Colombia e Farc trovano accordo su ex guerriglieri

Pubblicato il 06 novembre 2013 da redazione

L’AVANA. – L’accordo raggiunto a Cuba dal governo di Bogotà e le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (Farc) risolve uno dei punti cruciali della trattativa di pace lanciata dal presidente Juan Manuel Santos per porre fine al più lungo conflitto interno dell’America Latina: il futuro politico della guerriglia dopo la firma di un eventuale accordo finale di pace. In una conferenza stampa comune all’Avana, le due parti hanno sottolineato che in questo modo “l’implementazione dell’accordo finale contribuirà ad ampliare e approfondire la democrazia, giacché si abbandoneranno le armi e la violenza come metodi di azione politica, per passare a uno scenario di democrazia con piene garanzie per aprire nuovi spazi alla partecipazione”. L’accordo raggiunto ieri definisce una serie di misure politiche transitorie da applicare dopo l’accordo di pace, fra la quali la principale è la creazione di distretti elettorali speciali nelle zone più colpite dal decennale conflitto, per fare sì che le popolazioni locali dispongano di una rappresentanza speciale in Parlamento. Un altro punto cruciale dell’intesa è la creazione di una conferenza nazionale, con partecipazione di rappresentanti di tutte le forze politiche colombiane, “per definire il contenuto di uno statuto di garanzie per i partiti che si dichiarino in opposizione” al governo di Bogotà. L’accordo raggiunto rappresenta una soluzione negoziata per il secondo punto nell’agenda fissata per la trattativa di pace, apertasi ad Oslo e proseguita all’Avana, dopo quello definito per la situazione del settore rurale in Colombia. E anche se il responsabile della delegazione governativa, Humberto de la Calle, ha descritto l’intesa raggiunta a Cuba come “una carambola a tre sponde”, il comunicato comune diffuso ricorda tuttavia che “uno dei principi che guidano queste conversazioni è che nulla è concordato finché tutto non sarà concordato”, ossia che tutte le intese sono subordinate nella loro applicazione ad un accordo generale di pace. Resta il fatto che l’intesa annunciata ieri sembra aver rotto un clima di diffidenza e dissapori fra le parti, che secondo molti analisti stava rallentando la trattativa. Ora i colloqui riprenderanno fra 10 giorni con in programma un punto ancora più spinoso: i rapporti fra le Farc e il narcotraffico. 

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora