Prossimo appuntamento: voto decadenza Berlusconi

Pubblicato il 05 novembre 2013 da redazione

ROMA. – Confermata la fiducia in Anna Maria Cancellieri, la maggioranza delle larghe intese guarda già all’appuntamento chiave del suo futuro: la votazione sulla decadenza di Silvio Berlusconi che i capigruppo del Senato hanno fissato per il 27 novembre. Il caso Cancellieri, il cui esito era scontato dopo la fiducia rinnovata da Enrico Letta al Guardasigilli, ha tuttavia dimostrato che il partito della crisi non ha deposto le armi: il Pd ha rinnovato l’appoggio al ministro della Giustizia pur giudicando inopportuno il suo comportamento nella vicenda Ligresti (un modo per coprirsi contro le critiche piovute da sinistra sul doppiopesismo della Cancellieri), il Pdl l’ha invece difesa con veemenza ritenendola vittima del clima di giustizialismo che inquina il Paese. Distanza di posizioni che la dice lunga sulle difficoltà di tenere unita una coalizione così eterogenea. Sulle posizioni di destra e sinistra pesano gli appuntamenti imminenti, la votazione dei senatori ma anche il congresso del Pd. E, secondo il democratico Beppe Fioroni, Berlusconi e Renzi li attendono con un obiettivo comune: le elezioni. Certamente la pace per il governo appena annunciata da Angelino Alfano dopo l’incontro ad Arcore con il Cavaliere è sembrata traballare quando un paio d’ore dopo è stata annunciata la data in cui il leader del centrodestra dovrebbe essere costretto ad abbandonare il Parlamento: impossibile far finta di nulla, hanno gridato all’unisono i falchi. Nella loro intransigenza si legge la volontà di non consentire all’ex delfino di prendere le redini di Forza Italia ma anche una contraddizione: Berlusconi decadrà comunque dal seggio di senatore quando la Cassazione si esprimerà in via definitiva sull’interdizione dai pubblici uffici. Questione di settimane, non di mesi. Dunque il fuoco di sbarramento sembra giustificato da altri obiettivi: rivedere la legge di stabilità su casa e cuneo fiscale (per dare un risultato al proprio elettorato) e individuare in qualche modo i ”colpevoli” della defenestrazione del leader e del pesante clima politico. In tal senso, Berlusconi sembra implicitamente addossare a Giorgio Napolitano parte delle responsabilità quando dice che il capo dello Stato avrebbe ancora tempo per concedergli la grazia motu proprio. Il Cavaliere non può ignorare, alla luce della nota del Quirinale di agosto, che questa è ritenuta dal presidente della Repubblica una strada impraticabile. Eppure torna a parlarne, escludendo evidentemente di poter chiedere di persona la clemenza (perché ciò significherebbe accettare la sentenza di condanna e riconoscere la colpa). E’ lungo questo tortuoso binario che si rischia il corto circuito istituzionale, anche perché i lealisti – come fa sapere Gianfranco Rotondi – non accettano che il loro leader sia cacciato dal Parlamento. Con inevitabili conseguenze su partito e governo. E’ vero che finora Alfano si è dimostrato sicuro del fatto suo. Ma una divisione in due del fronte dei berlusconiani, proprio in coincidenza della caduta del Cavaliere, non lo aiuterebbe a ridisegnare i contorni di una forza che si candida a guidare l’area moderata all’ombra del Ppe; su di lui pioverebbero accuse di tradimento e di parricidio. Già adesso gli oltranzisti sospettano che abbia lanciato la proposta delle primarie solo per delegittimare la leadership del capo carismatico. Ma è difficile anche spiegare l’interesse del Cavaliere a rinchiudersi in un bunker senza vie d’uscita con il suo movimento spezzato a metà. L’impressione è che tutto sia ancora in ballo, i colpi di coda sempre possibili. Ciò spiega il tentativo di Alfano di prendere tempo e di scongiurare una convocazione anticipata del Consiglio nazionale. Forse la transizione potrebbe essere più facile se il clima precongressuale nel Pd fosse più mite. Invece, attorno al tesseramento gonfiato si è scatenata una furiosa battaglia per le cariche interne di partito, ultima posta in gioco dal momento che i sondaggi assegnano a Matteo Renzi un vantaggio incolmabile alle primarie su Gianni Cuperlo. Non è un’immagine positiva per un partito che si candida ad essere il nuovo della politica italiana: non a caso il sindaco rottamatore cerca in rete suggerimenti sul come riformarne linea e basi. Ma il vero interrogativo resta il rapporto tra Pd e governo: Pierluigi Bersani ha ribadito che a suo parere l’esecutivo Letta non è in grado di far ripartire il Paese, l’unica svolta radicale sarebbe stato l’accordo con i grillini. Una prospettiva lontana sia dal premier che dal sindaco di Firenze che restituisce la foto di un Pd frammentato e non in grado in questo momento di essere elemento di stabilità.

(di Pierfrancesco Frerè/ANSA)

Ultima ora

12:18Scherma: Arianna Errigo 2/a nella sciabola in cdm a Cancun

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Una fiorettista sul podio della sciabola. E' accaduto sulle pedane messicane di Cancun dove Arianna Errigo, che col fioretto in mano ha conquistato sin qui un argento olimpico individuale ed un oro a squadre, due volte campionessa del Mondo, due volte campionessa europea, vincitrice di sedici prove di Coppa del Mondo, è finita seconda al termine del Grand Prix FIE. A fermare la scalata dell'azzurra verso il gradino più alto è stata solo l'ucraina Olga Kharlan che ha fermato l'azzurra 15-6.

12:13Bomba devasta negozio a pochi giorni da inaugurazione

(ANSA) - NICOTERA (VIBO VALENTIA), 17 DIC - Una bomba ha devastato la notte scorsa, a Nicotera, il negozio "Splendidi e Splendenti" la cui inaugurazione era attesa a giorni. L'attività commerciale presa di mira con un ordigno, fatto esplodere intorno alle 4.15, è situata nel centro storico del paese. Ingenti i danni, ancora in corso di quantificazione. Sul posto, per spegnere l'incendio seguito alla deflagrazione, sono intervenuti i vigili del fuoco. Le indagini sull'accaduto sono state avviate dai carabinieri. Al momento non viene esclusa nessuna ipotesi. Quella predominante è che si sia trattato di un avvertimento preventivo che alza il livello di attenzione e di preoccupazione nella zona feudo del clan di 'ndrangheta dei Mancuso. (ANSA).

12:08Auto: San Marino festeggia i 50 anni della Fams

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Una serata ricca di emozione e grande partecipazione. Così è stato il Gala della FAMS che ha festeggiato a Palazzo Kursaal a San Marino, i suoi 50 anni di attività. Tra le massime autorità della Repubblica erano presenti il segretario di Stato allo Sport Marco Podeschi e il presidente del CONS, Comitato Olimpico Sammarinese, Gian Primo Giardi. Tantissimi i campioni delle quattro ruote e tanti i personaggi che sono stati premiati perché, a vario titolo, hanno contribuito al successo della Federazione Auto Motoristica Sammarinese in questo ultimo mezzo secolo. Gradito e sentito il videomessaggio, proiettato in sala, inviato da Jean Todt, presidente FIA nonché presidente onorario della FAMS e ambasciatore della Repubblica di San Marino, a testimonianza della sua grande vicinanza a San Marino e alla FAMS.

12:05Sci: Hirscher in testa gigante Badia, azzurri indietro

(ANSA) - ALTA BADIA (BOLZANO), 16 DIC - Il campione austriaco Marcel Hirscher in 1.12.15 e' al comando dopo la prima manche dello slalom gigante di cdm di Alta Badia sula classica pista Gran Risa. Hirscher ha vinto in serie le ultime quattro edizioni di questa gara eguagliando i successi sulla Gran Risa di Alberto Tomba. Secondo tempo per il norvegese Henrik Kristoffersen in 1.12.32 e terzo a sorpresa lo sloveno Zan Kranjec in 1.12.48. Miglior azzurro, dopo la prova dei primi trenta migliori atleti, e' il trentino Luca De Aliprandini 10/o in 1.13.30 e autore di una ottima manche rovinata pero' da un grave errore quando con la spalla destra e' finito dentro la quarta porta. Poi vi sono Riccardo Tonetti al momento 13/o in 1.13.52, Manfred Moelgg in 1.13.70, Roberto Nani in 1.13.99 e Florian Eisath in 1.14.13. e

12:04Pakistan: Quetta, attacco a chiesa, saliti a 7 i morti

(ANSA) - ISLAMABAD, 17 DIC - Almeno sette persone sono morte e altre 25 sono rimaste ferite oggi in seguito a un attacco di un commando di quattro kamikaze contro la chiesa metodista Bethel Memorial a Quetta, nella provincia pachistana di Balochistan. Fonti delle forze di sicurezza hanno indicato che al momento dell'attacco all'interno dell'edificio di culto c'erano almeno 400 persone che seguivano il servizio religioso domenicale. Dei quattro kamikaze, due sono morti e altri due sono riusciti a fuggire prima dell'arrivo delle forze speciali pachistane. Secondo il ministro dell'Interno del Balochistan, Mir Sarfraz Bugti i militanti, pesantemente armati, hanno tentato di prendere ostaggi all'interno della chiesa, ma non ci sono riusciti. Per il momento nessun gruppo ha rivendicato l'operazione terroristica.

11:09Brexit: sondaggio, ‘no’ in vantaggio record di 10 punti

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - I sudditi di Sua Maestà sembrano far marcia indietro sulla Brexit. Il 51% degli elettori britannici si dice ora contrario all'addio all'Ue contro il 41% che voterebbe di nuovo per il divorzio: il distacco di 10 punti e' il più grande mai registrato dal referendum del 23 giugno 2016. E' quanto emerge da un sondaggio esclusivo commissionato dal quotidiano britannico The Independent alla società demoscopica BMG Research.

08:45Honduras: sorella presidente morta in incidente elicottero

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 17 DIC - Hilda Hernandez, sorella del presidente dell'Honduras Juan Orlando Hernandez, è morta, con altre cinque persone, in un incidente di elicottero, schiantatosi su una montagna vicino alla capitale Tegucigalpa. La donna, 51 anni, era addetta alle comunicazioni per il fratello, ed era stata ministro dello sviluppo sociale durante la precedente amministrazione dell'allora presidente Porfirio Lobo. L' elicottero militare trasportava Hernandez, quattro membri della sua scorta e un pilota. Era decollato dall'aeroporto internazionale di Tegucigalpa alla volta della sua residenza a Comayagua, 60 chilometri dalla capitale. Poco dopo, l'aeronautica ha dato il velivolo per disperso. I resti dell'elicottero sono stati poi trovati sulle montagne vicine a Tegucigalpa, senza sopravvissuti. Hernandez è coinvolto in una disputa sulle elezioni presidenziali in cui ha conquistato il 43% dei voti contro il 41,4% del candidato di opposizione Salvador Nasralla. Il vincitore non è stato ancora proclamato ufficialmente.

Archivio Ultima ora