Polonia: Addio Mazowiecki, premier della svolta post-comunista

Pubblicato il 28 ottobre 2013 da redazione

VARSAVIA. – La Polonia piange uno dei protagonisti della transizione post-comunista: é morto a 86 anni in un ospedale di Varsavia Tadeusz Mazowiecki, intellettuale cattolico ‘prestato’ alla politica che fu fra gli artefici discreti – in una stagione segnata da grandi figure carismatiche come quella di papa Wojtyla e di Lech Walesa – della svolta democratica del paese del 1989 e del ritorno dell’Europa oltre-cortina sulla strada della libertà. “E’ stato il nostro padre fondatore”, lo ha salutato il presidente Bronislaw Komorowski. “Oggi diamo l’addio a uno dei politici più eminenti del ventesimo secolo e a un uomo eccezionale, ma al contempo buono e modesto”, gli ha fatto eco il premier Donald Tusk. In segno di lutto sono state poste a mezz’asta le bandiere degli uffici pubblici di tutto il paese ed è stato annunciato il lutto nazionale in vista dei funerali. Nato a Ploch nel 1927, Mazowiecki studiò legge a Varsavia e come giovane cattolico impegnato si legò all’associazione Pax di Boleslaw Piasecki, attiva nel dopo guerra a cercare di strappare spazi d’iniziativa sociale autonomi in un difficile dialogo con il regime comunista di allora. Espulso da Pax sull’onda di una rivolta interna contro Piasecki, nel 1956 Mazowiecki con altri intellettuali fondò poi un nuovo movimento e nel 1958 partecipò alla creazione del periodico Wiez (Il legame) per dare una scossa ai giovani cattolici. Entusiasta di fronte all’apertura della Chiesa al mondo contemporaneo proclamata con il Concilio da Giovanni XXIII, Mazowiecki sostenne il vento del rinnovamento ecclesiale anche in patria e fu deputato fra il 1961 e il 1971 all’interno di un gruppo minoritario di cattolici denominato Znak (Il segno). Finché, dopo la repressione della primavera di Praga, perse definitivamente la speranza di poter contribuire a dare un qualunque ‘volto umano al socialismo reale’. Dagli anni Settanta aderì definitivamente al dissenso aperto e all’opposizione democratica contro il regime comunista. E con gli storici scioperi dell’agosto 1980 nei cantieri navali di Danzica si unì alla sfida del neonato sindacato Solidarnosc, divenendo uno dei più stretti consiglieri di Lech Walesa. A seguito della legge marziale introdotta dal generale Jaruzelski, il 13 dicembre 1981, Mazowiecki fu arrestato con migliaia di seguaci di Walesa e chiuso per diversi mesi in un campo d’internamento. Poi, dopo il rilascio, fu con lo storico liberale Bronislaw Geremek e con Jacek Kuron fra i promotori della tavola rotonda fra opposizione e governo: momento chiave di transizione destinata a culminare con la vittoria di Solidarnosc alle elezioni del 1989 e con l’avvento dello stesso Mazowiecki alla guida del primo governo non comunista polacco. Ruolo che lo vide impegnato sul fronte della ricostruzione democratica, ma anche, con l’economista Leszek Balcerowicz, su quello della ‘terapia di shock’ verso l’economia di mercato. Importante e simbolica fu inoltre in quegli anni la riconciliazione fra il popolo polacco e quello tedesco (dopo la sistemazione definitiva del problema delle frontiere), segnata dal celebre abbraccio tra Mazowiecki e Helmut Kohl durante una cerimonia a Krzyzowa, il 12 novembre 1989. Più tardi l’ex premier si sarebbe speso – da convinto europeista aperto al dialogo con tutti – per un allargamento coordinato di Ue e Nato in Europa centro-orientale. Lasciati gli incarichi di governo, negli anni ’90 fondò il partito liberale Unione democratica e una sezione polacca della Fondazione Schumann: adattandosi col tempo a un ruolo politico più defilato nella nuova Polonia secolarizzata, da padre nobile e coscienza critica del Paese. Molto stimato dal compatriota Giovanni Paolo II, Mazowiecki – cattolico democratico fino in fondo – non mancò di esprimere apprezzamento in una delle sue ultime interviste (rilasciata all’Ansa) anche verso il nuovo pontefice. “Tutta la nostra speranza – disse – è ora riposta in papa Francesco”.

Ultima ora

20:38Migranti: Avramopoulos a Amnesty, non siamo complici

(ANSA) - STRASBURGO, 12 DIC - La maggior parte delle raccomandazioni di Amnesty International "fa già parte delle nostre azioni": è quanto afferma, interpellato dall'ANSA, il commissario europeo alle migrazioni Dimitris Avramopoulos. "Siamo consapevoli delle condizioni disumane e terribili che alcuni affrontano - sostiene - ma non siamo complici". "La situazione in Libia - ha aggiunto Avramopoulos - non è cattiva a causa dell'Unione europea, anzi è leggermente migliore grazie all'Unione europea. E abbiamo ancora molto lavoro da fare per renderlo ancora migliore. L'Unione europea, le sue istituzioni e i suoi Stati membri stanno lavorando per salvare vite umane: puro e semplice. Lo facciamo impedendo alle persone di annegare nel Mediterraneo, evacuandole dalle condizioni disastrose in Libia e offrendo loro percorsi sicuri e legali per venire in Europa".

20:35New York: Trump, stop alla lotteria dei visti

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - All'indomani dell'attacco terroristico a Ny, Donald Trump torna a chiedere una riforma delle leggi sull'immigrazione, abolendo sia il sistema della lotteria dei visti sia quello della catena migratoria fondata sui legami di parentela, con i quali sono arrivati in Usa gli autori degli ultimi due attacchi.

20:19Da Parigi 12 progetti per il clima

(ANSA) - PARIGI, 12 DIC - L'ufficio del presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato 12 progetti da centinaia di milioni di dollari per combattere il cambiamento climatico, che sono stati presentati al vertice sul clima "One Planet Summit" a Parigi. Tra questi, un programma per lo sviluppo di auto elettriche in otto stati americani, un fondo di investimento per i paesi caraibici colpiti dagli uragani e finanziamenti per fondazione di Bill Gates che sostiene gli agricoltori.

20:10Honduras: Hrw, forti indizi di frode alle presidenziali

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 12 DIC - Esistono "forti indizi di frode" nelle elezioni presidenziali in Honduras dello scorso 26 novembre. "Vanno accertati per rispettare la volontà degli elettori": a dirlo è stato José Miguel Vivanco, responsabile per l'America Latina di Human Rights Watch (Hrw). In un comunicato, Hrw sottolinea che "diversi osservatori internazionali hanno informato di irregolarità nel processo elettorale, che hanno sollevato seri dubbi sulla legittimità delle elezioni". "Dopo che sono emersi questi dati sulla manipolazione dei risultati elettorali, sono iniziate le proteste, e le autorità hanno decretato lo stato di emergenza", prosegue la nota. Il Tribunale Supremo Elettorale (Tse) dell'Honduras non ha ancora proclamato il nuovo presidente del paese centroamericano, ma gli ultimi dati diffusi danno per vincitore il presidente uscente, Juan Orlando Hernandez, mentre lo sfidante dell'opposizione, Salvador Nasralla, ha detto di non riconoscere lo scrutinio ufficiale e di considerarsi eletto.

20:01Il Crocifisso affisso in Consiglio comunale a Genova

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - Per la prima volta il crocifisso è entrato ufficialmente nell'aula del Consiglio comunale di Genova a fianco del gonfalone del Comune, delle bandiere dell'Unione Europea, dell'Italia, della città di Genova e dell'Associazione nazionale Comuni italiani. E' stato affisso alle spalle dei banchi della Giunta nella prima seduta utile convocata oggi pomeriggio a Palazzo Tursi dopo che l'assemblea martedì scorso ha approvato una mozione presentata da Lega Nord, prima firmataria, FdI, Vince Genova e Direzione Italia, per l'introduzione del crocifisso nella sala consiliare.

19:58Si apre voragine durante lavori in casa, cadono due operai

(ANSA) - NAPOLI, 12 DIC - Stavano effettuando dei lavori di manutenzione nel piano interrato di una casa quando si è aperta una voragine, di circa 6-7 metri, e due operai sono precipitati dentro. E' accaduto poco a fa a Napoli, in via Villari. Secondo i Vigili del Fuoco i due operai parlano e le loro condizioni non sembrerebbero gravi. In atto le operazioni di recupero; la voragine si è creata sotto uno sgabuzzino. Sul posto anche la Polizia municipale di Napoli.

19:56Calcio: Mondiale club, Zidane “non sarà facile ripetersi”

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "Questo Mondiale per club non è paragonabile all'anno scorso: c'è minore differenza di fuso orario. E poi, ci siamo allenati solo per due giorni, ma siamo ugualmente concentrati sulla partita di domani. Abbiamo studiato gli avversari, ma la cosa più importante è l'atteggiamento in campo". Così Zinedine Zidane, alla vigilia della semifinale del Mondiale per club che domani opporrà il 'suo' Real Madrid ai padroni di casa dell'Al-Jazira Abu Dhabi. Zidane ha dei dubbi di formazione, perché Bale e Varane non sono al top, Kroos e Modric influenzati. Nel Mondiale per club è previsto l'uso della Var che, per Zidane, "non cambierà nulla", nell'attesa che sbarchi nella Liga. "E' normale - dice il francese - che la tecnologia entri a far parte del calcio, è fatta per migliorare le cose". Il Real si presenta da campione del mondo in carica e, anche quest'anno, farà "il massimo per vincere, anche se non sarà facile", fa notare Zidane. "Intanto, però, si deve conquistare la finale", le parole del tecnico.

Archivio Ultima ora