Usa ai partner: attenti ai segreti di Snowden

NEW YORK. – State attenti ai segreti in mano a Edward Snowden. Cercando di arginare i danni creati dal Datagate, l’amministrazione Obama sta allertando i servizi di intelligence di alcuni Paesi informandoli che nell’archivio della ‘talpa’ della Nsa, ci sono documenti sulla loro cooperazione segreta con gli Usa. Sono carte che se rese pubbliche potrebbero compromettere alcune operazioni, e potrebbero anche rivelarsi alquanto imbarazzanti, e non solo per gli Usa. Lo hanno spiegato alcuni funzionari al Washington Post, secondo cui la procedura per informare i dirigenti in varie capitali sui rischi di una diffusione dei segreti carpiti da Snowden è delicata, poiché ci sono casi in cui alcuni settori dei governi che collaborano con gli 007 americani potrebbero essere a conoscenza di tale collaborazione, mentre altri, come i ministeri degli Esteri, potrebbero non esserlo. Alcuni documenti, inoltre, fanno riferimento ad operazioni che in alcuni casi coinvolgono Paesi che non sono pubblicamente alleati degli Stati Uniti. Ma oltre che sul piano politico e diplomatico, i danni potrebbero essere significativi anche sul piano operativo. In un caso, ad esempio, affermano i funzionari citati in forma anonima dal Post, i file contengono informazioni su un’operazione di un Paese Nato contro la Russia da cui arriva ”intelligence preziosa” per l’Aeronautica e la Marina Usa. ”Se i russi lo venissero a sapere, non sarebbe difficile per loro prendere le misure appropriate per porre fine” all’operazione, afferma una fonte. Snowden è entrato in possesso di circa 30 mila documenti segreti attraverso un sistema denominato ‘Joint Worldwide Communications System Intelligence’, o JWICS, hanno detto le fonti, secondo cui si tratta di materiale che non riguarda l’attività di sorveglianza dell’Nsa, ma soprattutto intelligence sulle capacità militari di altri Paesi, tra cui sistemi d’armamenti come missili, navi e caccia. Più volte, nota il Post, Snowden ha affermato di non aver intenzione di danneggiare gli Usa. ”Ha messo ben in chiaro che non intende compromettere le legittime attività di intelligence e di sicurezza nazionale”, ha affermato Thomas Drake, un ex alto funzionario della Nsa che di recente lo ha incontrato a Mosca. Inoltre, ricorda il Post, di recente Snowden ha detto al New York Times di non aver portato con sè a Mosca alcun documento: ”Ci sono zero possibilità che i russi o i cinesi possano ricevere alcun documento”, ha affermato. Ma l’amministrazione non è di certo tranquilla. ”Dipendiamo molto dalla condivisione di intelligence con i nostri partner stranieri”, ha detto una fonte, mentre un’altra ha sottolineato che in questo campo la fiducia è molto importante e se viene a mancare, i nostri partner stranieri ”ci penseranno due volte prima di condividere qualsiasi cosa con noi”.

Condividi: