Crisi affossa giornalai, via 12mila edicole in 8 anni

ROMA. – Recessione, peso fiscale, crisi dell’informazione tradizionale: sono i fattori che più duramente hanno colpito la rete di vendita della carta stampata: in otto anni dal 2005 ad oggi, in Italia sono sparite 12mila edicole di giornali e periodici. E il futuro non promette alcuna ripresa: l’ipotesi di un aumento dell’Iva per i prodotti editoriali, dal 4% al 22%, si tradurrebbe in un nuovo colpo ai consumi di quotidiani e riviste, che tra il 2011 e il 2012 hanno già visto un calo dei ricavi da vendita rispettivamente del 9,5% e del 6,6%. A lanciare l’allarme è Fenagi, l’associazione di categoria Confesercenti, riunita oggi a Roma per l’assemblea elettiva. “Il calo di vendite è un fenomeno cui assistiamo da diversi anni, ma che ha subito un’improvvisa accelerazione a causa della recessione” spiega il presidente di Fenagi, Giovanni Lorenzetti. “Se l’aumento Iva si dovesse tradurre in realtà – dice – la rete di vendita sparirà prima della carta stampata. Mettendo a rischio un servizio di vicinato essenziale soprattutto in un Paese come l’Italia, dove il digital divide è ancora ampio, soprattutto per alcune fasce d’età. Non è un caso che per la carta stampata l’utenza giovanile dei quotidiani sia pari al 22,9%, mentre per gli ultrasessantacinquenni è pari al 52,3%. Ma a rischio è anche il pluralismo dell’informazione garantito da giornali e riviste tradizionali, che offrono un ‘secondo tempo’ di approfondimento di qualità sui temi più importanti, ancora non eguagliato dall’informazione di rapido consumo disponibile online”. Tornando all’allarme chiusure, a soffrire sono soprattutto le edicole e i negozi tradizionali. Secondo le elaborazioni Fenagi-Confesercenti, nel 2005 si contavano sul territorio circa 42mila punti vendita, di cui il 71% rappresentato da chioschi e negozi promiscui (la rete tradizionale prima della liberalizzazione del 2001), mentre la restante quota era ascrivibile alla ‘nuova rete’, composta da bar, tabaccherie, supermercati, distributori carburanti e altri. Nel 2013, il numero complessivo di punti vendita è calato a 30mila unità. A pagare di più la crisi è stato soprattutto l’universo delle edicole e dei negozi della rete tradizionale, che hanno visto un saldo negativo di 13mila imprese, vedendo calare il loro peso al 55% circa del totale. Un crollo non compensato dalla piccolissima crescita (poco sopra le 1.300 unità) della nuova rete. Portando così il saldo finale a -12mila punti vendita. La crisi della rete è conseguente a quella della carta stampata, evidenziano gli edicolanti: nel 2012 i quotidiani hanno registrato ricavi di vendita inferiori del 6,6% rispetto all’anno precedente, mentre per i periodici l’emorragia è stata del 9,5%. E per il 2013 le stime prevedono un calo di altri 420 milioni per i giornali e di 620 milioni di euro per le riviste: sarà il sesto anno consecutivo di contrazione.

(Paola Barbetti/ANSA)

Condividi: