Maradona.Il mio è solo un gesto popolare

Pubblicato il 22 ottobre 2013 da redazione

ROMA. – Nessuna scusa, nessuna marcia indietro, però una precisazione: “è stato un malinteso”. Stavolta Diego Armando Maradona, appena ripartito per Dubai, preferisce uno stop ai tanti dribbling che lo hanno reso famoso e cerca di stemperare le polemiche delle ultime 48 ore che lo hanno riportato per l’ennesima volta su tante prime pagine, complice il gesto dell’ombrello fatto ad Equitalia durante la trasmissione di Fabio Fazio domenica sera. ”Mi spiace per questo malinteso, per un un gesto genuinamente popolare ma senza cattiveria” e di tante polemiche che ne sono seguite ”perché non è mai stata mia intenzione offendere nessuno neppure il fisco”, le parole del ‘pibe de oro’ che aggiunge di “non essere mai fuggito” e di “non cercare sconti a Equitalia ma solo giustizia”. ”Il mio domenica era solo un gesto liberatorio in una trasmissione divertente e dimostrerò la verità anche con un libro”, scrive Maradona in un un sms inviato al suo legale Angelo Pisani. E aggiunge: ”non ho agito come calciatore dribblando la questione Equitalia ma, come fanno tutti gli italiani, ho dato mandato ad un avvocato”. Non c’è aggressività nelle parole dell’ex fuoriclasse argentino – pesantemente insultato dal viceministro dell’Economia Fassina e dal capogruppo Pdl alla Camera Brunetta – che si dice dispiaciuto ”di aver urtato la sensibilità dei massimi organi del Parlamento” e si augura ”che gli stessi parlamentari comprendano l’umore di un uomo che riceve una multa di 40 milioni e viene trattato da criminale e alle accuse risponde con un gesto genuinamente popolare ma senza cattiveria. E poi ci sono 39 milioni di motivi per giustificare un gesto. Sono molto triste e dispiaciuto – si legge nel lungo sms all’avvocato – che qualcuno abbia pensato che io volevo colpire gli italiani. Ti giuro che voglio tanto bene a tutti gli italiani e che mai ho pensato di offendere loro e neppure il fisco”. Chi non ha preso bene il pesante botta e risposta degli ultimi giorni è Fabio Fazio, secondo il quale “l’aggressività che connota questi tempi lascia sgomenti. L’insulto – si legge in un suo tweet – è diventata la sola forma di comunicazione. Sconfitta per tutti”. Per Bartolomeo Pepe, senatore napoletano eletto per l’M5S l’ex capitano del Napoli non deve scusarsi di nulla perché, spiega, “Maradona ha avuto il coraggio di un gesto che tutti gli italiani vorrebbero fare”. Insomma, ”piena solidarietà al personaggio Maradona – dice Pepe – che non è solo un ex campione ma dà fastidio a molti per il suo modo di essere e perchè dice le cose in faccia. Lo stanno utilizzando come capro espiatorio, mentre i veri evasori non li vanno mai a cercare”. Se per il sindaco di Firenze Matteo Renzi “è evidente che Maradona ha sbagliato e probabilmente Fazio avrebbe dovuto essere più duro” (“guardare Maradona-Fazio è uno specchietto per le allodole – chiosa – perché qui c’è un problema etico”), l’episodio del gesto dell’ombrello non ha lasciato insensibile la ‘parte lesa’, cioè l’Agenzia delle Entrate ha avviato una serie di controlli sui compensi tv del ‘pibe de oro’: ”Equitalia sta effettuando le verifiche sui compensi che Maradona, o qualche società collegata, hanno percepito per i diritti d’immagine relativi ai dvd in commercio”, ha fatto sapere Antonella Gorret, portavoce delle Entrate.

Ultima ora

22:39Tap: Emiliano, Governo incosciente, presenteremo esposto

(ANSA) - BARI, 12 DIC - "I fatti accaduti in Austria hanno dimostrato che le preoccupazioni della Regione Puglia hanno un fondamento evidente che ci obbligherà nei prossimi giorni a sottoporre alla Procura della Repubblica competente un esposto che mira a salvaguardare l'incolumità pubblica dalla incosciente decisione del Governo di ritenere non assoggettabile alle direttive Seveso l'impianto Tap". In una nota, il presidente della Puglia, Michele Emiliano, replica al ministro dello Sviluppo Carlo Calenda, che aveva criticato le rimostranze della regione sul gasdotto Tap. Per Emiliano, "di incoscienza collettiva evidentemente si tratta se è vero che il Ministro Calenda dalle notizie della vittima e dei 21 feriti in Austria trae lo spunto solo per ribadire che il TAP è necessario proprio per sopperire alla temporanea carenza di gas distribuita nel Nord Europa ove dovessero ripetersi incidenti analoghi a quello accaduto oggi". "Si tratta con ogni evidenza - rimarca Emiliano - di un caso di strabismo politico".

22:06Calcio: Mondiale club, 1-0 al Pachuca dts, Gremio in finale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - I brasiliani del Gremio si sono qualificati alla finalissima del Mondiale per club battendo 1-0 i messicani del Pachuca dopo i tempi supplementari del match giocato ad Al Ain, stadio Hazza bin Zayed, negli Emirati Arabi Uniti. Decisivo il gol di Everton al 5' del primo tempo supplementare dopo che i 90' regolamentari si erano conclusi a reti inviolate. La squadra allenata dall'ex romanista Renato affronterà la vincente dell'altra semifinale tra Real Madrid e l'Al-Jazira in programma domani.

21:53Terremoto: Boldrini a delegazione Camerino,vi resterò vicina

(ANSA) - CAMERINO (MACERATA), 12 DIC - "Quello che ho visto nelle vostre terre non lo dimenticherò mai, anche perché la vostra terra è anche la mia terra. Abbiamo fatto molto e sono consapevole che molto di più c'è ancora da fare. Siamo arrivati a fine legislatura, ma io, qualunque sarà il mio ruolo in futuro, continuerò a esservi vicina. Questa è la mia promessa". Sono le parole, si legge in una nota del Comune di Camerino, che la presidente della Camera Laura Boldrini ha rivolto a una delegazione di cittadini camerti, ricevuta in visita a Montecitorio. Insieme al sindaco Gianluca Pasqui c'erano rappresentanti di scuole, associazioni e dell'Università. Pasqui ha anche preso parte alla riunione del Comitato legislativo, ricordando che ''se davvero si vuole fare il bene dei Comuni terremotati bisogna entrare nello specifico delle singole realtà''. "Ho chiesto di rivedere il cratere sismico - ha detto il sindaco -. Non è possibile che ogni comune venga curato alla stessa maniera, che a più malati venga data la stessa medicina. Dobbiamo intervenire con decisione affinché il cratere venga rivisto, senza escludere nessuno, ma intervenendo con le necessarie indicazioni in base alle necessità. Le differenze ci sono e le istituzioni le devono evidenziare affinché parta quella ricostruzione che oggi sembra ancora un miraggio".

21:52Ap: direzione vota documento separazione consensuale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il documento per la separazione consensuale di Ap, che mantiene al momento invariati i gruppi parlamentari, è stato votato all'unanimità dalla Direzione Nazionale.

21:51Migranti: domani vertice a Parigi Macron-Gentiloni-Merkel

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni sarà domani, mercoledì 13 dicembre, a Parigi, per il vertice con il presidente francese Emmanuel Macron, la cancelliera tedesca Angela Merkel e i capi di Stato e di governo del G5 Sahel Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger. L'incontro, presso il castello di La Celle-Saint-Cloud, avrà inizio alle ore 12. Al termine è prevista una conferenza stampa congiunta. E' quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi.

21:48Usa: Roy Moore va a votare a cavallo

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - Il candidato senatore per il partito repubblicano Roy Moore si è recato a votare in Alabama a cavallo. Lo riportano i media americani. Roy Moore è favorito nonostente le accuse di molestie sessuali nei confronti di minorenni. A sostenerlo si è schierato con decisione anche il presidente americano Donald Trump.

21:35Liberia: elezioni, il 26 dicembre ballottaggio Weah-Boakai

(ANSA) - IL CAIRO, 12 DIC - Si terrà il 26 dicembre il ballottaggio delle elezioni presidenziali in Liberia fra George Weah, ex-attaccante del Milan, e il vicepresidente uscente Joseph Boakai. La data è stata annunciata oggi pomeriggio dalla Commissione elettorale dopo che venerdì scorso la Corte Suprema aveva stabilito che nel primo turno delle elezioni svoltesi il 10 ottobre c'erano state irregolarità e brogli, ma non così gravi da giustificare una ripetizione del voto. In origine era previsto che per eleggere il successore della presidente Ellen Johnson Sirleaf, nel primo passaggio dei poteri senza traumi da oltre 70 anni, il ballottaggio si tenesse il 7 novembre. Vi era stato però un ricorso del terzo classificato, Charles Brumskine, poi respinto dalla Corte suprema. Sirleaf, premio Nobel per la pace e prima donna capo di stato in Africa, è stata presidente dal 2006, dopo la cacciata (avvenuta nel 2003) del potente 'signore della guerra' Charles Taylor.

Archivio Ultima ora