA)- MONZA, 11 DIC - Avrebbe utilizzato l'acqua minerale per avvelenare i suoi familiari Mattia Del Zotto, il 27 enne di Nova Milanese (Monza), reo confesso di aver ucciso volontariamente i nonni paterni e una zia e di aver tentato di uccidete i nonni materni, due zii e la badante, perché "soggetti impuri". È quanto emerso stamane dall'interrogatorio di garanzia reso dal giovane al Gip Federica Centonze sabato mattina in carcere a Monza. Le indagini della Procura di Monza si concentrano quindi sulle bottiglie a cui il giovane aveva accesso nella cantina comune della palazzina dove vive tutta la sua famiglia a Nova. Il veleno, senza sapore o odore, potrebbe essere inoltre stato inserito dal giovane anche in alcuni integratori destinati ai nonni materni e ad un infuso alle ortiche.

Archivio Ultima ora