La Fiorentina non si ferma più: travolto il Panduri

FIRENZE – Sulla scia della grande rimonta fatta domenica scorsa contro la Juve la Fiorentina ha travolto anche i romeni del Pandurii (3-0, a segno Joaquin, Matos e Cuadrado) nella terza gara della fase a gironi di Europa League.

La squadra viola, prima nel proprio gruppo a punteggio pieno, è davvero ormai ad un passo dalla qualificazione ai sedicesimi, un traguardo che centrerà se otterrà un risultato positivo in Romania fra due settimane.

La Fiorentina, spinta dai suoi tifosi ancora euforici per il successo sulla Juve a cui sono stati riservati cori e sfottò, ha chiuso la pratica già nel primo tempo, in vantaggio di due reti: dopo i brividi iniziali per una traversa colpita dopo soli 3’ da Matulevicius su tiro di Pereira e un buon intervento di Neto su Ungurusan, la squadra viola – rivoluzionata per 8/11 rispetto a quella che ha rimontato sulla Juventus battendola per 4-2 – ha colto il momento giusto per colpire, merito di Joaquin imbeccato al 26’ da Gonzalo Rodríguez, l’unico confermato insieme a Borja Valero e Neto del gruppo titolare di domenica scorsa. L’esterno spagnolo, al secondo gol consecutivo dopo quello realizzato ai bianconeri, ha dribblato due avversari e superato il portiere con un tocco preciso che ha festeggiato imitando il gesto del torero nell’arena.

Otto minuti dopo la Fiorentina ha raddoppiato con un assolo del ventenne Matos, schierato al posto di Giuseppe Rossi nel tridente formato da Joaquin e da Iakovenko preferito a Cuadrado: per il ventenne attaccante brasiliano è la seconda rete in Europa League dopo quella segnata ai portoghesi del Pacos. Nella ripresa i rumeni hanno avuto qualche sussulto d’orgoglio ma sono stati i viola a passare ancora grazie a Cuadrado, entrato poco prima al posto di Matos, con un forte diagonale.

La squadra di Montella, che nel corso del match ha avuto ben tre capitani (Gonzalo Rodríguez, Borja Valero e infine Aquilani che si sono passati la fascia), avrebbe potuto arrotondare ancor più il punteggio se i tiri di Iakovenko e in pieno recupero di Cuadrado non si fossero stampati sulla traversa. Come aveva preannunciato a suo tempo il tecnico viola e come hanno richiesto i Della Valle, la Fiorentina sta onorando al meglio l’avventura europea. E ora sotto col campionato: l’aspettano le trasferte con il Chievo e il Milan e nel mezzo la gara interna con il Napoli prima di tornare a tuffarsi nella coppa.