Gaetano Ardagna, un italo-venezuelano al volante

Pubblicato il 25 ottobre 2013 da redazione

CARACAS.- Con umiltà e gentilezza Gaetano Ardagna, corridore venezuelano, ci ha ricevuto nel suo ufficio, dove sono esposti brillanti trofei e fotografie di tutti i suoi successi. Parlare con Ardagna è come parlare con un amico. Semplicità, simpatia e serenità sono le parole con cui si può collegare. Nonostante avesse altre cose da fare, ci ha dedicato del tempo per parlarci sulla sua vita.

«Ho cominciato nel 1993, quando avevo 15 anni e mia madre non era molto d’accordo con quello ciò che volevo, ma dopo si è adattata», così Ardagna ci ha spiegato come è stata la prima risposta della sua famiglia verso ciò che sarebbe l’inizio della sua carriera. Col passare degli anni la sua fama era in crescita ed alla fine, nel 2010, è arrivata ad un livello internazionale. «Sono arrivato molto tardi in Europa. Nonostante ciò, quest’anno ho avuto la seconda vittoria consecutiva alla 12 Ore di Abu Dhabi, sono stato campione Europeo, ho raggiunto il quinto posto nel Fia GT3, il terzo nel Trofeo Maserati, così come nella 24 ore di Spa Francorchamps». Proprio di quest’ultima, Ardagna si sente particolarmente orgoglioso giacché si è trattato di una corsa in cui gli è toccato guidare 10 ore. Una sfida notevole che ha saputo gestire alla grande.

Il suo successo oltre i confini nazionali non è soltanto Europa, ma anche America latina. In Colombia, ad esempio, ha vinto per il secondo anno consecutivo le 6 ore di Bogotà, grazie anche al supporto del suo team.

Nel tentativo di conoscere i suoi gusti, gli abbiamo chiesto di più sulla sua auto preferita ed anche sul Paese che ha amato di più durante il suo giro per l’Europa. «La Ferrari», ha risposto senza pensarci sù nemmeno un istante. «La Ferrari è il sogno di tutti». Dopo aver guidato tante auto da corsa come Lamborghini e Maserati si è reso conto di quale sia la sua preferita. Infatti, quasi tutte le sue gare le corre con una Ferrari 458. Per il resto, riguardo al suo Paese preferito: «Assolutamente l’Italia. Innanzitutto perché conosco tante cose sull’Italia, forse addirittura più di quante ne conosca del Venezuela. In secondo luogo per la gente».

Parte della sua straordinaria abilità al volante è stata ereditata da suo padre che è stato pilota professionista per 23 anni. Adesso “Tano”, come è chiamato dalla famiglia e dagli amici, ha un bambino di quasi due mesi. Una nuova generazione che fa pensare a molti che la tradizione familiare sia destinata ad andare ancora oltre. Lo stesso Ardagna ci ha detto che in futuro rispetterà qualsiasi decisione del figlio anche se l’automobilismo è oggettivamente qualcosa di molto pericoloso. «Dopo tanti anni di esperienza, mi rendo conto dei pericoli che sono in agguato. Quest’anno – afferma con tono improvvisamente drammatico – sono morti due miei compagni in pista».

«Mia moglie si preoccupa molto e per questo motivo ritengo sia meglio che non mi accompagni ogni volta che devo viaggiare», ha spiegato. Benché sia molto difficile essere lontano dalla famiglia, e ancor di più quando si ha un bimbo appena nato, è un sacrificio molto grande con il quale Tano convive.

Ardagna è inoltre molto fortunato perché ha l’appoggio di tutta la famiglia. Tanto al punto che sua sorella è anche la sua manager personale. «A lei il compito più difficile: organizzare tutto. Prenotare gli alberghi, acquistare i biglietti, eccetera. Sembra facile, ma non è affatto così».

Dopo alcuni minuti, con orgoglio ma allo stesso tempo con grande umiltà, Ardagna ci ha mostrato numerose fotografie e video che ha raccolto durante questi anni. La cosa più affascinante è stata il modo in cui ricordava ogni momento. Sapeva sempre esattamente come, dove e quando era stata vissuta ciascuna immagine. Momenti importanti e meravigliosi di cui non si dimentica nulla. Nemmeno i dettagli.

Gaetano Ardagna è una persona che ha tutto: famiglia, amore, carriera, ma come lui ci ha dimostrato, umiltà e semplicità. E questo è senza dubbio uno degli aspetti più belli di quest’incontro. E se si fanno le cose con passione, si otterranno sempre buoni risultati.

Yessica Navarro

Ultima ora

09:52Riciclaggio e frodi, Dia sequestra beni per 20 mln euro

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Dalle prime ore di questa mattina, la Sezione operativa Dia di Bologna, coadiuvata dai Centri operativi di Bari, Firenze e Napoli, dalle Sezioni operative di Lecce e Salerno e dai Nuclei di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Ravenna e Foggia, sta dando esecuzione, nelle province di Ravenna, Foggia e Taranto, a 7 provvedimenti di cattura e contestuali decreti di sequestro per un patrimonio complessivo di 20 milioni di euro, emessi dal gip di Ravenna, nonché a numerosi decreti di perquisizione disposti dalla Procura di Ravenna. L'operazione, denominata 'Malavigna', ha permesso di ricostruire l'operato di un sodalizio criminale, specializzato nel riciclaggio di ingenti capitali di provenienza illecita e nelle frodi fiscali perpetrate mediante l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, capeggiato da un imprenditore ravennate e da pregiudicati contigui alla criminalità organizzata operante nella provincia di Foggia.

09:34Ex calciatore ucciso: fermati un uomo e una donna

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - Due persone, un uomo e una donna, sono state sottoposte a fermo per l'omicidio e la soppressione del cadavere di Andrea La Rosa, 35enne milanese ex calciatore di serie C e neo direttore sportivo del Brugherio calcio (Monza), scomparso il 14 novembre scorso. I due sono stati interrogati a lungo dai carabinieri dopo che nel bagagliaio dell'auto di cui la donna era alla guida era stato rinvenuto, ieri, il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa. La vettura era stata notata dai militari lungo la Milano-Meda, all'altezza del Comune di Varedo. L'auto era ferma, la donna stava tentando di liberarsi del cadavere.(ANSA).

09:00Molestie: Usa, Dustin Hoffman accusato da altre due donne

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - Dustin Hoffman sempre piu' nella bufera, con nuove accuse di molestie sessuali rivolte da diverse donne. Una di queste racconta di essere stata abusata quando aveva solo 16 anni in un hotel di New York. Cori Thomas, questo il nome della ragazza, era allora una compagna di classe della sorella dell'attore che invito' le due ragazze nella sua stanza d'albergo per una cena. Quando la sorella di Hoffman ando' via - racconta Thomas - l'attore si ando' a fare una doccia e ritorno' con indosso solo un asciugamano che all'improvviso si tolse facendosi vede nudo. Hoffman chiese poi alla ragazza di massaggiargli i piedi. Un'altra donna, Melissa Kester, racconta invece come l'attore prese la sua mano e la infilo' nei suoi pantaloni mentre erano nello studio di registrazione. Hoffman, 80 anni, vincitore del premio Oscar, e' stato gia' accusato di molestie nelle settimane scorse dall'attrice Anna Graham Hunter che all'epoca dei fati, nel 1985, aveva 17 anni.

08:55Casa Bianca, Trump ha parlato al telefono con Putin

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Il presidente americano Donald Trump ha parlato al telefono nelle ultime ore col presidente russo Vladimir Putin. Lo rende noto la Casa Bianca, che per il momento non informa sui contenuti del colloquio telefonico.

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

Archivio Ultima ora